Professioni Sanitarie 17 Dicembre 2018 17:11

Laurea in audioprotesi? Disoccupazione zero. Gruppioni (Anap): «Nuovo Ordine delle professioni sanitarie è grande aiuto per contrasto ad abusivi»

In Italia, 4mila audioprotesisti per 8 milioni di persone con problemi di udito. «I giovani audioprotesisti – ha spiegato Gruppioni – trovano una prima occupazione entro un anno dal conseguimento del titolo. I professionisti laureati vengono tutti assunti perché la domanda e gli investimenti delle aziende audioprotesiche sono considerevoli»

di Isabella Faggiano

«Con una laurea in audioprotesi la possibilità di rimanere senza lavoro è pari a zero». Sembrano irreali le parole di Gianni Gruppioni, presidente dellAnap, l’Associazione nazionale audioprotesisti professionali, in un momento di crisi economica in cui non si sente che parlare di precarietà, tagli alle risorse e blocco del turnover. E, invece c’è una parte del mondo del lavoro che resiste e va avanti.

«I giovani audioprotesisti – ha continuato Gruppioni – trovano una prima occupazione entro un anno dal conseguimento del titolo. I professionisti laureati vengono tutti assunti perché la domanda e gli investimenti delle aziende audioprotesiche sono considerevoli. C’è bisogno di più audioprotesisti per fronteggiare una perdita di udito che, in Italia, colpisce 8 milioni di persone».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM PSTRP): «PROBLEMA EQUIVALENZA TITOLI E’ ‘DRAMMA’, SERVE SOLUZIONE TECNICA. MA ABUSIVI VANNO CONTRASTATI»

Ma trovare un’immediata collocazione nel mondo del lavoro non significa sistemarsi per tutta la vita: «L’audioprotesista – ha specificato il presidente Anap – deve lavorare con estrema professionalità ed aggiornarsi costantemente su tutte le novità del mercato. Laddove non c’è un risultato farmacologico o chirurgico, interviene l’audioprotesista che, grazie all’utilizzo di un apparecchio acustico, rimedia all’ipoacusia.  Ma il risultato – ha commentato Gruppioni – non dipenderà solo dalla qualità dell’apparecchio utilizzato. È il professionista che dovrà essere in grado di   scegliere quello più adeguato al singolo paziente».

Ed è grazie alla formazione continua, sul campo e nelle aule dei corsi di aggiornamento, che l’audioprotesista può rimanere al passo con le innovazioni tecnologiche.  Una preparazione necessaria anche ai fini dell’iscrizione al nuovo Ordine professionale previsto dalla legge Lorenzin: «Obbligare gli audioprotesisti a formare un proprio Ordine è un grande aiuto per il contrasto all’abusivismo professionale – ha detto il presidente Anap –  Finora sono circa 2.800 i professionisti che hanno presentato la propria richiesta, su un totale di circa 4 mila audioprotesisti stimati in Italia».

Garantire la massima trasparenza, controllando che ad esercitare siano solo le persone qualificate, per Gianni Gruppioni è doveroso. L’audioprotesista ha un ruolo di fondamentale importanza per la tutela non solo dell’udito di un individuo, ma anche della sua salute in generale. «L’orecchio – ha spiegato il presidente Anap –  è la porta del cervello e se arrugginisce per mancanza di segnali uditivi, conduce ad una disabilità uditiva, invalidante al pari di quella motoria. In soggetti predisposti, poi, può aumentare il rischio di demenze senili, Alzheimer e cadute a terra. Molti individui cadono proprio per una mancanza di equilibrio determinata dalla perdita della capacità uditiva.  Prendersi cura dell’udito non è un costo per il Sistema Sanitario Nazionale o per le famiglie, ma un investimento di salute per mantenere alto il livello cognitivo e di conseguenza migliorare la qualità della vita».

Articoli correlati
Oscar sanità: oltre 200 candidature, a novembre i vincitori
Partecipazione record alla quinta edizione del Lean Healthcare Award, gli Oscar della sanità italiana. Più di 200 candidature da oltre 90 strutture pubbliche e private distribuite in tutte le regioni italiane. I vincitori saranno proclamati il prossimo 10 novembre
di Redazione
Attuazione PNRR, edilizia sanitaria, distribuzione farmaci e dispositivi medici: i progetti di Soresa
Sanità Informazione ha chiesto al Direttore acquisti, Nadia Ruffini, quali sono i progetti in cantiere.
Elezioni, maggioranza al centrodestra e Meloni verso Palazzo Chigi. Ecco il programma sanità della coalizione
Oltre il 44% per il centrodestra, con Fdi primo partito al 26,15. Staccato il centrosinistra al 26,3%, M5S regge con il 15,5%. Tra le proposte di Fratelli d’Italia una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid e la creazione di una Autorità Garante della Salute. Cambiamenti attesi anche per la riforma della sanità territoriale
di Francesco Torre
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Elezioni, Gemmato (Fdi): «Le Case di Comunità non bastano, puntare sulla capillarità di MMG e farmacie»
Il responsabile sanità di Fratelli d’Italia Marcello Gemmato rilancia il superamento del test di medicina con l’adozione di una selezione al secondo anno in base ai risultati degli esami. Nel programma di Fdi anche l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola