Politica 25 Marzo 2019

“Sangue infetto”, Poggiolini e altri otto imputati assolti dal Tribunale di Napoli

La sentenza è arrivata dopo oltre 20 anni. Anche il Pm aveva chiesto l’assoluzione: non furono svolti gli accertamenti necessari a sostenere l’accusa di omicidio colposo plurimo. L’ex Direttore generale del servizio farmaceutico del ministero della Sanità è già stato condannato in via definitiva per le tangenti nel settore della sanità

Si è concluso con l’assoluzione di Duilio Poggiolini il processo “Sangue Infetto” a Napoli. Dopo oltre venti anni, gli imputati non sono stati riconosciuti colpevoli di aver causato decessi attraverso l’immissione sul mercato di farmaci emoderivati realizzati con sangue di dubbia provenienza.

Il processo ha avuto un lungo iter: il passaggio chiave nel 2005, quando il gup dispose l’archiviazione dell’accusa di epidemia colposa e contestualmente l’imputazione coatta per il reato di omicidio colposo plurimo.

Anche il Pm Giugliano aveva chiesto l’assoluzione. Poggiolini all’epoca dei fatti, negli anni ’80, era il Direttore generale del servizio farmaceutico del ministero della Sanità. Il pubblico ministero Giugliano aveva evidenziato che in sede di indagini preliminari – partite da Trento ma poi il fascicolo finito fu trasmesso per competenza a Napoli – non furono svolti gli accertamenti necessari a sostenere l’accusa di omicidio colposo plurimo. Oltre a Poggiolini, nella veste di imputati figuravano anche un ex manager del Gruppo Marcucci, un ex infermiere e i dipendenti di un’azienda specializzata nella raccolta e il trasporto di sangue.

A nulla sono valse le accuse di colpa generica e specifica per avere sottovalutato le misure di prevenzione che la comunità internazionale imponeva già all’inizio degli anni ‘90.

In questi anni le persone contagiate hanno potuto contare su un indennizzo, disposto per legge nel 1992, e molte di loro sul risarcimento arrivato al termine del processo civile. Duilio Poggiolini, intanto, già da tempo è stato condannato in via definitiva per le tangenti nel settore della sanità e sta risarcendo lo Stato.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli