Professioni Sanitarie 17 Dicembre 2018

Laurea in audioprotesi? Disoccupazione zero. Gruppioni (Anap): «Nuovo Ordine delle professioni sanitarie è grande aiuto per contrasto ad abusivi»

In Italia, 4mila audioprotesisti per 8 milioni di persone con problemi di udito. «I giovani audioprotesisti – ha spiegato Gruppioni – trovano una prima occupazione entro un anno dal conseguimento del titolo. I professionisti laureati vengono tutti assunti perché la domanda e gli investimenti delle aziende audioprotesiche sono considerevoli»

di Isabella Faggiano

«Con una laurea in audioprotesi la possibilità di rimanere senza lavoro è pari a zero». Sembrano irreali le parole di Gianni Gruppioni, presidente dellAnap, l’Associazione nazionale audioprotesisti professionali, in un momento di crisi economica in cui non si sente che parlare di precarietà, tagli alle risorse e blocco del turnover. E, invece c’è una parte del mondo del lavoro che resiste e va avanti.

«I giovani audioprotesisti – ha continuato Gruppioni – trovano una prima occupazione entro un anno dal conseguimento del titolo. I professionisti laureati vengono tutti assunti perché la domanda e gli investimenti delle aziende audioprotesiche sono considerevoli. C’è bisogno di più audioprotesisti per fronteggiare una perdita di udito che, in Italia, colpisce 8 milioni di persone».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM PSTRP): «PROBLEMA EQUIVALENZA TITOLI E’ ‘DRAMMA’, SERVE SOLUZIONE TECNICA. MA ABUSIVI VANNO CONTRASTATI»

Ma trovare un’immediata collocazione nel mondo del lavoro non significa sistemarsi per tutta la vita: «L’audioprotesista – ha specificato il presidente Anap – deve lavorare con estrema professionalità ed aggiornarsi costantemente su tutte le novità del mercato. Laddove non c’è un risultato farmacologico o chirurgico, interviene l’audioprotesista che, grazie all’utilizzo di un apparecchio acustico, rimedia all’ipoacusia.  Ma il risultato – ha commentato Gruppioni – non dipenderà solo dalla qualità dell’apparecchio utilizzato. È il professionista che dovrà essere in grado di   scegliere quello più adeguato al singolo paziente».

Ed è grazie alla formazione continua, sul campo e nelle aule dei corsi di aggiornamento, che l’audioprotesista può rimanere al passo con le innovazioni tecnologiche.  Una preparazione necessaria anche ai fini dell’iscrizione al nuovo Ordine professionale previsto dalla legge Lorenzin: «Obbligare gli audioprotesisti a formare un proprio Ordine è un grande aiuto per il contrasto all’abusivismo professionale – ha detto il presidente Anap –  Finora sono circa 2.800 i professionisti che hanno presentato la propria richiesta, su un totale di circa 4 mila audioprotesisti stimati in Italia».

Garantire la massima trasparenza, controllando che ad esercitare siano solo le persone qualificate, per Gianni Gruppioni è doveroso. L’audioprotesista ha un ruolo di fondamentale importanza per la tutela non solo dell’udito di un individuo, ma anche della sua salute in generale. «L’orecchio – ha spiegato il presidente Anap –  è la porta del cervello e se arrugginisce per mancanza di segnali uditivi, conduce ad una disabilità uditiva, invalidante al pari di quella motoria. In soggetti predisposti, poi, può aumentare il rischio di demenze senili, Alzheimer e cadute a terra. Molti individui cadono proprio per una mancanza di equilibrio determinata dalla perdita della capacità uditiva.  Prendersi cura dell’udito non è un costo per il Sistema Sanitario Nazionale o per le famiglie, ma un investimento di salute per mantenere alto il livello cognitivo e di conseguenza migliorare la qualità della vita».

Articoli correlati
«I dati di Borrelli sono drogati, e non chiamateci eroi dopo aver reso miserabile la sanità». Lo sfogo (virale) di un medico sul web
L’intervista a Fabrizio Lucherini: «A troppe persone sintomatiche è stato rifiutato il tampone, il tasso di mortalità non può essere calcolato se il denominatore è sbagliato». Poi aggiunge: «Questa è una guerra che lascerà dietro di sé macerie 2.0. Servirà una Costituente per cambiare tante cose di questa Italia»
«E io dico che non siamo eroi»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
Cisl Medici Lazio, lettera all’assessore D’Amato: «Riaprire Forlanini, nominare Commissario e garantire DPI a tutti gli operatori sanitari»
In relazione all’emergenza sanitaria da coronavirus, di seguito la lettera aperta all’Assessore alla Sanità del Lazio da parte del Segretario generale della Cisl Medici Lazio Dottor Cifaldi e del Segretario generale della Cisl Roma Capitale/Rieti Dott Magliozzi. «Lungi da noi la pretesa, in momenti così densi di impegni, di ricevere dai soggetti istituzionali del Lazio […]
Coronavirus, arrivano i rinforzi: 20mila assunzioni in sanità. Il decreto-legge adottato dal CdM
Previsti l’assunzione di medici specializzandi ed il conferimento straordinario di incarichi di lavoro autonomo a personale sanitario in pensione. In arrivo 5mila impianti per la ventilazione assistita per potenziare i reparti di terapia intensiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...