Professioni Sanitarie 28 Luglio 2020

Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «L’ordine autonomo ora diventa possibile»

Il presidente AIFI: «Con la costituzione della Commissione nazionale d’Albo le energie dell’Associazione potranno essere dedicate pienamente all’ambito tecnico-scientifico»

di Isabella Faggiano

La possibile costituzione di un Ordine autonomo dei fisioterapisti si fa sempre più concreta e vicina, in attuazione della Legge nr.3.2018 e del Dm del 13.3.2018: «Le 50mila iscrizioni, previste dalla Legge Lorenzin, sono state ormai abbondantemente superate e ci prepariamo dunque ad un importante passaggio per tutta la nostra professione», dice Mauro Tavarnelli, presidente di AIFI, l’Associazione Italiana Fisioterapisti.

La richiesta di creazione dell’Ordine autonomo potrà essere avanzata una volta ultimata la costituzione della Commissione Nazionale d’Albo dei Fisioterapisti. «Commissione che – sottolinea il presidente AIFI – dovrà essere eletta presumibilmente alla fine del mese di settembre. Proprio in questi giorni infatti, con l’emanazione del Decreto ministeriale del 4 giugno 2020, che prevede la composizione delle Commissioni di Albo all’interno della Federazione Nazionale degli Ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, si sta concludendo il percorso previsto dalla Legge Lorenzin in materia di ordini e albi professionali».

AIFI: UN’ASSOCIAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Intanto AIFI, già riconosciuta come associazione tecnico-scientifica da Decreto ministeriale, lavora attivamente come riferimento professionale e formativo dei fisioterapisti, in supporto di tavoli nazionali e regionali per l’elaborazione di linee guida o per l’adattamento di quelle internazionali già esistenti: «Con la costituzione della Commissione nazionale d’Albo i nostri impegni come AIFI, come già mostrato in questi mesi – commenta il presidente AIFI – saranno sempre più spostati verso l’ambito tecnico-scientifico. Questo è il nostro presente e sarà il nostro futuro».

IL FISIOTERAPISTA DI COMUNITA’

Tra gli impegni futuri c’è anche la diffusione sempre più capillare del fisioterapista di comunità, una figura centrale per il futuro dell’assistenza, già prevista da alcune normative a carattere locale, come ad esempio quella dell’USL Toscana-centro. «Il fisioterapista di comunità è un professionista sanitario che, nell’ambito delle Case della Salute o delle aggregazioni territoriali, in collaborazione stretta con team professionali coordinati dal medico di medicina generale, identifica e adotta le migliori strategie per la valutazione, la prevenzione, l’abilitazione e la palliazione – dice Tavarnelli – con l’obiettivo generale di contribuire a migliorare la qualità di vita della persona, dei suoi familiari e dei caregiver. Crediamo fortemente in questo profilo, perché interpreta un nuovo modello di personalizzazione della cura, che, sostenendo interventi specifici, promuove anche quell’atteggiamento di autocura in grado di far acquisire al paziente competenze e motivazioni necessarie alla gestione della propria disabilità».

SI PUNTA ALLA LAUREA QUINQUENNALE

Anche il tema della formazione continua resta tra i principali interessi dell’Associazione: «Il passaggio da un percorso di laurea triennale ad uno quinquennale è ormai un obiettivo consolidato di AIFI e credo che lo diventerà anche della Commissione nazionale d’Albo. Il fisioterapista, in virtù delle proprie funzioni, ha la necessità di acquisire costantemente competenze, difficilmente condensabili, nonostante la ricca offerta formativa post-base, – conclude il presidente AIFI – in un percorso di studio che duri solo tre anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I fisioterapisti italiani compiono 61 anni. AIFI: «È il momento della ripartenza del Paese e della professione»
L'Associazione Italiana Fisioterapisti: «Il Paese deve trovare le forze etiche, professionali, di programmazione e di governance per ripartire subito. Noi pronti a dare il nostro contributo. Le professioni sanitarie siano unite e compatte»
Coronavirus, anche i fisioterapisti ‘al fronte’. Cecchetto (Aifi): «Così aiutiamo i pazienti Covid-19. Tanti in prima linea per dare una mano»
«In Lombardia anche molti fisioterapisti sono tra i contagiati» racconta il vicepresidente dell’Associazione italiana fisioterapisti che poi spiega il ruolo cruciale della categoria «anche per contribuire a ridurre i tempi di degenza e la conseguente necessità di posti letto». In un documento le indicazioni per svolgere i vari interventi in sicurezza evitando pratiche inappropriate o a rischio
Fisioterapia, le nuove linee di indirizzo in riabilitazione non soddisfano i professionisti
«Mercoledì 30 ottobre, i rappresentanti dell’AIFI Piemonte e Valle d’Aosta (la sezione regionale dell’Associazione Italiana Fisioterapisti) hanno incontrato l’Assessore alla Sanità della Valle d’Aosta Mauro Baccega per affrontare il tema delle linee di indirizzo in riabilitazione, recentemente aggiornate dal Ministero della Salute e attualmente in discussione presso la Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome di Trento […]
Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Già più di 50mila iscritti all’Ordine TSRM PSTRP, ci sono i presupposti per avviare le procedure per un nuovo Ordine»
Il Presidente dell’Associazione Italiana Fisioterapisti esprime la sua soddisfazione per il primo Congresso nazionale del maxi Ordine TSRM e PSTRP: «Ci sentiamo parte di questa famiglia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...