Professioni Sanitarie 15 Gennaio 2021 14:50

Assistenti sociali, Gazzi: «Con Legge di Bilancio migliaia di assunzioni. Crisi di governo non rallenti processo»

Il presidente del CNOAS Gianmario Gazzi ammonisce la politica: «La povertà non aspetta, si trovi presto una soluzione». Poi commenta: «Importante il contributo strutturale, ad ambiti territoriali e comuni, per raggiungere il livello essenziale di un assistente sociale ogni 5mila abitanti e l’obiettivo di servizio di uno ogni 4mila abitanti»

Assistenti sociali, Gazzi: «Con Legge di Bilancio migliaia di assunzioni. Crisi di governo non rallenti processo»

«Una crisi di governo in questo momento rischia di rallentare tutto. La speranza è che ci sia la capacità da parte di tutti di trovare una soluzione che non ci metta in condizione di aspettare ancora. La pandemia non aspetta i tempi della politica italiana. Chi rischia di finire in mezzo a una strada non può aspettare troppo, la povertà non aspetta». Gianmario Gazzi, Presidente del CNOAS, Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali, commenta così a Sanità Informazione la crisi del governo Conte bis e i suoi riflessi sul mondo dei Servizi sociali.

Le conquiste della Legge di Bilancio

La crisi, tuttavia, non scalfisce gli storici traguardi raggiunti nell’ultima Legge di Bilancio. Nella Manovra 2021 è previsto un contributo strutturale, ad ambiti territoriali e comuni, per raggiungere il livello essenziale di un assistente sociale ogni 5mila abitanti e introduce un nuovo obiettivo di servizio che porta il rapporto a 1 ogni 4mila. Inoltre 180 milioni di euro sono stati stanziati per l’avvio della stabilizzazione del personale precario assunto sinora per il contrasto alla povertà. Senza dimenticare i fondi destinati a una specifica indennità di ‘tutela della persona e promozione della salute’ che riguarda, insieme a tutti gli operatori socio-sanitari, anche gli Assistenti Sociali.

«Vedere scritto in una legge di Bilancio che il servizio sociale professionale, ovvero gli assistenti sociali, sono un Livello essenziale e che è un diritto costituzionale delle persone l’accesso alle loro prestazioni professionali è stata sicuramente una grande soddisfazione, così come il nuovo obiettivo di servizio che porta il rapporto a un Assistente Sociale ogni 4mila abitanti. È un riconoscimento fondamentale della professione, un altro pezzo di storia», spiega il Presidente CNOAS.

Il rischio con la crisi di governo

Conquiste che non possono essere messe in discussione dalla crisi di governo, anche se l’incertezza politica rischia di rallentare questo processo: «Le misure approvate in Legge di Bilancio presumo che possano andare avanti comunque perché di natura più amministrativa che politica – sottolinea Gazzi -. Sono state stanziate delle risorse, sono state fatte delle scelte: chiaramente potrebbero essere rallentate ma gli atti consequenziali da quanto previsto dalla Legge di Bilancio sono atti che un ministero può comunque compiere. La crisi può rallentare questo processo e questo sarebbe un danno per tutti perché gli effetti della pandemia sono sotto gli occhi di tutti e sappiamo anche che molte delle persone in difficoltà si rivolgeranno ai Servizi sociali: se noi non rinforziamo quei servizi, se non gli diamo stabilità, il rischio è che ci troveremo di fronte a ulteriori problemi».

Secondo Gazzi, nei prossimi anni, si potrebbe arrivare all’assunzione di 3-4mila assistenti sociali. Un numero sicuramente non trascurabile se pensiamo che oggi sono circa 11mila gli assistenti sociali in servizio: «Le nuove assunzioni potrebbero aggirarsi nell’ordine di qualche migliaio – spiega Gazzi -. Se ipotizziamo che venga applicato un parametro uniforme in tutti i Comuni e gli ambiti sociali, un assistente sociale ogni 4mila abitanti significa circa 15mila assistenti sociali. Oggi, in base ai dati che abbiamo noi, contiamo circa 11mila colleghi che però non sono tutti a tempo pieno, molti sono part-time».

Il presidente CNOAS spiega poi il meccanismo inserito in legge di Bilancio per incentivare da parte di regioni ed enti locali l’assunzione di nuovi assistenti sociali: «È un meccanismo premiante per chi orienta le proprie politiche sui Livelli essenziali. Lo Stato, se un comune o una regione arriva al parametro di un assistente sociale ogni 4mila abitanti, praticamente garantisce la copertura del 30% di quei costi. Inoltre, vengono anche previsti altri 215milioni ai Comuni per i servizi sociali, c’è un investimento».

Buone notizie dal Recovery Plan

Notizie positive anche per il Recovery Plan, il progetto con cui spenderemo i soldi del Next generation UE. «Nelle bozze oggi ci sono importanti risorse – spiega Gazzi -. Uno riguarda i servizi socio-assistenziali e disabilità e co-progettazione con il Terzo settore che ha un finanziamento previsto di circa 3 miliardi 850 milioni. Poi c’è il capitolo “Salute”. Nelle primissime bozze non avevo trovato questi finanziamenti, quindi c’è stato obiettivamente un miglioramento. Il Piano va guardato in forma integrata. Tra i 3,8 miliardi sui servizi territoriali e i 19 miliardi sulla sanità che prevede ad esempio il tema delle Case della Salute e l’integrazione socio-sanitaria ci sono importanti risorse. Sono sufficienti 19 miliardi per la sanità? Potrebbero non esserlo. Forse valeva la pena considerare di utilizzare una quota di fondi del MES».

Voto elettronico per le elezioni degli ordini

Intanto il CNOAS è alle prese con le elezioni dei Consigli regionali, meccanismo non facile da approntare in piena emergenza pandemica. Il CNOAS permetterà agli Ordini regionali di utilizzare il voto elettronico, così come permesse dalla legge di riferimento. «Abbiamo approvato e inviato al Ministero della Giustizia il regolamento per il voto elettronico per le prossime scadenze elettorale dei Consigli regionali. La legge ci consente di passare al voto elettronico – conclude Gazzi -. I Consigli regionali nell’indire le elezioni territoriali potranno scegliere di utilizzare le piattaforme elettroniche. Credo sia un passaggio importantissimo che risponde al principio di partecipazione: prima, con il seggio nel capoluogo, era complicato avere una elevata partecipazione e anche il voto per posta era molto complicato. Il voto elettronico è grandissima opportunità, anche al di là della pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Assistenti sociali, l’allarme del CNOAS: «Età media in sanità è più di 50 anni, serve ricambio generazionale. Sfruttare PNRR»
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali festeggia l’ingresso nel ruolo sociosanitario della professione. La responsabile Sanità Mirella Silvani: «Ora declinare bene quali sono le funzioni, le attività, le competenze di chi entra a far parte di questo ruolo»
Carnevali (Pd): «Riconosciuto il diritto al corretto nome dell’inquadramento di assistenti sociali, sociologi ed OSS»
«La Camera dei deputati in sede di conversione del decreto “Sostegni bis” ha approvato l’emendamento, a mia prima firma, che riconosce finalmente il giusto inquadramento normativo agli assistenti sociali, sociologi ed operatori sociosanitari dipendenti del SSN istituendo, così, il ruolo sociosanitario ed affrancandoli dalla vetusta e inidonea collocazione nel ruolo tecnico, in cui erano confinati […]
Giovani, Gazzi (Cnoas): «Stop a depauperamento servizi. Non c’è salute senza sociale»
Il presidente degli Assistenti sociali alla Bicamerale infanzia e adolescenza: «Prevenire e intervenire insieme o ci perdiamo i ragazzi»
PNRR, CNOAS in audizione: «Basta con il Welfare a progetto. Mettere al centro i minorenni e le famiglie»
Audizione degli assistenti sociali alla Bicamerale Infanzia e adolescenza. Il presidente Gazzi: «Ci sono realtà che hanno avuto strumenti e persone e altre dove le colleghe e i colleghi hanno sopperito anche con mezzi propri alla mancanza di tutto»
Servizi pubblici, assistenti sociali figura più richiesta secondo relazione del CNEL
Gazzi (CNOAS): «Per l’85% di dirigenti, amministratori e cittadini intervistati siamo necessari alla ripartenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco