Professioni Sanitarie 28 Luglio 2020 11:16

Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «L’ordine autonomo ora diventa possibile»

Il presidente AIFI: «Con la costituzione della Commissione nazionale d’Albo le energie dell’Associazione potranno essere dedicate pienamente all’ambito tecnico-scientifico»

di Isabella Faggiano

La possibile costituzione di un Ordine autonomo dei fisioterapisti si fa sempre più concreta e vicina, in attuazione della Legge nr.3.2018 e del Dm del 13.3.2018: «Le 50mila iscrizioni, previste dalla Legge Lorenzin, sono state ormai abbondantemente superate e ci prepariamo dunque ad un importante passaggio per tutta la nostra professione», dice Mauro Tavarnelli, presidente di AIFI, l’Associazione Italiana Fisioterapisti.

La richiesta di creazione dell’Ordine autonomo potrà essere avanzata una volta ultimata la costituzione della Commissione Nazionale d’Albo dei Fisioterapisti. «Commissione che – sottolinea il presidente AIFI – dovrà essere eletta presumibilmente alla fine del mese di settembre. Proprio in questi giorni infatti, con l’emanazione del Decreto ministeriale del 4 giugno 2020, che prevede la composizione delle Commissioni di Albo all’interno della Federazione Nazionale degli Ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, si sta concludendo il percorso previsto dalla Legge Lorenzin in materia di ordini e albi professionali».

AIFI: UN’ASSOCIAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Intanto AIFI, già riconosciuta come associazione tecnico-scientifica da Decreto ministeriale, lavora attivamente come riferimento professionale e formativo dei fisioterapisti, in supporto di tavoli nazionali e regionali per l’elaborazione di linee guida o per l’adattamento di quelle internazionali già esistenti: «Con la costituzione della Commissione nazionale d’Albo i nostri impegni come AIFI, come già mostrato in questi mesi – commenta il presidente AIFI – saranno sempre più spostati verso l’ambito tecnico-scientifico. Questo è il nostro presente e sarà il nostro futuro».

IL FISIOTERAPISTA DI COMUNITA’

Tra gli impegni futuri c’è anche la diffusione sempre più capillare del fisioterapista di comunità, una figura centrale per il futuro dell’assistenza, già prevista da alcune normative a carattere locale, come ad esempio quella dell’USL Toscana-centro. «Il fisioterapista di comunità è un professionista sanitario che, nell’ambito delle Case della Salute o delle aggregazioni territoriali, in collaborazione stretta con team professionali coordinati dal medico di medicina generale, identifica e adotta le migliori strategie per la valutazione, la prevenzione, l’abilitazione e la palliazione – dice Tavarnelli – con l’obiettivo generale di contribuire a migliorare la qualità di vita della persona, dei suoi familiari e dei caregiver. Crediamo fortemente in questo profilo, perché interpreta un nuovo modello di personalizzazione della cura, che, sostenendo interventi specifici, promuove anche quell’atteggiamento di autocura in grado di far acquisire al paziente competenze e motivazioni necessarie alla gestione della propria disabilità».

SI PUNTA ALLA LAUREA QUINQUENNALE

Anche il tema della formazione continua resta tra i principali interessi dell’Associazione: «Il passaggio da un percorso di laurea triennale ad uno quinquennale è ormai un obiettivo consolidato di AIFI e credo che lo diventerà anche della Commissione nazionale d’Albo. Il fisioterapista, in virtù delle proprie funzioni, ha la necessità di acquisire costantemente competenze, difficilmente condensabili, nonostante la ricca offerta formativa post-base, – conclude il presidente AIFI – in un percorso di studio che duri solo tre anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Fisioterapia essenziale nella prevenzione, ma da valorizzare di più nel DM71». Parla Simone Cecchetto (AIFI)
Ad Exposanità AIFI (Associazione italiana di Fisioterapia) ha presentato alcune best practice di fisioterapia territoriale. E nelle scuole è successo per la campagna “la schiena va a scuola”, portata in 400 classi. Cecchetto: «Prossima giornata mondiale della Fisioterapia dedicata all’artrite e alle malattie reumatiche»
di Francesco Torre
World Physical Therapy Day, Ferrante (CDAN): «Fisioterapia migliora qualità della vita e autonomia dei malati cronici»
Il presidente della Commissione d’Albo Nazionale dei Fisioterapisti: «L’Ordine autonomo è un traguardo sempre più vicino. Puntiamo ad inaugurarlo all’arrivo del nuovo anno»
di Isabella Faggiano
Giornata Mondiale Sindrome di Sjögren, corsi formativi per farmacisti e fisioterapisti
A.N.I.Ma.S.S. ODV organizza la settimana di celebrazione della Giornata Mondiale della Sindrome di Sjögren Primaria Sistemica dal 19 al 23 luglio 2021 per accendere i riflettori su una malattia rara non ancora inserita come rara nei LEA e che viene celebrata in tutto il Mondo il 23 luglio. Sono tre gli eventi della Settimana di […]
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
AIFI, il nuovo presidente Cecchetto: «Alcuni interventi chirurgici evitabili con la fisioterapia»
Nel programma del neo eletto Cecchetto focus su formazione di qualità per tutti i fisioterapisti, collaborazione con il mondo accademico e risposte tempestive ai bisogni dei cittadini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa