Professioni Sanitarie 11 Febbraio 2020

Igienisti dentali, Tomassi (Albo Roma): «A breve sportello informativo. E sull’ECM faremo la nostra parte»

A poco più di un mese dalle elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali, parla il Presidente della Commissione d’Albo Igienisti dentali di Roma e provincia Domenico Tomassi: «Metteremo in campo iniziative per aumentare il coinvolgimento dei colleghi»

Sono ancora in fase di rodaggio le Commissioni d’Albo, in rappresentanza delle 19 professioni sanitarie afferenti al Maxi Ordine TSRM-PSTRP, che sono state elette negli ultimi mesi del 2019 in tutti gli Ordini provinciali.

Avranno compiti importanti di autogoverno e di rappresentanza delle professioni: proporranno al Consiglio Direttivo l’iscrizione all’ordine del professionista; adotteranno e daranno esecuzione ai provvedimenti disciplinari nei confronti di tutti gli iscritti all’Albo; eserciteranno le funzioni gestionali e daranno il proprio concorso alle autorità locali nello studio e nell’attuazione dei provvedimenti che possano interessare la professione. Un ruolo dunque significativo a tutela dei professionisti e dei cittadini-utenti e di controllo dell’esercizio abusivo della professione.

«La Commissione d’Albo si è attivata in modo volenteroso, naturalmente all’inizio la macchina è ancora da rodare. Ora, con tutte le altre professioni, stiamo cercando di avere il giusto approccio comunicativo e di mantenere una linea coerente tra tutte le professioni nei confronti dell’Ordine» spiega a Sanità Informazione Domenico Tomassi, Presidente UNID, Unione Nazionale Igienisti Dentali, e presidente della Commissione d’Albo degli Igienisti dentali di Roma e provincia. Insieme a lui sono stati eletti nella Commissione di Roma Enrica Scagnetto, Stefania Piscicelli, Paola Lastella e Gianna Maria Nardi. L’Albo Igienisti dentali di Roma è uno dei più grandi d’Italia, con circa 700 iscritti. La novità sarà l’attivazione dello Sportello per i professionisti che avranno bisogno di informazioni.

«L’Ordine si è dimostrato molto aperto e collaborativo. Il 25 gennaio c’è stato l’incontro della Commissione nazionale degli Ordini che ha fornito spunti e indicazioni, ma la cosa più importante sarà come ogni singolo Ordine procederà nell’attivazione delle Commissioni. Abbiamo creato su Roma dei gruppi di lavoro con le altre professioni per attivare nel modo migliore queste esigenze organizzative che ci permetteranno di raggiungere quegli obiettivi che ci eravamo prefissati».

Anche per gli igienisti dentali, come per le altre professioni, sono stati bassi gli indici di affluenza alle urne, o quantomeno al di sotto delle aspettative. «Le elezioni si sono svolte tranquillamente anche se ci aspettavamo più partecipazione – aggiunge Tomassi -. Desidero ringraziare tutti i colleghi che hanno partecipato al voto, molti di loro da sempre vicini alle associazioni, continuando a dimostrare un sentimento partecipativo per la professione».

La sfida per il futuro è quella di coinvolgere più professionisti possibili alla vita dell’Ordine e dell’Albo di appartenenza. «Qualcuno vive l’Ordine come un vincolo, un obbligo. Avvicinare queste persone è importante, però anche loro devono credere nelle istituzioni. Metteremo in campo tutte le iniziative che potranno favorire la partecipazione, a partire dai corsi di aggiornamento. Ci impegneremo molto nella Formazione continua».

L’ultimo tassello per il Maxi Ordine TSRM-PSTRP è quello dell’elezione delle Commissioni d’Albo nazionali delle 19 professioni: entro fine marzo è previsto il varo dell’ultimo decreto attuativo con le regole elettorali.

 

Articoli correlati
Terapie intensive Covid. Reverberi (logopedista): «Tra i nuovi pazienti diminuiscono i casi di disfagia»
I risultati della fase 2. La logopedista: «I pazienti con disfagia sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per bocca. Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi a causa del lockdown»
di Isabella Faggiano
Igienisti Dentali, il documento: «Responsabilità e autonomia sancite da norme». Di Marco: «Al lavoro con CAO per avviare tavolo di lavoro»
Dopo la sentenza del Consiglio di Stato, parla la Presidente della Commissione d’Albo nazionale Caterina Di Marco: «Abbiamo elaborato un documento di posizionamento sui principi della responsabilità, della professionalità e delle competenze dell’Igienista Dentale: un atto dovuto verso i nostri iscritti». Poi la richiesta: «Servono più Igienisti nel SSN, siamo ancora pochi»
Igienisti dentali, Tomassi (UNID): «Avviato confronto fra CdA nazionale e Odontoiatri su nostra autonomia, serve soluzione condivisa»
Gli igienisti dentali si sono ritrovati a Roma per il Congresso Nazionale dell’UNID. Il Presidente della FNO TSRM e PSTRP Alessandro Beux sottolinea: «Ora trattiamo a livello istituzionale da pari con le altre professioni, è un risultato straordinario a cui abbiamo creduto tutti»
Giornata internazionale igienisti dentali: «Non rinunciate alla prevenzione per paura del covid-19»
«Il messaggio che mandiamo è forte e chiaro - spiega la presidente Antonella Abbinante - davanti al Covid-19 bisogna saper evolvere, non abbandonare i controlli per la salute»
Professioni sanitarie in servizio anche dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto
Anche le professioni sanitarie potranno rimanere in servizio dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto con un emendamento. Non oltre il 70esimo anno di età
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...