Professioni Sanitarie 17 Dicembre 2018 17:11

Laurea in audioprotesi? Disoccupazione zero. Gruppioni (Anap): «Nuovo Ordine delle professioni sanitarie è grande aiuto per contrasto ad abusivi»

In Italia, 4mila audioprotesisti per 8 milioni di persone con problemi di udito. «I giovani audioprotesisti – ha spiegato Gruppioni – trovano una prima occupazione entro un anno dal conseguimento del titolo. I professionisti laureati vengono tutti assunti perché la domanda e gli investimenti delle aziende audioprotesiche sono considerevoli»

di Isabella Faggiano

«Con una laurea in audioprotesi la possibilità di rimanere senza lavoro è pari a zero». Sembrano irreali le parole di Gianni Gruppioni, presidente dellAnap, l’Associazione nazionale audioprotesisti professionali, in un momento di crisi economica in cui non si sente che parlare di precarietà, tagli alle risorse e blocco del turnover. E, invece c’è una parte del mondo del lavoro che resiste e va avanti.

«I giovani audioprotesisti – ha continuato Gruppioni – trovano una prima occupazione entro un anno dal conseguimento del titolo. I professionisti laureati vengono tutti assunti perché la domanda e gli investimenti delle aziende audioprotesiche sono considerevoli. C’è bisogno di più audioprotesisti per fronteggiare una perdita di udito che, in Italia, colpisce 8 milioni di persone».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM PSTRP): «PROBLEMA EQUIVALENZA TITOLI E’ ‘DRAMMA’, SERVE SOLUZIONE TECNICA. MA ABUSIVI VANNO CONTRASTATI»

Ma trovare un’immediata collocazione nel mondo del lavoro non significa sistemarsi per tutta la vita: «L’audioprotesista – ha specificato il presidente Anap – deve lavorare con estrema professionalità ed aggiornarsi costantemente su tutte le novità del mercato. Laddove non c’è un risultato farmacologico o chirurgico, interviene l’audioprotesista che, grazie all’utilizzo di un apparecchio acustico, rimedia all’ipoacusia.  Ma il risultato – ha commentato Gruppioni – non dipenderà solo dalla qualità dell’apparecchio utilizzato. È il professionista che dovrà essere in grado di   scegliere quello più adeguato al singolo paziente».

Ed è grazie alla formazione continua, sul campo e nelle aule dei corsi di aggiornamento, che l’audioprotesista può rimanere al passo con le innovazioni tecnologiche.  Una preparazione necessaria anche ai fini dell’iscrizione al nuovo Ordine professionale previsto dalla legge Lorenzin: «Obbligare gli audioprotesisti a formare un proprio Ordine è un grande aiuto per il contrasto all’abusivismo professionale – ha detto il presidente Anap –  Finora sono circa 2.800 i professionisti che hanno presentato la propria richiesta, su un totale di circa 4 mila audioprotesisti stimati in Italia».

Garantire la massima trasparenza, controllando che ad esercitare siano solo le persone qualificate, per Gianni Gruppioni è doveroso. L’audioprotesista ha un ruolo di fondamentale importanza per la tutela non solo dell’udito di un individuo, ma anche della sua salute in generale. «L’orecchio – ha spiegato il presidente Anap –  è la porta del cervello e se arrugginisce per mancanza di segnali uditivi, conduce ad una disabilità uditiva, invalidante al pari di quella motoria. In soggetti predisposti, poi, può aumentare il rischio di demenze senili, Alzheimer e cadute a terra. Molti individui cadono proprio per una mancanza di equilibrio determinata dalla perdita della capacità uditiva.  Prendersi cura dell’udito non è un costo per il Sistema Sanitario Nazionale o per le famiglie, ma un investimento di salute per mantenere alto il livello cognitivo e di conseguenza migliorare la qualità della vita».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Acufene possibile spia per malattie neurodegenerative
In occasione Giornata Mondiale dell’Udito che ricorre il 3 marzo, Arianna di Stadio, docente all'Università di Catania e ricercatrice onoraria presso il Laboratorio di Neuroinfiammazione del UCL Queen Square Neurology di Londra, spiega cos'è l'acufene e quali le possibili cause
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...