Salute 1 Ottobre 2020 08:31

A Milano la Casa pediatrica diventa 4.0: arriva un macchinario per controllare 24 ore su 24 cuore e respiro dei piccoli pazienti

Il direttore Bernardo: «Possibile registrare i dati del singolo bambino, monitorarlo durante la degenza e oltre e gestire tutti i reparti a distanza»

di Federica Bosco
A Milano la Casa pediatrica diventa 4.0: arriva un macchinario per controllare 24 ore su 24 cuore e respiro dei piccoli pazienti

Casa pediatrica 4.0. Il reparto dei più piccoli ospiti del Fatebenefratelli Sacco diretto dal professor Luca Bernardo è sempre più tecnologico. Dopo l’esperienza come reparto Covid altamente interattivo grazie a monitor collocati nelle aree comuni e nelle singole stanze dell’area isolamento, è tornato ad essere il punto di riferimento per le patologie dell’infanzia e dell’adolescenza, ma con un elemento in più. Un macchinario in grado di monitorare i parametri vitali ed emodinamici dei piccoli pazienti 24 ore su 24.

ALLA CASA PEDIATRICA UNA BANCA DATI DELLA SALUTE

«Cuore, respiro, battito cardiaco. Tutto viene tenuto sotto controllo – spiega il professor Luca Bernardo –. È fondamentale e importante perché permette non solo di seguire il paziente nel reparto, ma anche lungo percorsi esterni, non solo durante la degenza. È di altissima qualità, ultramoderno e può essere ulteriormente implementato. È uno dei primi monitor in grado di avere una centralina e di gestire tutti i reparti a distanza. C’è anche la possibilità di registrare i dati del singolo bambino che all’interno del macchinario avrà la storia dei suoi parametri vitali durante la degenza e anche oltre. Come un tesoretto terrà custoditi i valori del passato e del presente per farne un uso in caso di necessità in futuro».

FOOD & LIFE FESTEGGIA I 10 ANNI DI ATTIVITÀ CON UN DONO PER I BAMBINI DELLA CASA PEDIATRICA

Un impegno che per Casa pediatrica è stato possibile grazie alla generosità dell’associazione Food & life di Marcello Forti e della moglie, la giornalista televisiva Francesca Senette, che hanno voluto donare il macchinario al professor Bernardo e alla Casa pediatrica in occasione del decimo anniversario della loro associazione. «Ci siamo sempre occupati negli anni di sostegno prevalentemente a donne e bambini. Da quest’anno abbiamo deciso di spostare la nostra attenzione a Milano e abbiamo subito pensato alla Casa pediatrica».

IL FUTURO DELLA TECNOLOGIA

La tecnologia al servizio della medicina rappresenta la nuova frontiera di Casa pediatrica post-Covid. Una sfida raccolta da associazioni e fondazioni che con le loro donazioni hanno reso possibile un reparto altamente innovativo. «In ogni settore ci sono degli iPad che permettono di effettuare il collegamento con le camere, di chiamare con face time e di fare anche ricerche in rete, ma soprattutto di stare in collegamento con i famigliari».

Una innovazione mordi e fuggi che si ritrova anche nella camera relax, sulle cui pareti sono raffigurate le evoluzioni del pianeta, dal big bang all’avvento dei dinosauri, e vi capeggia una tappezzeria che oltre ad evocare animali preistorici permette, con la luce solare, di respingere la polvere.

«È sufficiente passare la mano sulla parete – mostra il professor Bernardo – per rendersi conto che gli acari della polvere vengono respinti e la superficie si presenta perfettamente pulita. Un sistema che, in un ambiente asettico come quello medico, rappresenta una grande conquista perché c’è un’attenzione assoluta per la sanificazione, come dimostra il kit che si trova dinnanzi ad ogni stanza con il camice idrorepellente, la mascherina, gli occhiali, lo stetoscopio e i calzari che devono essere indossati da medici e infermieri per ogni visita e cambiati subito dopo. La zona dell’isolamento è la più tecnologica: le camere e i corridoi sono dotati di monitor e con l’autorizzazione dei genitori possiamo vigilare sui ragazzi 24 ore su 24, il che aiuta da un punto di vista clinico, del controllo e della sicurezza del paziente», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
Recovery, Fondazione Italia in Salute: «Fondi siano usati per digitalizzare la sanità pubblica»
L'analisi della professoressa Cascini: «Grazie alla tecnologia, la gestione della pandemia ha cambiato gli equilibri mondiali a favore della Cina»
Screening neonatale, non passa il rifinanziamento nella legge di Bilancio. Ciancaleoni Bartoli (OMaR): «Scippo ai danni dei malati rari, non ci arrendiamo»
Il Professor Scarpa, coordinatore della Rete Europea: «Italia leader in Europa con 40 esami. Per il futuro della ricerca sulle malattie rare metaboliche occorre formare una nuova classe di medici»
di Federica Bosco
Medicina 4.0: il progetto TO CONVEY per affiancare l’oncologo millennial nel cambio della professione medica
Al via il corso di formazione in partnership con 24ORE Business School, Università Cattolica del Sacro Cuore EngageMinds Hub e AIOM per sostenere gli oncologi nel disegnare il nuovo paradigma del rapporto medico-paziente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Lavoro

Vaccino anti-Covid a medici e operatori sanitari, in caso di scarsa adesione ci sarà l’obbligo?

Ricciardi e Anelli favorevoli all'obbligatorietà del vaccino se la risposta della categoria non dovesse essere adeguata. Ma è possibile imporlo? L’opinione di due costituzionalisti
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...