Professioni Sanitarie 11 Febbraio 2020 12:50

Igienisti dentali, Tomassi (Albo Roma): «A breve sportello informativo. E sull’ECM faremo la nostra parte»

A poco più di un mese dalle elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali, parla il Presidente della Commissione d’Albo Igienisti dentali di Roma e provincia Domenico Tomassi: «Metteremo in campo iniziative per aumentare il coinvolgimento dei colleghi»

Sono ancora in fase di rodaggio le Commissioni d’Albo, in rappresentanza delle 19 professioni sanitarie afferenti al Maxi Ordine TSRM-PSTRP, che sono state elette negli ultimi mesi del 2019 in tutti gli Ordini provinciali.

Avranno compiti importanti di autogoverno e di rappresentanza delle professioni: proporranno al Consiglio Direttivo l’iscrizione all’ordine del professionista; adotteranno e daranno esecuzione ai provvedimenti disciplinari nei confronti di tutti gli iscritti all’Albo; eserciteranno le funzioni gestionali e daranno il proprio concorso alle autorità locali nello studio e nell’attuazione dei provvedimenti che possano interessare la professione. Un ruolo dunque significativo a tutela dei professionisti e dei cittadini-utenti e di controllo dell’esercizio abusivo della professione.

«La Commissione d’Albo si è attivata in modo volenteroso, naturalmente all’inizio la macchina è ancora da rodare. Ora, con tutte le altre professioni, stiamo cercando di avere il giusto approccio comunicativo e di mantenere una linea coerente tra tutte le professioni nei confronti dell’Ordine» spiega a Sanità Informazione Domenico Tomassi, Presidente UNID, Unione Nazionale Igienisti Dentali, e presidente della Commissione d’Albo degli Igienisti dentali di Roma e provincia. Insieme a lui sono stati eletti nella Commissione di Roma Enrica Scagnetto, Stefania Piscicelli, Paola Lastella e Gianna Maria Nardi. L’Albo Igienisti dentali di Roma è uno dei più grandi d’Italia, con circa 700 iscritti. La novità sarà l’attivazione dello Sportello per i professionisti che avranno bisogno di informazioni.

«L’Ordine si è dimostrato molto aperto e collaborativo. Il 25 gennaio c’è stato l’incontro della Commissione nazionale degli Ordini che ha fornito spunti e indicazioni, ma la cosa più importante sarà come ogni singolo Ordine procederà nell’attivazione delle Commissioni. Abbiamo creato su Roma dei gruppi di lavoro con le altre professioni per attivare nel modo migliore queste esigenze organizzative che ci permetteranno di raggiungere quegli obiettivi che ci eravamo prefissati».

Anche per gli igienisti dentali, come per le altre professioni, sono stati bassi gli indici di affluenza alle urne, o quantomeno al di sotto delle aspettative. «Le elezioni si sono svolte tranquillamente anche se ci aspettavamo più partecipazione – aggiunge Tomassi -. Desidero ringraziare tutti i colleghi che hanno partecipato al voto, molti di loro da sempre vicini alle associazioni, continuando a dimostrare un sentimento partecipativo per la professione».

La sfida per il futuro è quella di coinvolgere più professionisti possibili alla vita dell’Ordine e dell’Albo di appartenenza. «Qualcuno vive l’Ordine come un vincolo, un obbligo. Avvicinare queste persone è importante, però anche loro devono credere nelle istituzioni. Metteremo in campo tutte le iniziative che potranno favorire la partecipazione, a partire dai corsi di aggiornamento. Ci impegneremo molto nella Formazione continua».

L’ultimo tassello per il Maxi Ordine TSRM-PSTRP è quello dell’elezione delle Commissioni d’Albo nazionali delle 19 professioni: entro fine marzo è previsto il varo dell’ultimo decreto attuativo con le regole elettorali.

 

Articoli correlati
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
Dietista di comunità, Tonelli (CAND): «Accanto a medici e pediatri di famiglia per prevenire e riabilitare»
Assistenza territoriale, il presidente della Commissione d’albo nazionale dei Dietisti: «Puntare sulla telenutrizione per assistere i pazienti che vivono in aree geograficamente più svantaggiate e inserire le prestazioni nutrizionali nei Livelli essenziali di assistenza (Lea)»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM