Professioni Sanitarie 11 Aprile 2022 15:36

Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»

I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli

La testa del neonato può apparire deforme, asimmetrica. Queste anormalità del cranio vengono definite plagiocefalia, dimorfismi le cui cause, e le terapie conseguenti, possono variare da bambino a bambino. «La plagiocefalia posizionale è generalmente curabile attraverso un intervento dell’osteopata pediatrico», spiega Marco Petracca, osteopata in ambito pediatrico presso l’UOC di Neonatologia e Pediatria dell’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma e consigliere nazionale del Registro degli Osteopati d’Italia (ROI).

Lo studio

Gli effetti dei trattamenti osteopatici in neonati affetti da plagiocefalia posizionale sono stati dimostrati da un recente studio condotto da autori dell’Istituto Superiore di Sanità, del policlinico Agostino Gemelli e dell’ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma, il Poliambulatorio pediatrico “Osteobimbo”. «Questa ricerca ha coinvolto 37 bambini, tutti valutati prima dei sei mesi di vita – spiega Petracca, coautore dello studio -. I neonati sono stati sottoposti ad una plagiocefalometria per valutare la severità della plagiocefalia, mentre ai genitori è stato chiesto di rispondere ad un primo questionario su eventuali eventi avversi relativi ai trattamenti effettuati e ad un secondo test di gradimento alla fine del percorso. Al compimento del primo anno di vita i bambini sono stati sottoposti a follow-up per valutare i risultati ottenuti».

Cause e trattamenti

La plagiocefalia posizionale può derivare da cause prenatali, perinatali o post-natali. «Quelle prenatali – commenta Petracca – sono sostanzialmente legate alla posizione in utero, alla prematurità, alla gemellarità, alla presenza di fibromi intrauterini o a bambini grandi in pance particolarmente piccole. Il parto vaginale operativo o il cesareo d’urgenza possono essere annoverati tra le cause perinatali. Quelle post-natali, invece, sono legate sostanzialmente al modo in cui si posizionano i neonati per prevenire la morte improvvisa in culla, ovvero sulla schiena. Pur mantenendo questa posizione a pancia in su – consiglia il professionista sanitario – sarebbe preferibile che la posizione del capo del bambino fosse alternata da entrambi i lati durante il sonno del bambino».

Il trattamento osteopatico consiste in una serie di manipolazioni dolci e gentili, assolutamente non dolorose per il bambino. «Durante le sedute aggiunge l’osteopata pediatrico – ai genitori vengono forniti consigli utili su come posizionare il bimbo in culla e sulle attività da svolgere in casa, istruendoli su tutte quelle pratiche di accudimento che possano favorire una corretta crescita craniale del bambino».

Un intervento multidisciplinare

Affinché i trattamenti risultino efficaci è necessario l’intervento coordinato di più specialisti: «Innanzitutto, è centrale il ruolo del pediatra per la diagnosi precoce. In caso quest’ultima risulti dubbia può essere altrettanto fondamentale la consulenza di un neurochirurgo pediatrico. Solo a seguito di diagnosi certa il neonato potrà essere affidato alle cure dell’osteopata pediatrico. «Dallo studio si evince che prima si interviene, in genere entro i primi sei mesi di vita, migliori saranno i risultati ottenuti. In genere, così come emerso dalla nostra ricerca, occorrono circa sei trattamenti. La media può ovviamente variare a seconda del grado di severità della plagiocefalia e delle competenze acquisite dai genitori sulle corrette metodiche di accudimento», conclude Petracca.

I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
Educazione sessuale, il ruolo dell’ostetrica. Vaccari (FNOPO): «Sensibilizzare alla diversità di genere sin dalle scuole materne»
La fertilità non è solo una “faccenda da grandi”. Eppure la maggior parte dei giovani e degli adolescenti sono convinti che la riproduzione sia un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. «Stili di vita malsani in adolescenza possono compromettere la fertilità futura», assicura Silvia Vaccari, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della […]
Terapisti occupazionali, Congresso 2022. Casa, scuola, tempo libero e lavoro: l’importanza degli “Ambienti di vita”
Il Modello Kawa, Parone (AITO): «La vita è un fiume: l’acqua è l’energia vitale dell’individuo, il letto del fiume è la sua rete sociale, le rocce sono i problemi e le sfide, i detriti sono i beni e le responsabilità. Gli spazi che si formano tra queste strutture rappresentano i punti di intervento della terapia occupazionale»
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali