Professioni Sanitarie 7 Aprile 2020

Covid19, la proposta di Beux (TSRM e PSTRP): «Istituire Fondo di garanzia per professionisti sanitari vittime»

Il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie, supportato dal referente avvocato Laila Perciballi – chiede «l’audizione e la raccolta di pareri, anche vincolanti, di tutte le Federazioni delle professioni sanitarie e dei rappresentanti della cittadinanza»

Con una nota, il Presidente della FNO TSRM e PSTRP Alessandro Beux invita i decisori politici e gli amministratori a confrontarsi con i necessari interlocutori della sanità per la costituzione di un Fondo di garanzia per le vittime di Covid-19 che sia espressione dell’assunzione di responsabilità dello Stato, e non un Fondo basato su iniziative di solidarietà, per quanto apprezzabili, dei privati.

Ogni legge sulla sanità e sulle professioni sanitarie, inclusi gli emendamenti al DL 17 marzo 2020, n. 18, cosiddetto Cura Italia, deve prevedere l’audizione e la raccolta di pareri, anche vincolanti, di tutte le Federazioni delle professioni sanitarie e dei rappresentanti della cittadinanza.

«Le azioni giudiziali – afferma l’avvocato Laila Perciballi, referente della Federazione – devono essere disincentivate attraverso l’assunzione di responsabilità delle Istituzioni che, consapevoli degli errori del passato che hanno generato il tragico presente, diano luogo alla creazione di un Fondo di garanzia per le vittime di Covid-19 e non attraverso emendamenti che, con un colpo di spugna, cancellino le evidenti responsabilità».

«Il Fondo di garanzia per le vittime di Covid-19 non può essere consolatorio – come quello disposto dal Presidente Borrelli della Protezione civile che, pur meritorio, si basa su atti di liberalità come quelli della famiglia Della Valle – ma risarcitorio basato cioè su un’effettiva assunzione di responsabilità da parte dello Stato e non su meri proclami. Il Fondo di garanzia per le vittime di Covid-19 potrebbe essere gestito in modo simile (ovviamente con tutti i necessari adeguamenti) al Fondo di garanzia per le vittime della strada».

L’istituzione del Fondo di garanzia per le vittime di Covid-19 consente di non modificare le norme sulla responsabilità (tale tentativo, peraltro, non potrà che essere tacciato di incostituzionalità dalla Corte Costituzionale), riconoscendo in capo alle Istituzioni la cd. responsabilità oggettiva o responsabilità sociale d’impresa (che esiste già, come quella di impresa per i beni con difetto di fabbricazione) e lasciando, così, esenti da responsabilità penale e civile medici e professionisti sanitari che abbiano contagiato le persone assistite in quanto già loro stessi lesi dall’assenza di protezione la cui responsabilità è da ricondurre (appunto a titolo di responsabilità oggettiva) alle Istituzioni.

La costituzione di un Fondo di garanzia per le vittime di Covid-19 e l’introduzione di un protocollo di conciliazione, che può essere esteso a tutte le strutture che ne fanno richiesta, incluse le RSA, vuol dire disincentivare azioni giudiziali rendendo obbligatoria preliminarmente la domanda di accesso al medesimo istituto.

Il Fondo di garanzie per le vittime di Covid-19 potrà applicare le tabelle di risarcimento previste dal Codice delle Assicurazioni e prevedere dei massimali per sinistro, come quelli già in essere. Possono essere previste delle casistiche, ad esempio morte causata da contagio per assenza dei DPI durante lo svolgimento dell’attività lavorativa; oppure, morte di un soggetto ricoverato per altre patologie che ha contratto il virus all’interno della struttura sanitaria che lo ospitava.

«Ogni scelta ha costi sociali ed economici e lo Stato non può esimersi da questa responsabilità cercando norme di salvezza -afferma l’avvocato Perciballi -. Dunque, siano riconosciute immediate tutele e protezioni a tutti i professionisti sanitari impegnati nella gestione di questa emergenza e anche alla cittadinanza. Ricordiamo che i professionisti sanitari operano spesso senza DPI adeguati a protezione della propria salute e quella delle persone che assistono oltre che dei loro familiari. Ebbene diamo effettività e concretezza al combinato disposto degli artt. 3 e 32 della nostra Costituzione garantendo uguaglianza formale e sostanziale di tutte le persone, compresi i professionisti sanitari che hanno diritto alla salute senza distinzioni regionali. Un Sistema sanitario unico che garantisca universalità, uguaglianza e solidarietà».

«Questi valori fondanti del nostro sistema – conclude il Presidente Alessandro Beux – resterebbero mere dichiarazioni di principio di fronte ad uno svuotamento di responsabilità, specie quelle delle Istituzioni che devono rispondere, attraverso la costituzione di un Fondo di garanzia per le vittime di Covid-19, e certamente non con provvedimenti di manleva, delle scellerate politiche di tagli alla sanità degli ultimi 15 anni».

Articoli correlati
“Anziani. Diritti e tutele senza età”: un libro per ripensare l’assistenza sanitaria e sociosanitaria mettendo al centro la persona
Nel libro - ideato dall'avvocato Laila Perciballi - il supporto all'idea dell’amministratore di sostegno da nominare quando necessario per aiutare i nostri nonni a vivere nelle loro case, nel proprio tessuto famigliare e sociale
Abusivismo nello sport, Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Avviato percorso di verifica e regolarizzazione professionisti sanitari»
Dopo la lettera al Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora e al Presidente FIGC Gabriele Gravina, arriva l’annuncio di Alessandro Beux che aveva giudicato «inammissibile che le Federazioni sportive possano annoverare, tra gli iscritti agli albi e ai ruoli del proprio Settore tecnico, professionisti sanitari che non risultano anche iscritti agli albi o agli elenchi speciali a esaurimento degli Ordini professionali»
Professioni sanitarie, prima storica votazione per le CdA nazionali. Tutti i risultati
Con la conclusione della procedura le professioni afferenti alla FNO TSRM e PSTRP avranno la loro rappresentanza nazionale. Il Presidente Alessandro Beux: «Per i Tecnici ortopedici, per i quali a causa di alcuni vizi di forma nelle candidature non abbiamo potuto procedere, recupereremo quanto prima»
Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»
Per migliorare il legame tra istruzione e sanità: integrare le attività didattiche con incontri tra diversi professionisti sanitari e gli studenti
Professioni sanitarie, Commissione Codice Etico al lavoro su multiprofessione, competenza, privacy ed equità. Presto nuova consultazione
Il gruppo di lavoro coordinato dall’avvocato Laila Perciballi si è confrontato anche con le tematiche derivate dalla pandemia, come l’accesso delle persone alle cure in condizioni di risorse sanitarie limitate: «Problema di grande complessità, che richiede di considerare e di contemperare principi diversi. Fondamentale centralità della persona»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...