Salute 1 Ottobre 2020

A Milano la Casa pediatrica diventa 4.0: arriva un macchinario per controllare 24 ore su 24 cuore e respiro dei piccoli pazienti

Il direttore Bernardo: «Possibile registrare i dati del singolo bambino, monitorarlo durante la degenza e oltre e gestire tutti i reparti a distanza»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Casa pediatrica 4.0. Il reparto dei più piccoli ospiti del Fatebenefratelli Sacco diretto dal professor Luca Bernardo è sempre più tecnologico. Dopo l’esperienza come reparto Covid altamente interattivo grazie a monitor collocati nelle aree comuni e nelle singole stanze dell’area isolamento, è tornato ad essere il punto di riferimento per le patologie dell’infanzia e dell’adolescenza, ma con un elemento in più. Un macchinario in grado di monitorare i parametri vitali ed emodinamici dei piccoli pazienti 24 ore su 24.

ALLA CASA PEDIATRICA UNA BANCA DATI DELLA SALUTE

«Cuore, respiro, battito cardiaco. Tutto viene tenuto sotto controllo – spiega il professor Luca Bernardo –. È fondamentale e importante perché permette non solo di seguire il paziente nel reparto, ma anche lungo percorsi esterni, non solo durante la degenza. È di altissima qualità, ultramoderno e può essere ulteriormente implementato. È uno dei primi monitor in grado di avere una centralina e di gestire tutti i reparti a distanza. C’è anche la possibilità di registrare i dati del singolo bambino che all’interno del macchinario avrà la storia dei suoi parametri vitali durante la degenza e anche oltre. Come un tesoretto terrà custoditi i valori del passato e del presente per farne un uso in caso di necessità in futuro».

FOOD & LIFE FESTEGGIA I 10 ANNI DI ATTIVITÀ CON UN DONO PER I BAMBINI DELLA CASA PEDIATRICA

Un impegno che per Casa pediatrica è stato possibile grazie alla generosità dell’associazione Food & life di Marcello Forti e della moglie, la giornalista televisiva Francesca Senette, che hanno voluto donare il macchinario al professor Bernardo e alla Casa pediatrica in occasione del decimo anniversario della loro associazione. «Ci siamo sempre occupati negli anni di sostegno prevalentemente a donne e bambini. Da quest’anno abbiamo deciso di spostare la nostra attenzione a Milano e abbiamo subito pensato alla Casa pediatrica».

IL FUTURO DELLA TECNOLOGIA

La tecnologia al servizio della medicina rappresenta la nuova frontiera di Casa pediatrica post-Covid. Una sfida raccolta da associazioni e fondazioni che con le loro donazioni hanno reso possibile un reparto altamente innovativo. «In ogni settore ci sono degli iPad che permettono di effettuare il collegamento con le camere, di chiamare con face time e di fare anche ricerche in rete, ma soprattutto di stare in collegamento con i famigliari».

Una innovazione mordi e fuggi che si ritrova anche nella camera relax, sulle cui pareti sono raffigurate le evoluzioni del pianeta, dal big bang all’avvento dei dinosauri, e vi capeggia una tappezzeria che oltre ad evocare animali preistorici permette, con la luce solare, di respingere la polvere.

«È sufficiente passare la mano sulla parete – mostra il professor Bernardo – per rendersi conto che gli acari della polvere vengono respinti e la superficie si presenta perfettamente pulita. Un sistema che, in un ambiente asettico come quello medico, rappresenta una grande conquista perché c’è un’attenzione assoluta per la sanificazione, come dimostra il kit che si trova dinnanzi ad ogni stanza con il camice idrorepellente, la mascherina, gli occhiali, lo stetoscopio e i calzari che devono essere indossati da medici e infermieri per ogni visita e cambiati subito dopo. La zona dell’isolamento è la più tecnologica: le camere e i corridoi sono dotati di monitor e con l’autorizzazione dei genitori possiamo vigilare sui ragazzi 24 ore su 24, il che aiuta da un punto di vista clinico, del controllo e della sicurezza del paziente», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Perché non ci sono professionisti pediatrici nel gruppo che ha redatto le regole per i tamponi ai bambini?»
di Filippo Festini, Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Università di Firenze
Come comportarsi con i bambini ai tempi del Covid-19? La pediatra scioglie alcuni dubbi
Sono numerose le domande che in questi giorni assillano i genitori di bambini: dal come comportarsi in caso di Covid-19 in classe al vaccino antinfluenzale. Cerchiamo allora di fugare qualche dubbio parlando con la dottoressa Silvia Bartolozzi, dirigente medico pediatra presso l’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma e segretario aziendale Cisl Medici Lazio. Vaccino antinfluenzale: […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
«Il coronavirus non riguarda la pediatria? È solo apparenza». Presentato il position paper AOPI
Da AOPI il documento sulla presa in carico del paziente pediatrico in epoca Covid-19. Petralia: «Proponiamo al Governo di destinare una quota degli investimenti previsti per il SSN alla costruzione di un fondo ad hoc per gli ospedali pediatrici»
di Tommaso Caldarelli
Un programma per combattere l’obesità infantile, che colpisce un bambino su dieci
Il professor Bernardo, direttore della Casa Pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano: «I primi mille giorni di vita fondamentali per prevenire gravi problemi in età adulta e ridurre costi del Sistema Sanitario Nazionale»
di Federica Bosco
BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori
Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare