Professioni Sanitarie 22 Giugno 2021 13:44

Il Consiglio di Stato: «L’Oss non è una professione sanitaria». Il Migep: «La partita è ancora aperta»

Quattro gli obiettivi che la Federazione Migep OSS e il sindacato Shc OSS intendono raggiungere con coesione tra tutti gli operatori: istituire un registro nazionale, comporre un tavolo tecnico, inaugurare un osservatorio e rivedere la formazione

di Isabella Faggiano

«La questione non è chiusa e continueremo a lottare per far valere i nostri diritti». Resta ferma la posizione di Angelo Minghetti, coordinatore Migep (la Federazione nazionale delle professioni sanitarie e socio-sanitarie), dopo l’ultima sentenza pronunciata dai giudici. Il Consiglio di Stato, infatti, con la sentenza n. 04340 del 07/06/2021, ha deciso che all’Oss “non può essere riconosciuto il titolo di professionista sanitario”, respingendo, così, il ricorso del Migep e del Sindacato Professionale Human Caring Sanità contro il Ministero della Salute.

Fatti e antefatti

I rappresentanti di categoria, appellandosi all’art. 5 della Legge “Lorenzin”, ovvero la n.3 dell’11 gennaio 2018 (che istituiva gli ordini degli Infermieri, delle Ostetriche e delle Professioni Sanitarie), avevano “accusato” il dicastero di non aver inserito formalmente la figura professionale dell’Oss nell’area sociosanitaria, «impedendo – aveva sottolineato il Migep – agli operatori interessati di poter ottenere i migliori trattamenti economici e professionali che spettano loro in forza alla Legge Lorenzin». Nel 2020, la Federazione aveva avanzato la stessa richiesta al Tar che l’aveva ugualmente respinta.

«La decisione del Consiglio di Stato – spiega Minghetti – evidenzia che la figura dell’Oss, così com’è legata all’accordo stato-regioni del 2001, non può evolvere in area socio-sanitaria, perché scarsa nella formazione. Per questo, diventa forte la richiesta di istituire un nuovo percorso formativo».

L’unione fa la forza

No ad azioni isolate, sì ad una coesione dell’intera categoria professionale. «Diciamo basta alle singole iniziative separate delle varie associazioni Oss – sottolinea Minghetti -, così come non riteniamo utili gli elenchi regionali». Sono quattro gli obiettivi che la Federazione Migep OSS e il sindacato Shc OSS intendono raggiungere con coesione tra tutti gli operatori: istituire un registro nazionale, comporre un tavolo tecnico, inaugurare un osservatorio e rivedere la formazione.

Per raggiungere questi traguardi, il primo passo da compiere è la revisione del profilo professionale dell’Oss. «Si possono avere centinaia di proposte per una formazione migliore, ma se non si cambia la struttura da tecnico a socio-sanitario – aggiunge il rappresentante di categoria – gli Oss rimarranno sempre tecnici, con competenze che comprendono una gamma molto vasta di attività, che vanno dalle pulizie all’assistenza al paziente. Solo successivamente, serviranno un osservatorio nazionale permanente e un tavolo tecnico nazionale, come strumenti di gestione del registro nazionale degli Oss».

Lavoro usurante e sottopagato

Secondo Minghetti, è necessario prevedere un unico contratto nazionale di lavoro. «Attualmente gli Oss sono assunti attraverso trentasette diverse forme contrattuali, spesso come operai o amministrativi, pur trovandosi a stretto contatto con utenti e pazienti. Senza delle direttive nazionali – spiega Minghetti – ogni regione attribuirà all’Oss le mansioni che gli sono utili. Intervenire a livello normativo è necessario per eliminare queste disparità, anche in termini di lavoro usurante e di trattamento economico non sempre adeguato. In altre parole, è necessario definire le competenze specifiche dell’Oss, la formazione, rendendola omogenea in tutto il territorio nazionale, superando il desueto inquadramento del ruolo tecnico, facendo confluire la figura dell’operatore socio-sanitario nel ruolo socio-sanitario, così come espressamente previsto dall’articolo 5 della legge 3/18 Lorenzin».

Per far valere i propri diritti gli Oss sono pronti ad un’azione dimostrativa: «Stop agli interventi assistenziali sui pazienti. L’Oss, oltre a tutelare se stesso – conclude il coordinatore Migep -, deve tutelare anche il cittadino malato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva
Un nuovo studio ha individuato la correlazione tra cattiva salute orale e decadimento cognitivo, Cittone (igienista dentale): «La presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si sono rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore rispetto a coloro che godono di una buona salute orale».
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola