Professioni Sanitarie 8 Febbraio 2022 10:18

Tecnici ortopedici, Guidi (CdAN): «Restyling del corso di laurea e lotta all’abusivismo sono le nostre priorità»

La presidente della CdA Nazionale: «L’hi-tech ha migliorato la precisione dei presidi, ma le nuove leve non sono adeguatamente preparate dalle università all’utilizzo delle nuove tecnologie. Sono le aziende a sopperire “di tasca propria” alla carenza formativa»

Ordinamenti didattici obsoleti e abusivismo sono le priorità in agenda per i tecnici ortopedici italiani. «La nostra è una professione “antica” – dice Silvia Guidi, presidente della Commissione d’Albo Nazionale e della CdA Pisa-Livorno-Grosseto dei tecnici ortopedici – che, pur essendosi evoluta nel tempo, ha mantenuto la medesima priorità: adattare l’ausilio, l’ortesi o la protesi al paziente, cercando di migliorare al massimo la sua performance, nel pieno potenziale delle abilità residue. Questo obiettivo è oggi perseguibile con una maggiore precisione proprio grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie. L’hi-tech non ha velocizzato la produzione, che resta sempre legata all’insostituibile mano d’opera del professionista, ma ne ha migliorato l’accuratezza, offrendo la possibilità di rilevare e correggere anche i particolari più infinitesimali».

La laurea triennale

Se la pratica professionale si è adeguata all’evoluzione tecnologica, restando sempre al passo coi tempi, la teoria è rimasta molto più indietro. «Chi frequenta un corso di laurea in tecniche ortopediche non ha la possibilità di studiare e sperimentare l’innovazione tecnologica introdotta nella nostra professione – spiega la presidente Guidi -. Tanto che, quando le nuove leve entrano nelle nostre aziende – e lo fanno appena terminati gli studi, considerando che il nostro tasso di occupazione post-laurea sfiora il 99% – sono gli stessi datori a dover provvedere ad un adeguamento della formazione dei neolaureati».

La laurea specialistica

Una preparazione che risponda alle richieste del mercato del lavoro non è offerta nemmeno dal percorso di formazione post-base: «La laurea specialistica di cui disponiamo attualmente è di tipo manageriale e non professionalizzante», dice la presidente Guidi che, oltre ad evidenziare la necessità di nuovi bienni specialistici, propone una vera e propria rivoluzione. «Riterrei più adeguato sostituire il 3+2 con un 2+3, offrendo un biennio universale, uguale per tutti, e un triennio di specializzazione che rispecchi le peculiarità e le ambizioni dei singoli professionisti – commenta il tecnico ortopedico -. Anche il test d’ammissione al corso di laurea, non solo in tecniche ortopediche ma per tutte le professioni sanitarie – aggiunge – andrebbe proposto al termine del primo anno di università, cosicché gli aspiranti professionisti sanitari possano avere le idee un po’ più chiare sul lavoro che si troveranno a praticare al termine del corso di studi».

L’abusivismo professionale

I tecnici ortopedici, nonostante abbiamo un storia professionale lunga alle spalle, restano tra le professioni sanitarie definite “grandi assenti del Sistema Sanitario Nazionale”. E non senza conseguenze. «La carenza di tecnici ortopedici all’intero delle strutture pubbliche e convenzionate si traduce in abusivismo professionale. Riceviamo spesso segnalazioni della presenza di altre figure – sanitari e non – che svolgono un’attività di nostra competenza esclusiva all’interno del SSN», sottolinea Guidi.

Quanti siano i “professionisti abusivi” attualmente all’opera è difficile dirlo. «Ma – assicura il tecnico ortopedico – ci stiamo lavorando. Presto, grazie ad un lavoro di tesi portato avanti dai nostri studenti al terzo anno di università, potremmo avere una stima del reale fabbisogno dei tecnici ortopedici sul territorio italiano, che ci permetterà di avere anche un quadro più chiaro sull’abusivismo, così – conclude – da progettare ed attuare azioni mirate ed efficaci di contrasto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
Educazione sessuale, il ruolo dell’ostetrica. Vaccari (FNOPO): «Sensibilizzare alla diversità di genere sin dalle scuole materne»
La fertilità non è solo una “faccenda da grandi”. Eppure la maggior parte dei giovani e degli adolescenti sono convinti che la riproduzione sia un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. «Stili di vita malsani in adolescenza possono compromettere la fertilità futura», assicura Silvia Vaccari, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della […]
Terapisti occupazionali, Congresso 2022. Casa, scuola, tempo libero e lavoro: l’importanza degli “Ambienti di vita”
Il Modello Kawa, Parone (AITO): «La vita è un fiume: l’acqua è l’energia vitale dell’individuo, il letto del fiume è la sua rete sociale, le rocce sono i problemi e le sfide, i detriti sono i beni e le responsabilità. Gli spazi che si formano tra queste strutture rappresentano i punti di intervento della terapia occupazionale»
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali