Professioni Sanitarie 18 Luglio 2022 16:21

Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»

Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».

Curare i sintomi non basta. Per ottenere miglioramenti nell’ambito della salute mentale è fondamentale conoscere il proprio problema, essere capaci di affrontare i fattori di stress, gestire sentimenti ed emozioni, avere una prospettiva di vita, svolgere ruoli sociali, aumentare la capacità di scelta e di autodeterminazione. Questi atteggiamenti sono racchiusi nel concetto di “recovery”, uno dei temi al centro del prossimo congresso dei Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica, in programma per dal 28 al 29 ottobre 2022 a Palermo.

2° Congresso Nazionale AITeRP

“La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale” è il titolo scelto per il 2° Congresso Nazionale AITeRP, l’ Associazione Italiana Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica. «Il focus dell’evento riguarda la qualità e l’efficacia degli interventi nell’ambito della riabilitazione psichiatrica che fanno parte integrante dei processi di cura e di recovery delle persone con problemi di salute mentale – spiega Roberta Famulari, presidente AITeRP e responsabile scientifico del Congresso con Donatella Ussorio -. Alla luce delle evidenze scientifiche, la necessità di intervenire con un approccio integrato ormai dovrebbe essere scontato. Ciò trova il suo principale fondamento sull’evidenza che l’eziopatogenesi delle patologie psichiatriche è di natura multifattoriale determinata cioè da fattori biologici, psicologici e sociali».

Recovery e neuroscienze

Negli ultimi decenni, sono due gli aspetti che, in questo ambito, hanno assunto una rilevanza fondamentale: «Oltre al concetto di recovery è importante considerare anche il contributo delle neuroscienze – dice Famulari – che indicano come le influenze dei fattori socio-ambientali agiscono sia a livello biologico, sul genoma, sia sui comportamenti e quindi sul funzionamento psicosociale delle persone. Proprio grazie alle evidenze delle neuroscienze, i trattamenti riabilitativi hanno acquisito un fondamento scientifico perché si è visto che intervengono sulla neuroplasticità cerebrale, sulla capacità, cioè, del nostro cervello di riorganizzare i circuiti cerebrali, in seguito alle sollecitazioni derivate da nuove esperienze. Questo, si è visto, può avvenire durante tutta la vita di un individuo, anche se con gradi diversi. Ne consegue che i training intensivi di riabilitazione psicosociale – che possono essere di vario tipo -, specie quelli effettuati “in vivo”, correlati a feedback positivi e correttivi e alla rielaborazione di tale esperienza, possono modificare i meccanismi fondamentali dell’attività neuronale e contribuire allo sviluppo di nuove interconnessioni, correggendo le disfunzioni neuropsicologiche e neurofisiologiche connesse a diverse malattie mentali».

I trattamenti psicosociali integrati

Ed è proprio alla luce di queste evidenze che i trattamenti psicosociali, se associati e in sinergia con altri interventi, garantiscono esiti migliori. «I trattamenti psicosociali se integrati con terapie farmacologiche, nel rispetto della globalità della persona e delle sue relazioni nel contesto sociale, possono migliorare la prognosi del disturbo, ma soprattutto garantire un miglior funzionamento nel real world ed il raggiungimento di obiettivi di vita soprattutto quando l’intervento è precoce. Ma al momento – aggiunge Famulari -, il divario tra le pratiche validate e quelle disponibili, erogate dai servizi di salute mentale è uno dei problemi più rilevanti. Gli interventi riabilitativi sono ancora “poco offerti”, nella pratica clinica. Per questo motivo abbiamo voluto dare ampio spazio a questa tematica affinché, anche nell’ambito della salute mentale, all’interno dei servizi, si diffonda maggiormente la cultura della medicina basata sulle evidenze scientifiche e vengano erogati dai professionisti interventi appropriati ed efficaci.

Soprattutto – sottolinea Famulari – in riabilitazione dove soffriamo ancora del vecchio retaggio dell’aspecificità degli interventi e del fatto che tutti possono fare tutto, secondo una modalità che prevede una sorta di sovrapposizione dei ruoli».

Il Congresso in sintesi

Attraverso questo Congresso l’Associazione vuole, dunque, mettere al centro dell’attenzione la qualità professionale dei TeRP, in considerazione anche di alcuni aspetti dettati dalla normativa in merito alla responsabilità professionale e all’appropriatezza e sicurezza delle cure per le persone assistite. «Il Congresso ospiterà un ricercatore statunitense, il prof J. Ventura del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Biocomportamentali della Facoltà dell’UCLA, Direttore di un programma di ricerca rivolto alla valutazione, riabilitazione neurocognitiva e interventi precoci per i giovani. Inoltre, numerosi colleghi TeRP provenienti da diverse realtà territoriali porteranno la loro esperienza professionale qualificata, in merito ad interventi specifici erogati in vari setting e rivolti a target specifici di utenza. Questo Congresso Nazionale, inoltre – conclude Famulari – rappresenterà per la nostra Associazione il completamento della trasformazione da Associazione Maggiormente Rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

Articoli correlati
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
Educazione sessuale, il ruolo dell’ostetrica. Vaccari (FNOPO): «Sensibilizzare alla diversità di genere sin dalle scuole materne»
La fertilità non è solo una “faccenda da grandi”. Eppure la maggior parte dei giovani e degli adolescenti sono convinti che la riproduzione sia un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. «Stili di vita malsani in adolescenza possono compromettere la fertilità futura», assicura Silvia Vaccari, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale