Professioni Sanitarie 14 Luglio 2020

Logopedia estetica, via rughe d’espressione e flaccidità del viso senza bisturi

Beghetto (logopedista): «L’invecchiamento della pelle inizia verso i 25 anni. L’allenamento funzionale può essere praticato da chiunque abbia raggiunto questa età e senta il bisogno di prevenire i difetti del volto»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Non solo bisturi e tossina botulinica per migliorare e ringiovanire l’aspetto del proprio volto, ma anche logopedia estetica, un vero e proprio allenamento funzionale di tutti i muscoli del viso e del collo. «È la nuova frontiera della motricità orofacciale, studiata per aiutare chiunque senta il bisogno di attenuare i segni di espressione o le rughe del volto, attraverso un trattamento naturale e non invasivo», spiega Anna Beghetto, logopedista specializzata in motricità orofacciale.

A CHI SI RIVOLGE LA LOGOPEDIA ESTETICA

«L’invecchiamento della pelle – continua la logopedista – inizia verso i 25-26 anni. Di conseguenza, questo allenamento funzionale può essere praticato da chiunque abbia raggiunto questa età e senta il bisogno di prevenire l’insorgenza di rughe, pieghe d’espressione o flaccidità muscolare del viso. Per coloro che hanno qualche anno in più può essere, in alcuni casi, un’alternativa alla chirurgia estetica, in altri un alleato di bisturi e interventi di tipo dermatologico».

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

La logopedia estetica è una specializzazione che ha cominciato a diffondersi una ventina di anni fa, anche se solo negli ultimi tempi inizia ad essere più conosciuta e consigliata anche da altri specialisti come l’odontoiatra, il fisioterapista o il pediatra. «Per praticarla – sottolinea l’esperta – è necessaria una preparazione specifica nell’ambito orofacciale, quindi in tutta quell’area della logopedia che si occupa di prevenzione, valutazione, trattamento e riabilitazione di disturbi congeniti o acquisiti. Già in passato lavorando sulle funzionalità si ottenevano miglioramenti anche da un punto di vista estetico, ma solo di recente si utilizza la logopedia per ottenere direttamente dei benefici estetici».

LA PRATICA DEL TRATTAMENTO

Una seduta tipo di logopedia estetica attraversa tre fasi fondamentali: osservazione, valutazione e allenamento. «Durante il primo incontro – aggiunge Beghetto – è necessario che il paziente prenda coscienza del proprio problema. Per farlo è possibile realizzare un video che metta in evidenza tutti quei movimenti del viso compiuti durante l’articolazione verbale o attraverso la mimica facciale che compromettono l’estetica dell’individuo. Successivamente si individueranno gli esercizi più adatti al paziente per migliorare i difetti evidenziati, che possono derivare dal modo in cui deglutisce, mastica, respira o articola il linguaggio. Infine, ci si concederà una fase di rilassamento e tonificazione attraverso la manipolazione di tutti i muscoli del viso e del collo».

LE SEDUTE

«Il trattamento a tu per tu con il professionista ha sicuramente un inizio ed una fine – dice la specialista -. È ovvio, però, che il paziente dovrà continuare a prendersi cura della propria igiene della pelle e dei propri muscoli del viso per tutta la durata della sua vita». Il numero di sedute varierà a seconda della situazione e dei risultati che si intendono raggiungere: se c’è una deglutizione disfunzionale, ad esempio, potrebbe insorgere quella che comunemente viene definita la pappagorgia, il sottomento. In questo caso, l’allenamento consigliato riguarderà la lingua e i muscoli sopraioidei, così da tonificare il doppio mento che andrà via via attenuandosi. Più in generale, per un trattamento di prevenzione si programmano 7-8 sedute, in età più matura è possibile che ci sia la necessità di arrivare fino a 18 incontri».

CONTROINDICAZIONI

«Ai pazienti che hanno un’acne importante si consiglia di attenderne la guarigione prima di cominciare il trattamento di logopedia estetica, per evitare un peggioramento della condizione della propria pelle – sottolinea Beghetto -. In altri casi, come in pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia estetica o ad iniezione di tossina botulinica, sarà necessaria una prescrizione che indichi – conclude la specialista – la necessità o la possibilità di sottoporsi a sedute di logopedia estetica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Logopedisti: tre abusivi per ogni professionista qualificato. Rossetto (Fli): «L’albo è garanzia per i cittadini: i comportamenti scorretti saranno sanzionati»
La presidente della Federazione Logopedisti Italiani: «Puntiamo ad un percorso di laurea quinquennale, con una preparazione maggiore in ambito clinico». Attivati i nuovi master, uno per ogni area di intervento: dall’età evolutiva, all’area della neurologia, fino alla geriatria ed al campo della chirurgia otorina
di Isabella Faggiano
Balbuzie, al Vivavoce di Milano un metodo per lavorare alla ‘rieducazione’. Letorio (psicologa): «Studiamo cosa accade nel corpo umano quando parliamo»
Nel centro milanese si attua il percorso rieducativo MRM-S che non si limita ad insegnare rimedi per evitare la balbuzie ma prevede un lavoro di rieducazione. La responsabile dell’Area psicologica del Centro: «La produzione di ogni suono presuppone un movimento sottostante. Occorre imparare a controllarlo tramite un software, che si chiama riablo, attraverso l’applicazione di appositi sensori che permettono di fare un lavoro di coordinazione motoria molto preciso e accurato»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto