Professioni Sanitarie 11 Febbraio 2020

Igienisti dentali, Tomassi (Albo Roma): «A breve sportello informativo. E sull’ECM faremo la nostra parte»

A poco più di un mese dalle elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali, parla il Presidente della Commissione d’Albo Igienisti dentali di Roma e provincia Domenico Tomassi: «Metteremo in campo iniziative per aumentare il coinvolgimento dei colleghi»

Sono ancora in fase di rodaggio le Commissioni d’Albo, in rappresentanza delle 19 professioni sanitarie afferenti al Maxi Ordine TSRM-PSTRP, che sono state elette negli ultimi mesi del 2019 in tutti gli Ordini provinciali.

Avranno compiti importanti di autogoverno e di rappresentanza delle professioni: proporranno al Consiglio Direttivo l’iscrizione all’ordine del professionista; adotteranno e daranno esecuzione ai provvedimenti disciplinari nei confronti di tutti gli iscritti all’Albo; eserciteranno le funzioni gestionali e daranno il proprio concorso alle autorità locali nello studio e nell’attuazione dei provvedimenti che possano interessare la professione. Un ruolo dunque significativo a tutela dei professionisti e dei cittadini-utenti e di controllo dell’esercizio abusivo della professione.

«La Commissione d’Albo si è attivata in modo volenteroso, naturalmente all’inizio la macchina è ancora da rodare. Ora, con tutte le altre professioni, stiamo cercando di avere il giusto approccio comunicativo e di mantenere una linea coerente tra tutte le professioni nei confronti dell’Ordine» spiega a Sanità Informazione Domenico Tomassi, Presidente UNID, Unione Nazionale Igienisti Dentali, e presidente della Commissione d’Albo degli Igienisti dentali di Roma e provincia. Insieme a lui sono stati eletti nella Commissione di Roma Enrica Scagnetto, Stefania Piscicelli, Paola Lastella e Gianna Maria Nardi. L’Albo Igienisti dentali di Roma è uno dei più grandi d’Italia, con circa 700 iscritti. La novità sarà l’attivazione dello Sportello per i professionisti che avranno bisogno di informazioni.

«L’Ordine si è dimostrato molto aperto e collaborativo. Il 25 gennaio c’è stato l’incontro della Commissione nazionale degli Ordini che ha fornito spunti e indicazioni, ma la cosa più importante sarà come ogni singolo Ordine procederà nell’attivazione delle Commissioni. Abbiamo creato su Roma dei gruppi di lavoro con le altre professioni per attivare nel modo migliore queste esigenze organizzative che ci permetteranno di raggiungere quegli obiettivi che ci eravamo prefissati».

Anche per gli igienisti dentali, come per le altre professioni, sono stati bassi gli indici di affluenza alle urne, o quantomeno al di sotto delle aspettative. «Le elezioni si sono svolte tranquillamente anche se ci aspettavamo più partecipazione – aggiunge Tomassi -. Desidero ringraziare tutti i colleghi che hanno partecipato al voto, molti di loro da sempre vicini alle associazioni, continuando a dimostrare un sentimento partecipativo per la professione».

La sfida per il futuro è quella di coinvolgere più professionisti possibili alla vita dell’Ordine e dell’Albo di appartenenza. «Qualcuno vive l’Ordine come un vincolo, un obbligo. Avvicinare queste persone è importante, però anche loro devono credere nelle istituzioni. Metteremo in campo tutte le iniziative che potranno favorire la partecipazione, a partire dai corsi di aggiornamento. Ci impegneremo molto nella Formazione continua».

L’ultimo tassello per il Maxi Ordine TSRM-PSTRP è quello dell’elezione delle Commissioni d’Albo nazionali delle 19 professioni: entro fine marzo è previsto il varo dell’ultimo decreto attuativo con le regole elettorali.

 

Articoli correlati
Coronavirus, Bonaccini apre a tavolo di confronto con professioni sanitarie. Beux (TSRM e PSTRP): «Non lasceremo sole le famiglie»
Il Presidente della Conferenza Stato-regioni ha manifestato «la disponibilità delle Regioni a voler costituire il tavolo di confronto richiesto dalla Federazione», Le referente della FNO TSRM e PSTRP Laila Perciballi: «Si è dato un immediato riscontro alle richieste avanzate alle Istituzioni in merito all’assenza di dispositivi di sicurezza ed alla mancata effettuazione dei tamponi al personale sanitario»
«Tutte le professioni sanitarie in prima linea sul COVID19, non parlate solo di medici e infermieri». La lettera di Beux (TSRM e PSTRP) alle istituzioni
Il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie ha scritto a Mattarella, Conte, Speranza, Fico, Casellati. «Se si parla solo di medici e infermieri rischia la tenuta morale e psicologica di una parte dei nostri professionisti sanitari». E aggiunge: «Sono sottoposti allo stesso stress ed esposti allo stesso rischio, ma a differenza dei medici e degli infermieri, quando escono dall’ospedale si sentono sconosciuti o dimenticati»
COVID19, Casalino (Albo TSLB Roma): «Tecnici di laboratorio in prima linea. Benemerenza per “eroi silenziosi”»
La riflessione del Presidente dell’Albo dei Tecnici di Laboratorio di Roma Paolo Casalino: «I Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico sono da settimane "al fronte" per garantire la diagnosi precoce da infezione virale da COVID 19»
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
Sicurezza sul lavoro, l’allarme dei tecnici della prevenzione: «Carenza atavica, così difficile fare vigilanza e controllo»
Il Presidente dell’Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario d'Italia Maurizio Di Giusto sottolinea: «Le Regioni chiedono che si aumentino i controlli del 5-10% ma senza risorse è come tirare la coperta da una parte e scoprire l’altra». E chiede inoltre che si «cambi l’approccio normativo: non basta inasprire le pene, servono misure per detrarre i costi». Oltre 14mila i TdP in Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 aprile, sono 1.016.534 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 53.164 i decessi e 211.856 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollett...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...