Professioni Sanitarie 15 Gennaio 2021 14:50

Assistenti sociali, Gazzi: «Con Legge di Bilancio migliaia di assunzioni. Crisi di governo non rallenti processo»

Il presidente del CNOAS Gianmario Gazzi ammonisce la politica: «La povertà non aspetta, si trovi presto una soluzione». Poi commenta: «Importante il contributo strutturale, ad ambiti territoriali e comuni, per raggiungere il livello essenziale di un assistente sociale ogni 5mila abitanti e l’obiettivo di servizio di uno ogni 4mila abitanti»

Assistenti sociali, Gazzi: «Con Legge di Bilancio migliaia di assunzioni. Crisi di governo non rallenti processo»

«Una crisi di governo in questo momento rischia di rallentare tutto. La speranza è che ci sia la capacità da parte di tutti di trovare una soluzione che non ci metta in condizione di aspettare ancora. La pandemia non aspetta i tempi della politica italiana. Chi rischia di finire in mezzo a una strada non può aspettare troppo, la povertà non aspetta». Gianmario Gazzi, Presidente del CNOAS, Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali, commenta così a Sanità Informazione la crisi del governo Conte bis e i suoi riflessi sul mondo dei Servizi sociali.

Le conquiste della Legge di Bilancio

La crisi, tuttavia, non scalfisce gli storici traguardi raggiunti nell’ultima Legge di Bilancio. Nella Manovra 2021 è previsto un contributo strutturale, ad ambiti territoriali e comuni, per raggiungere il livello essenziale di un assistente sociale ogni 5mila abitanti e introduce un nuovo obiettivo di servizio che porta il rapporto a 1 ogni 4mila. Inoltre 180 milioni di euro sono stati stanziati per l’avvio della stabilizzazione del personale precario assunto sinora per il contrasto alla povertà. Senza dimenticare i fondi destinati a una specifica indennità di ‘tutela della persona e promozione della salute’ che riguarda, insieme a tutti gli operatori socio-sanitari, anche gli Assistenti Sociali.

«Vedere scritto in una legge di Bilancio che il servizio sociale professionale, ovvero gli assistenti sociali, sono un Livello essenziale e che è un diritto costituzionale delle persone l’accesso alle loro prestazioni professionali è stata sicuramente una grande soddisfazione, così come il nuovo obiettivo di servizio che porta il rapporto a un Assistente Sociale ogni 4mila abitanti. È un riconoscimento fondamentale della professione, un altro pezzo di storia», spiega il Presidente CNOAS.

Il rischio con la crisi di governo

Conquiste che non possono essere messe in discussione dalla crisi di governo, anche se l’incertezza politica rischia di rallentare questo processo: «Le misure approvate in Legge di Bilancio presumo che possano andare avanti comunque perché di natura più amministrativa che politica – sottolinea Gazzi -. Sono state stanziate delle risorse, sono state fatte delle scelte: chiaramente potrebbero essere rallentate ma gli atti consequenziali da quanto previsto dalla Legge di Bilancio sono atti che un ministero può comunque compiere. La crisi può rallentare questo processo e questo sarebbe un danno per tutti perché gli effetti della pandemia sono sotto gli occhi di tutti e sappiamo anche che molte delle persone in difficoltà si rivolgeranno ai Servizi sociali: se noi non rinforziamo quei servizi, se non gli diamo stabilità, il rischio è che ci troveremo di fronte a ulteriori problemi».

Secondo Gazzi, nei prossimi anni, si potrebbe arrivare all’assunzione di 3-4mila assistenti sociali. Un numero sicuramente non trascurabile se pensiamo che oggi sono circa 11mila gli assistenti sociali in servizio: «Le nuove assunzioni potrebbero aggirarsi nell’ordine di qualche migliaio – spiega Gazzi -. Se ipotizziamo che venga applicato un parametro uniforme in tutti i Comuni e gli ambiti sociali, un assistente sociale ogni 4mila abitanti significa circa 15mila assistenti sociali. Oggi, in base ai dati che abbiamo noi, contiamo circa 11mila colleghi che però non sono tutti a tempo pieno, molti sono part-time».

Il presidente CNOAS spiega poi il meccanismo inserito in legge di Bilancio per incentivare da parte di regioni ed enti locali l’assunzione di nuovi assistenti sociali: «È un meccanismo premiante per chi orienta le proprie politiche sui Livelli essenziali. Lo Stato, se un comune o una regione arriva al parametro di un assistente sociale ogni 4mila abitanti, praticamente garantisce la copertura del 30% di quei costi. Inoltre, vengono anche previsti altri 215milioni ai Comuni per i servizi sociali, c’è un investimento».

Buone notizie dal Recovery Plan

Notizie positive anche per il Recovery Plan, il progetto con cui spenderemo i soldi del Next generation UE. «Nelle bozze oggi ci sono importanti risorse – spiega Gazzi -. Uno riguarda i servizi socio-assistenziali e disabilità e co-progettazione con il Terzo settore che ha un finanziamento previsto di circa 3 miliardi 850 milioni. Poi c’è il capitolo “Salute”. Nelle primissime bozze non avevo trovato questi finanziamenti, quindi c’è stato obiettivamente un miglioramento. Il Piano va guardato in forma integrata. Tra i 3,8 miliardi sui servizi territoriali e i 19 miliardi sulla sanità che prevede ad esempio il tema delle Case della Salute e l’integrazione socio-sanitaria ci sono importanti risorse. Sono sufficienti 19 miliardi per la sanità? Potrebbero non esserlo. Forse valeva la pena considerare di utilizzare una quota di fondi del MES».

Voto elettronico per le elezioni degli ordini

Intanto il CNOAS è alle prese con le elezioni dei Consigli regionali, meccanismo non facile da approntare in piena emergenza pandemica. Il CNOAS permetterà agli Ordini regionali di utilizzare il voto elettronico, così come permesse dalla legge di riferimento. «Abbiamo approvato e inviato al Ministero della Giustizia il regolamento per il voto elettronico per le prossime scadenze elettorale dei Consigli regionali. La legge ci consente di passare al voto elettronico – conclude Gazzi -. I Consigli regionali nell’indire le elezioni territoriali potranno scegliere di utilizzare le piattaforme elettroniche. Credo sia un passaggio importantissimo che risponde al principio di partecipazione: prima, con il seggio nel capoluogo, era complicato avere una elevata partecipazione e anche il voto per posta era molto complicato. Il voto elettronico è grandissima opportunità, anche al di là della pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Assistenti sociali, Gazzi (CNOAS): «Incontro col ministro Schillaci. Al lavoro su DM77, anziani, disabilità»
Il presidente degli Assistenti sociali assicura: "Pronti a collaborare con il nuovo ministro della Salute"
Servizi sociali, Gazzi (CNOAS): «Inaccettabile che ci siano Comuni che spendono un euro per il sociale»
Il presidente degli Assistenti sociali, Gianmario Gazzi, commenta il Rapporto Cnel
Diritti, opportunità, tutela degli esclusi: gli Assistenti sociali scrivono alla politica in vista delle elezioni
Il CNOAS invia un documento ai partiti in vista del 25 settembre: «A fianco delle persone fragili, chiunque vinca»
Welfare, Gazzi (CNOAS): «Bene Orlando su assunzioni Assistenti sociali»
Il presidente dell’Ordine ribadisce: «Mantenere gli impegni presi con la parte più vulnerabile del Paese»
Sostegni ter, Boldrini (Pd): «Grande risultato stabilizzazione assistenti sociali»
«Manca all'appello ancora il risarcimento per le famiglie dei medici deceduti per Covid, su cui dobbiamo continuare a lavorare» spiga la vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità Paola Boldrini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni