Politica 16 Settembre 2019 16:44

Sanità privata, Ferruzzi (Cisl Fp): «In media si guadagna 160 euro al mese in meno rispetto al pubblico»

Attesa per il tavolo con il Ministro Speranza sulla vertenza che riguarda il rinnovo del contratto per la sanità privata, bloccato ormai da oltre 13 anni. L’intervista a Marianna Ferruzzi, segretario nazionale Cisl Fp

Sanità privata, Ferruzzi (Cisl Fp): «In media si guadagna 160 euro al mese in meno rispetto al pubblico»

Rinnovare il contratto degli operatori della sanità privata per equipararlo a quello dei colleghi nel pubblico e farlo in tempi rapidi, è la richiesta messa sul tavolo dai sindacati CGIL, CISL e UIL convocati dal neo ministro della Salute, Roberto Speranza martedì 17 settembre presso la sede del Ministero di Lungotevere Ripa. In vista dell’atteso incontro, abbiamo raggiunto telefonicamente il segretario nazionale Cisl Fp, Marianna Ferruzzi con cui abbiamo ricostruito i punti salienti della vertenza.

Segretario Ferruzzi, lei domani siederà al tavolo indetto dal ministro Speranza. Questo incontro è stato salutato come un passo in avanti rispetto anche al rapporto che c’era tra i sindacati e il Ministro della Salute precedente…

«Assolutamente sì, noi consideriamo molto positivamente il fatto che il Ministro Speranza appena insediato abbia immediatamente preso in mano questa difficile vertenza convocando immediatamente le parti e quindi assumendo quel ruolo di interlocutore istituzionale che gli avevamo chiesto, per cercare di sbloccare questa difficile situazione».

Lei era stata molto critica, a luglio scorso, quando la incontrai alla Maratona Patto per la Salute. In quell’occasione c’era stato un incontro, un passo in avanti nell’interlocuzione con l’allora Ministro Grillo?

«No, purtroppo devo dire che da parte del precedente Governo e da parte del precedente Ministro della Salute, al di là delle dichiarazioni sui giornali, non c’era stata nessun tipo di richiesta di interlocuzione con le organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL rispetto a questa difficile e complicata vertenza. Noi speriamo che l’incontro di domani produca quel risultato che ci consente veramente di ritornare al tavolo delle trattative e chiudere nel più breve tempo possibile questo contratto che ormai manca da oltre 13 anni».

LEGGI: GOVERNO, MAGI (OMCEO ROMA): «BENE L’ATTENZIONE DI CONTE SULLA SANITÀ, MA SERVE LO SBLOCCO DEL TURNOVER»

Su cosa verterà il tavolo in programma domani?

«L’incontro riguarda specificatamente il rinnovo del contratto per la sanità privata. Noi abbiamo uno sciopero generale nazionale proclamato per la giornata di venerdì 20 settembre, proprio per cercare di sbloccare la trattativa. Noi al tavolo portiamo una richiesta molto semplice, molto chiara e che abbiamo sempre sostenuto sin dall’inizio: i datori di lavoro Aiop e Aris (sono le due associazioni che rappresentano i datori di lavoro e che operano nella sanità privata) si devono far carico di garantire lo stesso trattamento stipendiale ai professionisti che operano nel privato esattamente come nel pubblico. Stiamo parlando di fatto di un mercato protetto, perché è il mercato della sanità privata accreditata che lavora in accordo e sotto contratto con le Regioni, per cui davvero non è assolutamente più sostenibile né giustificabile la situazione che continua a vedere stipendi di fatto diversi tra un infermiere che opera nel pubblico e un infermiere che opera nel privato, oppure un OSS che opera nel pubblico e un OSS che opera nel privato».

Quant’è la differenza nel concreto?

«Stiamo parlando di una differenza che si aggira intorno ai 160 euro al mese. Se moltiplichiamo per le tredici mensilità stiamo di fatto a più di duemila euro di differenza all’anno. Differenza che si trascina ormai da tantissimi anni, perché nella sanità privata non c’è solo il problema del fatto che nella sanità pubblica il contratto è stato rinnovato nel 2018. Nella sanità privata manca anche l’ultimo biennio del periodo 2008-2009, quindi di fatto il rinnovo contrattuale di quei due anni. Quindi in questo settore la differenza che grava sugli stipendi dei lavoratori è molto pesante e si trascina da tantissimi anni».

Oggi è uscito il Rapporto Gimbe che stima tagli alla sanità del valore di 37 miliardi di euro in 10 anni. State vedendo un cambio di passo da questo punto di vista da parte del presidente Conte sia del neo Ministro Speranza?

«Le parole sono sicuramente significative, adesso bisogna però che si traducano in fatti. C’è un tavolo estremamente importante, che è il tavolo per il rinnovo del Patto per la Salute, lì inizieremo a misurare la reale volontà di un’inversione di tendenza, sia con nuovi e ulteriori finanziamenti, ma soprattutto con lo sblocco delle assunzioni. Noi abbiamo un grande problema in sanità ed è che stanno mancando circa 50mila professionisti sanitari. In questo Paese purtroppo la discussione spesso si concentra solo sulla figura del medico e non si parla sufficientemente delle altre professioni, ma noi stiamo rischiando tra tagli che ci sono stati negli anni passati, riduzione delle assunzioni, la legittima aspettativa di Quota 100 per colore che potranno andare in pensione… Stiamo parlando di una carenza di organico che arriverà a 50mila unità. Significa infermieri, OSS, personale tecnico, personale dedicato all’assistenza, che mancherà dalle corsie degli ospedali. Quindi è chiaro che due sono i segnali importanti. Da un lato il finanziamento, dall’altro lo sblocco complessivo delle assunzioni e la possibilità di utilizzare e scorrere le graduatorie».

Annullerete lo sciopero nel caso si trovasse l’accordo?

«Non ci può essere solo un’apertura, ci dovrà essere un impegno certo a realizzare quella che è la nostra richiesta in tempi rapidi. Se ci saranno queste condizioni è chiaro che valuteremo seriamente la possibilità di sospendere lo sciopero. Però solo se ci saranno le condizioni di un rinnovo certo e alle condizioni chieste, in tempi rapidi».

Articoli correlati
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Gimbe: «Rallenta crescita nuovi casi, netto aumento decessi»
«In un mese più che raddoppiati ricoveri ordinari e in terapia intensiva. Picco contagi all’orizzonte, ma la discesa della curva potrebbe essere molto lenta. Inaccettabile l’idea di una “libera circolazione” del virus: la popolazione a rischio di malattia grave è troppo estesa»
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Cartabellotta (Gimbe): «Netto calo contagi. Scelta azzardata rimandare all’autunno quarta dose dei vulnerabili»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe rileva una diminuzione dei nuovi casi in quasi tutto il territorio nazionale. Disattesi appelli Gimbe e delle istituzioni sulla copertura con la quarta dose delle persone vulnerabili
Gimbe: «Rallenta discesa contagi, calo efficacia terza dose. Aumentano decessi negli anziani»
Il monitoraggio settimanale Gimbe rileva il flop della quarta dose: protetta solo 1 persona immunocompromessa su 4, copertura all’11,5% per gli altri fragili. Cartabellotta: «Indispensabile accelerare somministrazioni in tutte le persone vulnerabili con strategie di chiamata attiva coinvolgendo MMG»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi