Professioni Sanitarie 9 Ottobre 2020

Giornata Salute Mentale, l’appello dei Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica: «Numeri enormi, occorre potenziare i DSM e combattere lo stigma»

Secondo l’OMS i sistemi sanitari non hanno ancora risposto adeguatamente al peso globale di malattia correlato ai disturbi mentali. De Lorenzo (CdA TeRP): «A causa della pandemia Covid-19 osserviamo che tanti giovani ma anche tanti over 65 stanno soffrendo in questo periodo. La rete pubblica va fornita di nuova linfa»

Immagine articolo

Porre più attenzione sulla salute mentale e sulla prevenzione anche in tempo di Covid-19. È la richiesta che i Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica rivolgono alle istituzioni in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale che si celebra ogni anno il 10 ottobre. Istituita nel 1992 dalla Federazione mondiale per la salute mentale (WFMH) insieme all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), quest’anno è dedicata al tema dell’accesso e ha l’obiettivo di accendere i riflettori sull’importanza di questa politica sanitaria a livello mondiale: “Mental Health for All Greater Investment – Greater Access. Everyone, everywhere” è lo slogan.

Il 10-20% DI BAMBINI E ADOLESCENTI SOFFRE DI DISTURBI MENTALI

Del resto i dati a livello mondiale testimoniano come questa categoria di patologie sia molto diffusa: secondo lo studio “Global burden of disease” dell’Istituto per la valutazione e misurazione della salute (Ihme) circa 971 milioni di persone (il 13% della popolazione globale) soffre di una forma di disturbo mentale. Un tema che non risparmia i giovani: il 10-20% di bambini e adolescenti soffre di disturbi mentali. A fronte di questi numeri, l’OMS ha sottolineato che i sistemi sanitari non hanno ancora risposto adeguatamente al peso globale di malattia correlato ai disturbi mentali. Il divario tra la necessità di trattamento e la sua reale offerta è molto ampio in tutto il mondo.

Non fa eccezione l’Italia: secondo il rapporto SISM 2016 nel 2015 il numero complessivo di accessi al Pronto Soccorso per patologie psichiatriche ammonta a 585.087, mentre 807.035 sono state le persone trattate dai Dipartimenti di Salute Mentale. Si tratta però solo della punta dell’iceberg, perché a causa dello stigma che ancora caratterizza questi malati, c’è forte resistenza ad accedere alle cure, dunque ci sono ancora molte persone che avrebbero bisogno di aiuto ma che restano nell’ombra. Quasi due milioni sono state le prestazioni di Riabilitazione Psichiatrica a cui si aggiungono le 629.644 attività di supporto alla vita quotidiana, le 523.509 attività di supporto alla famiglia e le 94.802 attività di supporto sociale (per un totale di oltre tre milioni).

NUMERI PIÙ GRANDI DELLE POSSIBILITÀ CHE HA IL SISTEMA PUBBLICO DI GESTIRE IL BISOGNO

«Il concetto di stigma è questo impianto culturale che rende le cure da un lato meno accessibili e dall’altro meno capaci di attrarre investimenti da parte del sistema – sottolinea Valerio De Lorenzo, Presidente CdA TeRP di Roma e membro della CdA nazionale -. A causa della pandemia Covid-19 osserviamo che tanti giovani ma anche tanti over 65 stanno soffrendo in questo periodo. I DSM fanno un lavoro enorme, gestiscono un bisogno complesso. Il problema è che i numeri sono ancora più grandi delle possibilità che ha il sistema pubblico di gestirlo. Il bisogno c’è, i giovani sono quelli più a rischio in questo periodo storico. La rete pubblica va fornita di nuova linfa».

«Fondamentale agire sulla prevenzione – gli fa eco Giusy Stella, membro della CdA dei TeRP di Roma -. Oltre al lavoro clinico quotidiano, è fondamentale coinvolgere tutte quelle strutture, come le scuole, dove si può fare un lavoro culturale e di rete che possa coinvolgere i giovani e le famiglie. Nel momento in cui ascoltano e familiarizzano con determinate tematiche c’è poi la possibilità che al momento del bisogno non vi siano resistenze ad accedere alle cure».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Emergenza Covid, Regimenti (Lega): «Situazione critica. Test e tamponi anche in farmacia e dal MMG»
«La situazione rischia di esplodere ed è figlia di una politica nazionale fatta di aridi Dpcm e non di misure a sostegno della cittadinanza» sottolinea l'eurodeputata della Lega
Pronto Soccorso, Giuliano (UGL): «Sistema in corto circuito, ora tutelare personale con rigida applicazione protocolli»
L'UGL sanità torna a chiedere investimenti, assunzioni e una riforma mirata della Medicina del territorio oltre allo sblocco del turn over. IL segretario Giuliano: «Situazione da girone dantesco, servono investimenti»
Tampone rischioso per i bambini? Marchisio (Sip Lombardia): «No, tutto sta nella preparazione del professionista»
La Presidente della sezione Lombardia della Società Italiana di Pediatria (Sip), che dalla sua ha un’esperienza relativa ai tamponi naso-faringei ultra trentennale, garantisce: «Almeno per quanto riguarda la mia esperienza, non è mai successo niente»
In Giappone 1700 decessi per Covid-19 da inizio pandemia. Quale strategia di contenimento ha adottato?
Intervista al Professor Kentaro Iwata, Direttore di Malattie Infettive e Salute Pubblica del Policlinico di Kobe: «Non abbiamo fatto miracoli. È l'atteggiamento delle persone che conta»
di Peter D'Angelo
Sistema 118, Balzanelli: «Centrali subissate e code di 6-7 ore davanti agli ospedali. Governo rafforzi il 118 o si rischia il crack»
Il Presidente della Società Italiana Sistema 118 traccia un quadro preoccupante: «I nostri mezzi devono essere sanificati completamente e gli equipaggi si devono svestire e rivestire. Servono 45 minuti e in quel frangente i territori rischiano di rimanere scoperti». Sotto pressione tutte le aree metropolitane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare