Politica 22 Marzo 2022 15:20

Sanità trasparente, la legge in dirittura d’arrivo. Baroni (ex M5S): «Giusto equilibrio tra interesse del privato e quello del cittadino»

La norma, ferma da tre anni in Senato, è ora a un passo dall’approvazione definitiva. Ben 290mila aziende e oltre un milione di professionisti della sanità potenzialmente coinvolti. Il primo firmatario Massimo Baroni: «Nessun tipo di adempimento in capo al sanitario, ma solo in capo alle aziende»

La legge sulla Sanità trasparente sembrava sparita dai radar dell’attività parlamentare, dopo la rapida approvazione alla Camera nell’aprile 2019. Dopo tre anni è tornata in superficie, ha avuto il via libera del Senato e ora manca solo l’ultima lettura a Montecitorio. Con il Covid altre le priorità, eppure si tratta di una legge che può segnare un cambiamento culturale in sanità, dato che il principale obiettivo è quello promuovere la trasparenza e prevenire conflitti d’interesse e processi corruttivi.

La trasparenza è garantita attraverso l’istituzione, sul sito internet istituzionale del Ministero della salute, di un registro pubblico telematico denominato “Sanità trasparente” dove saranno pubblicati, in distinte sezioni, tutti i dati risultanti dalle comunicazioni che le imprese produttrici saranno obbligate ad inoltrare al Ministero e concernenti le erogazioni o gli accordi che comportano benefici per chi opera nella sanità: le erogazioni in denaro, beni, servizi o altre utilità devono avere un valore unitario maggiore di 100 euro o un valore annuale maggiore di mille euro. Il sistema delle comunicazioni sarà sottoposto a vigilanza e ad un regime sanzionatorio severo.

«Raffaele Cantone (ex presidente ANAC, ndr) ha definito questa proposta di legge come una delle proposte che avrebbe riempito un vuoto normativo in Italia – spiega a Sanità Informazione Massimo Enrico Baroni, deputato indipendente (ex M5S) e primo firmatario della legge -. In Italia non c’è cultura della prevenzione, non c’è contrasto ai legami di interesse e non parlo solo dell’ambito sanitario. In Francia, negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia la legislazione è molto più avanzata in termini di contrasto e prevenzione ai legami di interesse. Nel paese transalpino la stessa legge prevede che persino le erogazioni verso gli studenti siano pubblicate sul registro».

Baroni sottolinea che non c’è alcun intento punitivo verso i professionisti della sanità, tanto che gli obblighi sono tutti a carico delle aziende. «La legge – spiega l’ex deputato pentastellato – non criminalizza nessuno perché lascia l’obbligo di dichiarazione di un legame di interesse in capo all’azienda. Il sanitario non ha alcun tipo di adempimento, riceverà solo una comunicazione che a seguito di un determinato benefit il suo nome verrà trasferito sul sito Sanità Trasparente per gli adempimenti del caso, garantendo l’obbligo di trasparenza».

La legge riguarderà non solo le aziende ma anche i decisori amministrativi, le apicalità, coloro che si occupano a qualsiasi titolo degli appalti in sanità. In caso di omessa dichiarazione la multa sarà di mille euro aumentati di venti volte l’importo dell’erogazione alla quale si riferisce l’omissione. Tuttavia, si avranno tre mesi per ricevere la comunicazione da parte del ministero della salute e ravvedersi.

«Dal 2018 al 2020 sono raddoppiate le notizie di corruzione in sanità, di indagini e rinvii a giudizio rispetto e la sanità è passata dal terzo al secondo posto come settore più colpito dalla corruzione secondo Transparency international – spiega Baroni -. Un milione di italiani tra professionisti sanitari e decisori sarà ipoteticamente oggetto di questa legge, mentre ben 291mila le aziende che potrebbero essere interessate dalla legge, secondo la Ragioneria dello Stato».

«L’obiettivo – conclude Baroni – è rompere questi legami di interesse che devono rimanere virtuosi e disinteressati nei confronti del Sistema sanitario nazionale. Quello che si chiede è semplicemente la trasparenza che permette di bonificare i conflitti di interesse in sanità. Crea questo giusto equilibrio tra il corretto interesse del privato ad investire all’interno della sanità nella sua globalità e l’interesse del cittadino nel sapere chi è stato sovvenzionato e con quale livello di denaro, beni o servizi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
Dl Aiuti Ter e proroga Decreto Calabria al centro dei lavori parlamentari
In settimana attesa per l’informativa del ministro dell’Interno Piantedosi sui migranti dopo i fatti di Catania. In commissione Sanità e Lavoro anche la proroga della permanenza in carica dei componenti delle commissioni consultive presso l’AIFA
Commissioni: al Senato Zaffini (Fdi) a Sanità e Lavoro, alla Camera Cappellacci (Fi) agli Affari sociali
L’ex governatore della Sardegna è il nome indicato da Forza Italia: «Più forza alla famiglia e al diritto alla salute». Al Senato tocca a Francesco Zaffini: «Le priorità: valorizzazione del personale sanitario e stop alle morti sul lavoro»
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni