Politica 23 Aprile 2019

Professioni sanitarie, l’ex ministro Lorenzin: «Maxi ordine fondamentale per combattere abusivismo. Non si torni indietro»

La ‘madre’ della legge 3 del 2018 che ha riunito le professioni sanitarie nel maxi ordine TSRM e PSTRP spiega l’importanza della norma: «Gli ordini hanno non solo una capacità di intervenire sulla formazione e quindi sull’aggiornamento professionale ma anche di adottare provvedimenti disciplinari quando questi professionisti non rispettano il Codice deontologico»

«La legge che ha creato il maxi ordine delle professioni sanitarie è stata fondamentale per combattere l’abusivismo, ma ora bisogna lavorare anche sul piano culturale». Ha le idee chiare l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che con la legge 3 del 2018 ha chiuso un percorso lungo oltre 20 anni che ha portato le professioni sanitarie all’interno dell’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. L’ex Ministro, acclamata ai festeggiamenti per i 20 anni della legge 42 del 1999, ha sottolineato la necessità che ora gli ordini inizino a lavorare a una sorta di carta dei servizi e dei diritti del cittadino che permetta di orientarsi maggiormente: «Per questo – spiega Lorenzin a Sanità Informazione – ho sollecitato anche gli Ordini in questo lavoro proattivo nei confronti dell’esterno perché il cittadino è oggettivamente disorientato nella giungla che trova su Internet».

LEGGI ANCHE: PATTO PER LA SALUTE, FNOMCeO: «CHIAMARE AI TAVOLI LE PROFESSIONI SANITARIE»

Onorevole, cos’è cambiato con la legge 3 del 2018 che ha introdotto il maxi ordine delle professioni sanitarie?

«È cambiato moltissimo. Innanzitutto si è trovato lo strumento per combattere l’abusivismo sanitario, quindi quelli che hanno accesso agli ordini e ai collegi hanno determinati requisiti, hanno determinate qualifiche, hanno fatto un percorso di studi e di formazione. Per cui si è messo un punto definitivo a una serie di sotterfugi che purtroppo nei decenni si erano realizzati per cui c’erano persone che grazie a corsi di formazione regionali svolgevano una professione per l’altra. Così invece i cittadini hanno una garanzia. Bisognerebbe chiedere a un cittadino che per esempio va dal fisioterapista se vuole andare da un vero fisioterapista o da una persona che ha fatto un altro percorso ed è qualificata come tale. Questa è la prima cosa. Dall’altro lato gli ordini hanno non solo una capacità di intervenire sulla formazione e quindi sull’aggiornamento professionale ma anche di intervenire in modo disciplinare quando questi professionisti non rispettano il Codice deontologico, ed ecco lì immaginate quello che succede per i medici, gli infermieri ma anche per le altre professioni sanitarie. È estremamente importante che questo lavoro lo faccia l’ordine che ha una funzione pubblica ma che sta a metà tra il cittadino e l’erogatore del servizio che è lo Stato».

Tuttavia l’abusivismo ancora non è scomparso…

«C’è perché la tentazione fa l’uomo ladro. E quindi bisogna mettere gli strumenti per combatterlo e questa legge li ha dati. Dall’altro lato bisogna lavorare molto sulla cultura e quindi sul fatto che le persone si rivolgano a professionisti qualificati, che chiedano di vedere gli attestati che ne riconoscono l’identità, che non si facciano curare dal dottor Google e non diano retta anche a fantomatiche pubblicità che troviamo sui social network. Dobbiamo dare al cittadino una specie di carta dei servizi e dei propri diritti che gli permetta di orientarsi maggiormente in quella che è diventata una nuova era: per questo ho sollecitato anche gli Ordini in questo lavoro proattivo nei confronti dell’esterno perché il cittadino è oggettivamente disorientato nella giungla che trova su Internet».

Cosa ne pensa dell’elenco provvisorio sancito dall’ultima legge di Bilancio?

«Su questo sono intervenuta in modo abbastanza polemico. Adesso però gli Ordini so che sono a un tavolo tecnico con il Ministero proprio per cercare nel decreto attuativo di contenere quello che sicuramente è stato un danno. Anche lì io direi non disfiamo le cose buone, miglioriamo quelle che vanno migliorate».

Sono 20 anni dalla legge 42: nei prossimi 20 anni che ruolo avranno le professioni sanitarie nella sanità italiana?

«La sanità è già cambiata, è cambiata l’organizzazione dei reparti ospedalieri, con la telemedicina è cambiato il rapporto con il territorio, con le nuove tecnologie ci sarà una sempre più marcata domiciliarizzazione delle cure riducendo i costi e migliorando la qualità dei servizi. Cambierà perché avremo una popolazione costituita da una fascia anziana o molto vecchia che quindi avrà bisogno di un approccio diverso con il Sistema sanitario. La sfida è come farlo. Si può fare, bisogna farlo ora, avere una visione, integrare le professioni che a loro volta dovranno cambiare. Così come cambierà la formazione».

Articoli correlati
Tecnici di laboratorio, verso il Congresso ANTEL. La presidente Cabrini: «Al centro ricerca e governance dell’Ordine multiAlbo»
L’evento si svolgerà a settembre in collaborazione Sibioc e Simedet. «Parleremo anche del tema del professionista “esperto” e “specialista”» sottolinea la presidente Alessia Cabrini: «Aspettiamo ultimi decreti attuativi della legge 23 del 2018»
Intramoenia professioni sanitarie, Sileri (Commissione Sanità) presenta Ddl. Il plauso di FNOPI e Nursing Up
La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Non sia strumento per sopperire alle carenze di organici». Il presidente Nursing Up Antonio De Palma: «Ddl segna momento storico»
Chi sono e cosa fanno i dietisti? L’Ordine TSRM e PSTRP sfata le ‘fake news’ sulla professione
Nel mondo della nutrizione e della dietetica, dove sempre più spesso è la confusione ad essere protagonista, la Federazione nazionale degli Ordini dei TSRM e delle PSTRP e ANDID (Associazione maggiormente rappresentativa dei Dietisti) danno il loro contributo a un’informazione obiettiva. «Sul Dietista - commenta il presidente della Federazione Alessandro Beux - da troppo tempo vengono veicolate informazioni errate, fuorvianti e di conseguenza denigranti, presenti anche su alcuni siti istituzionali
ANTEL, si avvicina il Congresso. Casalino (Vice Pres.): «Linee guida e Ordine, tante sfide per i tecnici di laboratorio»
Dal 25 al 28 settembre a Roma il Congresso dell’Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. L’evento in collaborazione con la Sibioc, Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare
1 Luglio 2019, un anno di iscrizioni agli Ordini TSRM PSTRP. Il Presidente Beux: «Stiamo costruendo la cattedrale delle professioni sanitarie»
«Un anno fa, 1° luglio 2018, si sono aperte le iscrizioni agli albi di cui al DM 13 marzo 2018. Dei 192mila professionisti stimati da censire, attualmente al portale se ne sono registrati 150mila, dei quali 110mila hanno terminato l’iter e risultano iscritti ai relativi albi. Invito i colleghi iscritti a partecipare al 1° Congresso nazionale della FNO TSRM PSTRP che si terrà a Rimini dall'11 al 13 ottobre 2019» così Alessandro Beux, presidente FNO TSRM PSTRP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...