Professioni Sanitarie 28 Luglio 2020

Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «L’ordine autonomo ora diventa possibile»

Il presidente AIFI: «Con la costituzione della Commissione nazionale d’Albo le energie dell’Associazione potranno essere dedicate pienamente all’ambito tecnico-scientifico»

di Isabella Faggiano

La possibile costituzione di un Ordine autonomo dei fisioterapisti si fa sempre più concreta e vicina, in attuazione della Legge nr.3.2018 e del Dm del 13.3.2018: «Le 50mila iscrizioni, previste dalla Legge Lorenzin, sono state ormai abbondantemente superate e ci prepariamo dunque ad un importante passaggio per tutta la nostra professione», dice Mauro Tavarnelli, presidente di AIFI, l’Associazione Italiana Fisioterapisti.

La richiesta di creazione dell’Ordine autonomo potrà essere avanzata una volta ultimata la costituzione della Commissione Nazionale d’Albo dei Fisioterapisti. «Commissione che – sottolinea il presidente AIFI – dovrà essere eletta presumibilmente alla fine del mese di settembre. Proprio in questi giorni infatti, con l’emanazione del Decreto ministeriale del 4 giugno 2020, che prevede la composizione delle Commissioni di Albo all’interno della Federazione Nazionale degli Ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, si sta concludendo il percorso previsto dalla Legge Lorenzin in materia di ordini e albi professionali».

AIFI: UN’ASSOCIAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Intanto AIFI, già riconosciuta come associazione tecnico-scientifica da Decreto ministeriale, lavora attivamente come riferimento professionale e formativo dei fisioterapisti, in supporto di tavoli nazionali e regionali per l’elaborazione di linee guida o per l’adattamento di quelle internazionali già esistenti: «Con la costituzione della Commissione nazionale d’Albo i nostri impegni come AIFI, come già mostrato in questi mesi – commenta il presidente AIFI – saranno sempre più spostati verso l’ambito tecnico-scientifico. Questo è il nostro presente e sarà il nostro futuro».

IL FISIOTERAPISTA DI COMUNITA’

Tra gli impegni futuri c’è anche la diffusione sempre più capillare del fisioterapista di comunità, una figura centrale per il futuro dell’assistenza, già prevista da alcune normative a carattere locale, come ad esempio quella dell’USL Toscana-centro. «Il fisioterapista di comunità è un professionista sanitario che, nell’ambito delle Case della Salute o delle aggregazioni territoriali, in collaborazione stretta con team professionali coordinati dal medico di medicina generale, identifica e adotta le migliori strategie per la valutazione, la prevenzione, l’abilitazione e la palliazione – dice Tavarnelli – con l’obiettivo generale di contribuire a migliorare la qualità di vita della persona, dei suoi familiari e dei caregiver. Crediamo fortemente in questo profilo, perché interpreta un nuovo modello di personalizzazione della cura, che, sostenendo interventi specifici, promuove anche quell’atteggiamento di autocura in grado di far acquisire al paziente competenze e motivazioni necessarie alla gestione della propria disabilità».

SI PUNTA ALLA LAUREA QUINQUENNALE

Anche il tema della formazione continua resta tra i principali interessi dell’Associazione: «Il passaggio da un percorso di laurea triennale ad uno quinquennale è ormai un obiettivo consolidato di AIFI e credo che lo diventerà anche della Commissione nazionale d’Albo. Il fisioterapista, in virtù delle proprie funzioni, ha la necessità di acquisire costantemente competenze, difficilmente condensabili, nonostante la ricca offerta formativa post-base, – conclude il presidente AIFI – in un percorso di studio che duri solo tre anni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fisioterapista di famiglia, SPIF AR replica ad AIFI: «Nessuno ha proposto modello in convenzione»
Il Segretario Generale del Sindacato dei Fisioterapisti difende il ddl presentato alla camera sul tema: «Nessuno vuole allontanarsi dalla costruzione del team territoriale multiprofessionale, testo potrà essere emendato»
Fisioterapista di famiglia, Bracciantini (AIFI): «Serve quello di Comunità, no al rapporto in convenzione»
L’Associazione italiana Fisioterapisti non è convinta del Ddl depositato in Commissione Affari Sociali: «Rapporto in convenzione non funziona. Per noi sarà la figura professionale che opererà all’interno e al servizio delle Reti Territoriali e non un professionista a sé stante che valuta e agisce isolatamente sui bisogni del paziente»
AIFI: «Dopo il caso Zaniolo la tutela degli atleti passa da una nuova alleanza»
Dall’Associazione Italiana Fisioterapisti una lettera aperta ai media, agli sportivi ed alle società
Giornata Mondiale Fisioterapia dedicata al Covid. Cecchetto (AIFI): «Nostro ruolo decisivo in tante patologie. Ecco i luoghi comuni da sfatare»
In un video pubblicato su AIFI Channel tanti pazienti hanno scelto di raccontare il loro percorso di guarigione accanto al proprio fisioterapista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli