Professioni Sanitarie 16 Dicembre 2019

Professioni sanitarie, De Santis (AsNAS): «Ordine grande traguardo. Più assistenti sanitari per aumentare prevenzione»

Miria De Santis, presidente dell’AsNAS, Associazione nazionale assistenti sanitari, sottolinea il traguardo del nuovo maxi Ordine TSRM e PSTRP nel quale è confluita la categoria: «Prevenzione, promozione della salute, educazione per la salute sono la nostra mission»

Una sanità efficiente ha bisogno anche di professionisti che si occupano della promozione e dell’educazione alla salute: solo incentivando comportamenti virtuosi si possono prevenire alcune malattie e, di conseguenza, alleggerire il peso dell’assistenza sulla casse dello Stato. Lo sanno bene gli assistenti sanitari, professione che proprio quest’anno ha compiuto i 100 anni di storia. Del resto, chi meglio dell’assistente sanitario può pensare alla salute della popolazione con una visione di lungo raggio e di programmazione: opera principalmente a livello territoriale nell’ambito della medicina sociale, della tutela dell’igiene e sanità pubblica e ambientale, della ricerca epidemiologica, dell’assistenza sanitaria, della prevenzione e dell’educazione alla salute. «Chiediamo alla politica di sostenere l’aspetto professionale, chiaramente aumentando questi professionisti. In questo momento c’è bisogno di una attenzione particolare alle esigenze non solo di prevenzione» sottolinea Miria De Santis, Presidente AsNAS, Associazione nazionale assistenti sanitari, che abbiamo incontrato in occasione del Primo Congresso Nazionale del maxi ordine delle professioni sanitarie TSRM e PSTRP.

Presidente, si è svolto il primo Congresso della Federazione degli ordini TSRM e  PSTRP. Con che spirito avete vissuto il Congresso?

«È veramente un obiettivo raggiunto con professionalità, con lavoro di grande spessore e di grande sentimento da parte di tutte le associazioni, di tutti i presidenti e di tutte le persone che hanno collaborato. Anche chi è rimasto a lavorare nel territorio ma che chiaramente è stato raggiunto dalle informazioni che costantemente tutti quanti abbiamo con grande sforzo cercato di far passare e di sostenere».

Quanti siete come categoria professionale?

«In Italia siamo poco più di 6mila».

Come categoria, cosa chiedete alla politica?

«Di sostenere l’aspetto professionale, chiaramente aumentando questo tipo di lavoro, questo professionista. In questo momento c’è bisogno di una attenzione particolare alle esigenze non solo di prevenzione, perché questo è il campo della nostra professione. Prevenzione, promozione della salute, educazione per la salute sono la nostra mission. Ma questo aspetto ora risente della mancata numerosità e individuazione del professionista. Ne servono di più, come chiaramente in questo momento gran parte delle professioni sanitarie, proprio per sostenere quello di cui oggi si parla tanto, cioè il guadagno di salute. Questo è il nostro campo».

Lavorate più nel pubblico o nel privato?

«Abbiamo in questo momento una richiesta da parte del privato, ma prevalentemente lavoriamo nel pubblico».

Articoli correlati
Campagna vaccinale, Assistenti Sanitari: «Allerta sulla somministrazione in farmacia. Ministero inserisca nostro componente nel NITAG»
Maria Cavallo, Presidente della Commissione d'Albo nazionale degli Assistenti Sanitari, chiede l'inserimento di un rappresentante nel NITAG, Nucleo strategico del Gruppo tecnico consultivo nazionale sulle vaccinazioni
Assistenti sanitari: «Siamo professionisti preparati ad agire nelle comunità scolastiche e infantili»
«Leggiamo con stupore - spiega l'Associazione Nazionale Assistenti Sanitari - della nuova proposta di implementare la figura dell’infermiere scolastico senza prevedere alcuna formazione specifica ulteriore rispetto alla laurea di primo livello»
Assistenti sanitari, in Piemonte mai attivato corso di laurea. Leone (Comm. Albo Torino): «Regione si confronti con università»
Il recente documento della Conferenza delle Regioni stabilisce il bisogno formativo per l’anno accademico 2020-2021 delle professioni sanitarie: al Piemonte sono attribuiti 35 posti per laurea in Assistenza Sanitaria. Un numero destinato a restare lettera morta in assenza di un Corso di Laurea in una delle due università piemontesi
Coronavirus, maxi Ordine Professioni sanitarie: «Governo tenga conto delle difficoltà di tutte le professioni sanitarie»
La FNO TSRM e PSTRP presieduta da Alessandro Beux chiede che nel testo del Decreto legge varato per potenziare il Sistema sanitario «non siano inseriti temi che, seppur importanti, nulla hanno a che vedere con l’emergenza Covid-19»
Coronavirus, FNO TSRM e PSTRP in prima linea: «Fare rete sul territorio tra professionisti per fronteggiare emergenza»
I professionisti afferenti al Maxi Ordine sono chiamati a fare la loro parte per affrontare il contagio del virus proveniente dalla Cina. De Santis (AsNAS): «Niente panico, importante comunicare con empatia e tranquillizzare i cittadini. Organizzeremo presidi per informare la popolazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...