Professioni Sanitarie 18 Marzo 2020 19:06

Dl “Cura Italia”, Chimici e Fisici al Governo: «Inserire nuovi professionisti in SSN e estendere misure di sostegno»

La presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici Nausicaa Orlandi ai appella all’esecutivo: «Chiediamo al Governo di recepire l’esigenza di inserire ulteriori professionisti sanitari Chimici e Fisici nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale». Poi sottolinea: «Iscritti a Ordine non potranno accedere a indennità una tantum di 600 euro»

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici (FNCF) insieme a tutte le professioni rappresentate nella Rete delle Professioni Tecniche (RPT) e nel Comitato Unitario delle Professioni (CUP) chiedono, come già fatto nei giorni scorsi, un intervento al Decreto-legge “Cura Italia” (D.L. n. 18/2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo 2020) a tutela del futuro dei 2.300.000 professionisti ordinistici italiani.

«I nostri liberi professionisti – dichiara Nausicaa Orlandi, Presidente della FNCF – sono direttamente coinvolti dall’emergenza sanitaria in atto, coinvolti in quanto presenti al loro posto di lavoro al servizio di cittadini e Stato, e coinvolti perché i futuri scenari sanitari ed economici li vedranno ulteriormente in difficoltà. I mesi che verranno saranno difficilissimi, sul fronte della tenuta della nostra economia e delle ricadute sul mondo del lavoro. Per questo motivo, non possiamo rischiare che un universo di competenze come quello costituito dai professionisti ordinistici, sia sacrificato perché non adeguatamente sostenuto dallo Stato e abbandonato a sé stesso». 

La FNCF già direttamente all’inizio dell’emergenza, e successivamente in data 12.03.2020 insieme alla RPT e nella giornata di ieri 17.03.2020 congiuntamente a RTP e il CUP, ha chiesto un intervento immediato sul Decreto-legge “Cura Italia”, decreto che si prefigge l’obiettivo di curare il Paese e che deve prendersi cura indistintamente di tutti i suoi cittadini, unendo e non dividendo la società di fronte ad una emergenza sanitaria che non chiede alle sue vittime quale sia il loro status lavorativo, ma accomuna tutti indistintamente

«L’appello rivolto oggi – continua Orlandi – al Presidente Conte ed al Governo tutto è di intervenire prevedendo nella conversione del decreto-legge e nei decreti attuativi misure a sostegno dei liberi professionisti, che al pari degli altri lavoratori autonomi ed imprese si troveranno in grande difficoltà nei prossimi mesi, visto anche le sospensioni da parte dei pagamenti delle stesse pubbliche amministrazioni. Chiediamo altresì al Governo di recepire l’esigenza di inserire ulteriori professionisti sanitari Chimici e Fisici nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale al fine di rafforzare la presenza di queste figure professionali importanti per fronteggiare ’emergenza sanitaria da Coronavirus».

Le misure di sostegno del Decreto “Cura Italia” che escludono i liberi professionisti 

Come si evince dal Decreto “Cura Italia” pubblicato il 17/03/2020, i lavoratori autonomi iscritti agli ordini professionali non potranno accedere alle principali misure di sostegno dell’economia, tra cui spicca in particolare l’indennità una tantum di 600 euro. 

Per diverse categorie di soggetti, il Decreto Cura Italia prevede l’assegnazione di un’indennità pari a 600 euro per il mese di marzo 2020. Tale misura agevolativa risulta infatti destinata a una platea di quasi 5 milioni di persone, fra i quali sono compresi i professionisti non iscritti agli ordini, i co.co.co. in gestione separata, artigiani, commercianti, coltivatori diretti e mezzadri, stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori del settore dello spettacolo, lavoratori agricoli. Tuttavia, da tale beneficio sono esclusi i liberi professionisti iscritti agli ordini.

Una delle poche misure di sostegno dedicate agli iscritti agli ordini professionali che hanno cessato, ridotto o sospeso l’attività in conseguenza dell’emergenza epidemiologica in atto, è quella che prevede la costituzione di un apposito “Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19”, la cui finalità sarà quella di garantire, a tali soggetti, il riconoscimento di un’indennità per l’anno 2020 nel limite di spesa complessivo per tutti i lavoratori dipendenti ed autonomi di 300 milioni di euro.

Le disposizioni attuative per la gestione del Fondo saranno riportate nei decreti che il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze adotterà entro 30 giorni dal Decreto Cura Italia. In tali decreti si definiranno criteri di priorità e modalità di attribuzione dell’indennità nonché la eventuale quota del limite di spesa da destinare, in via eccezionale, al sostegno del reddito dei professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria di cui ai decreti legislativi 30 giugno 1994, n. 509 e 10 febbraio 1996, n.103.

Deroga delle norme in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali sanitarie 

Per la durata dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, in deroga alla vigente normativa, è consentito l’esercizio temporaneo di qualifiche professionali sanitarie ai professionisti che intendono esercitare sul territorio nazionale una professione sanitaria conseguita all’estero regolata da specifiche direttive dell’Unione europea. Gli interessati presentano istanza corredata di un certificato di iscrizione all’albo del Paese di provenienza alle regioni e Province autonome, che possono procedere al reclutamento temporaneo di tali professionisti ai sensi degli articoli 1 e 2 del decreto-legge 9 marzo 2020, n. 14.

La FNCF ritiene questa deroga fondamentale per permettere un accesso in particolare ai laureati in Fisica ed agli specializzati in Fisica Medica che operano all’estero e che ancora ad oggi, non essendoci esame di stato, non hanno potuto veder riconosciuta la propria laurea e\o specializzazione conseguita all’estero ed inserirsi in un Servizio Sanitario Nazionale che ancora ad oggi ha necessità di essere integrato con Chimici e Fisici.

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 giugno: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Chimici-Fisici, Orlandi (FNCF): «Bene 38mila medici specializzati in più, ma ora investire nella formazione di tutti i professionisti sanitari»
Nausicaa Orlandi, Presidente della FNCF: «Un importante traguardo per i medici, una rampa di lancio per Chimici, Fisici e per tutte le altre professioni sanitarie»
Giornata degli Oceani, il ruolo dei Chimici e Fisici per la prevenzione della diffusione degli inquinanti
Dalle microplastiche alla presenza di mozziconi di sigarette sulle spiagge: il punto di vista Dott.ssa Chim. Nausicaa Orlandi, Presidente della FNCF. Ogni anno in Italia dispersi nell’ambiente 1,4 milioni di mozziconi di sigarette
Ddl malattia per i liberi professionisti, dopo lo stop della Ragioneria dello Stato arriva la protesta di Chimici e Fisici italiani
«In piena pandemia da Covid-19 è illogico porre il veto su un disegno di legge a tutela della salute dei liberi professionisti», sottolinea la Presidente della FNCF Orlandi
Covid-19, Orlandi (FNCF): «Chimici e Fisici essenziali nella tutela della salute e dell’ambiente, siano vaccinati al più presto»
La Presidente della Federazione Nazionale dei Chimici e dei Fisici Nausicaa Orlandi chiede che questi professionisti siano inseriti tra le categorie prioritarie per la vaccinazione «per le loro funzioni di rilevanza pubblica e sociale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM