Politica 26 Aprile 2024 12:44

Qualità dell’aria, l’Ue emana una nuova direttiva e si allinea all’Oms

Tra le novità principali della stretta sull’inquinamento, responsabile di 300mila morti l’anno in Europa, vi sono limiti più severi per gli inquinanti con il maggiore impatto sulla salute, Pm2,5, e NO2, i cui valori annuali dovranno essere più che dimezzati entro la fine del decennio

Qualità dell’aria, l’Ue emana una nuova direttiva e si allinea all’Oms

L’Eurocamera ha dato il suo ultimo via libera con 381 voti a favore, 225 contrari e 17 astensioni alla nuova direttiva sulla qualità dell’aria che allinea le norme dell’Unione Europea alle linee guida più recenti dettate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Tra le novità principali della stretta sull’inquinamento, responsabile di 300mila morti l’anno in Europa, vi sono limiti più severi per gli inquinanti con il maggiore impatto sulla salute, Pm2,5, e NO2, i cui valori annuali dovranno essere più che dimezzati entro la fine del decennio.

Le possibilità di proroga

L’accordo raggiunto a febbraio tra Consiglio e Parlamento concede agli Stati membri la possibilità di richiedere entro gennaio 2029 un rinvio del termine per il raggiungimento dei nuovi valori limite. Una possibilità molto caldeggiata dall’Italia per le particolari condizioni in cui si trovano molti comuni dell’area padana che già oggi non riescono a rispettare i limiti fissati dall’Unione Europea. Il rinvio potrà essere chiesto fino al primo gennaio 2040 per le zone in cui il rispetto della direttiva entro il 2030 sarebbe “irrealizzabile a causa di specifiche condizioni climatiche e orografiche” o dove le riduzioni possono essere raggiunte “solo con un impatto significativo sui sistemi di riscaldamento domestico esistenti”. La possibilità di proroga sarà invece limitata al primo gennaio 2035 se le proiezioni dovessero indicare che i valori limite, nelle aree interessate, non possono essere raggiunti entro il termine indicato in base alla norma Unione Europea.

Le linee guida Oms

Le Linee guida per la qualità dell’aria, per la prima volta rivolte a tutte i Paesi del mondo, forniscono obiettivi uniformi. Talli obiettivi sono molto più severi degli standard nazionali in vigore in molte parti del mondo, e in alcune città significherebbero una riduzione di più di tre volte dell’attuale livello di inquinamento. L’Oms ritiene che, diminuendo il livello di un particolare tipo di inquinante (conosciuto come PM10), si potrebbe ridurre la mortalità nelle città inquinate del 15% all’anno. Le Linee guida inoltre abbassano notevolmente i limiti raccomandati per l’ozono e il biossido di zolfo.

Gli effetti sulla salute umana della riduzione delle emissioni

Studi scientifici hanno mostrato che l’inquinamento dell’aria causa circa due milioni di morti premature a livello mondiale ogni anno. Più della metà di queste morti avvengono nei Paesi in via di sviluppo. In molte città, i livelli medi annuali di PM10 (che deriva principalmente dalla combustione di materiali fossili e altri tipi di carburanti) eccedono di 70 microgrammi per metro cubo. Riducendo il particolato da 70 a 20 microgrammi per metro cubo, come stabilito nelle nuove Linee guida, si potrebbe appunto arrivare a una riduzione della mortalità del 15%. Riducendo i livelli di inquinamento, si registrerebbe una diminuzione dell’incidenza delle malattie dovute a infezioni respiratorie, delle malattie cardiache e dei tumori al polmone. Inoltre, azioni volte alla diminuzione dell’inquinamento atmosferico contribuirebbero a un calo nelle emissioni di gas che influiscono sui cambiamenti climatici, fornendo così altri benefici sulla salute.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...