Professioni Sanitarie 11 Aprile 2022 15:36

Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»

I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli

La testa del neonato può apparire deforme, asimmetrica. Queste anormalità del cranio vengono definite plagiocefalia, dimorfismi le cui cause, e le terapie conseguenti, possono variare da bambino a bambino. «La plagiocefalia posizionale è generalmente curabile attraverso un intervento dell’osteopata pediatrico», spiega Marco Petracca, osteopata in ambito pediatrico presso l’UOC di Neonatologia e Pediatria dell’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma e consigliere nazionale del Registro degli Osteopati d’Italia (ROI).

Lo studio

Gli effetti dei trattamenti osteopatici in neonati affetti da plagiocefalia posizionale sono stati dimostrati da un recente studio condotto da autori dell’Istituto Superiore di Sanità, del policlinico Agostino Gemelli e dell’ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma, il Poliambulatorio pediatrico “Osteobimbo”. «Questa ricerca ha coinvolto 37 bambini, tutti valutati prima dei sei mesi di vita – spiega Petracca, coautore dello studio -. I neonati sono stati sottoposti ad una plagiocefalometria per valutare la severità della plagiocefalia, mentre ai genitori è stato chiesto di rispondere ad un primo questionario su eventuali eventi avversi relativi ai trattamenti effettuati e ad un secondo test di gradimento alla fine del percorso. Al compimento del primo anno di vita i bambini sono stati sottoposti a follow-up per valutare i risultati ottenuti».

Cause e trattamenti

La plagiocefalia posizionale può derivare da cause prenatali, perinatali o post-natali. «Quelle prenatali – commenta Petracca – sono sostanzialmente legate alla posizione in utero, alla prematurità, alla gemellarità, alla presenza di fibromi intrauterini o a bambini grandi in pance particolarmente piccole. Il parto vaginale operativo o il cesareo d’urgenza possono essere annoverati tra le cause perinatali. Quelle post-natali, invece, sono legate sostanzialmente al modo in cui si posizionano i neonati per prevenire la morte improvvisa in culla, ovvero sulla schiena. Pur mantenendo questa posizione a pancia in su – consiglia il professionista sanitario – sarebbe preferibile che la posizione del capo del bambino fosse alternata da entrambi i lati durante il sonno del bambino».

Il trattamento osteopatico consiste in una serie di manipolazioni dolci e gentili, assolutamente non dolorose per il bambino. «Durante le sedute aggiunge l’osteopata pediatrico – ai genitori vengono forniti consigli utili su come posizionare il bimbo in culla e sulle attività da svolgere in casa, istruendoli su tutte quelle pratiche di accudimento che possano favorire una corretta crescita craniale del bambino».

Un intervento multidisciplinare

Affinché i trattamenti risultino efficaci è necessario l’intervento coordinato di più specialisti: «Innanzitutto, è centrale il ruolo del pediatra per la diagnosi precoce. In caso quest’ultima risulti dubbia può essere altrettanto fondamentale la consulenza di un neurochirurgo pediatrico. Solo a seguito di diagnosi certa il neonato potrà essere affidato alle cure dell’osteopata pediatrico. «Dallo studio si evince che prima si interviene, in genere entro i primi sei mesi di vita, migliori saranno i risultati ottenuti. In genere, così come emerso dalla nostra ricerca, occorrono circa sei trattamenti. La media può ovviamente variare a seconda del grado di severità della plagiocefalia e delle competenze acquisite dai genitori sulle corrette metodiche di accudimento», conclude Petracca.

I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
Il ruolo della professione ostetrica per la prevenzione: dall’autopalpazione del seno al pap test
Finale (FNOPO): «Nella pratica osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le Regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione»
Sulla responsabilità penale del pediatra
Una recente sentenza si è espressa sulla responsabilità penale del pediatra: non trattenere il minore per accertamenti è omicidio colposo
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa