Politica 1 Marzo 2018 15:51

Paolo Anibaldi (PD): «Puntiamo su deospedalizzazione, case della salute e telemedicina»

Il candidato alla Camera dei Deputati nel collegio di Rieti è stato il primo chirurgo ad operare in carrozzina. «In quanto Direttore sanitario della Asl di Rieti ho acquisito competenze nell’organizzazione dei servizi. Anche per questo il PD mi ha candidato»

Paolo Anibaldi è il primo chirurgo d’Italia ad aver operato in carrozzina. Alla professione medica ha sempre affiancato l’impegno in politica, che lo ha portato ad essere candidato alla Camera dei Deputati nel collegio di Rieti con il Partito Democratico. È stato infatti sindaco di Castel Sant’Angelo, un paese di 1300 abitanti nella provincia reatina, tristemente conosciuto perché cratere del sisma del 2016. Appena saputo della candidatura, si è dimesso da Direttore sanitario della Asl di Rieti, incarico che ricopriva da soli nove mesi. Sanità e disabilità sono i punti forti dei suoi buoni propositi, tra cui non mancano lo sport, il turismo e la promozione dell’agroalimentare.

«Mi piacciono le sfide» scrive il dottor Anibaldi sul suo sito: «Ho accettato la sfida di candidarmi perché stare a guardare quando si ha la possibilità di fare non è un modo di vedere che mi appartiene: sarebbe in contraddizione con la mia storia personale».

Dottor Anibaldi, qual è il contributo, da chirurgo, che pensa di poter portare in politica?

«È vero che 26 anni della mia vita ho svolto l’attività di chirurgo oncologo e senologo, però è anche vero che negli ultimi nove mesi ho svolto le funzioni di direttore sanitario aziendale nella Asl di Rieti e mi sono occupato prevalentemente di riorganizzazione dei servizi sanitari. È anche per le conoscenze e competenze acquisite in questi mesi che il Partito Democratico mi ha chiesto di candidarmi: ad esempio, mi sono occupato dell’organizzazione dei servizi del territorio e, purtroppo, anche di riattivare i servizi nell’area del cratere sismico».

Quali sono, secondo lei, le priorità da affrontare in ambito sanitario?

«Le cose da fare in sanità sono molte. Io credo che dobbiamo puntare molto sulla deospedalizzazione e sulla creazione di case della salute, portando sul territorio tutti i servizi che sono esportabili e avvicinando in questo modo i servizi ai cittadini. Se lasciamo negli ospedali tutto il trattamento dei malati acuti, comprese chiaramente l’emergenza e l’urgenza, si decongestionano le eccellenze e i centri di alta cura. Poi per quanto riguarda le aree interne credo sia fondamentale passare definitivamente all’attuazione della telemedicina che è chiaramente un modo per ridurre i costi ma anche, e soprattutto, i disagi per i cittadini».

Per concludere, nonostante la sua disabilità opera in piedi. Ci spiega com’è avvenuto questo passaggio? 

«Sì, opero da molti anni in piedi, precisamente dal 1997. La mia storia è abbastanza particolare: un artigiano mi ha costruito una sedia particolare perché io potessi stare in piedi. L’incontro fu casuale, in un ambulatorio, e lui vedendomi in carrozzina si pose la domanda se fosse o meno opportuno che io operassi in piedi. A me venne quasi da ridere perché pensavo volesse scherzare. Però poi dopo dieci giorni ho avuto una sedia e da lì è cominciata tutta un’altra storia».

 

Articoli correlati
Manovra, Parlamentari Pd: «Valorizzeremo tutte le professioni e gli operatori del SSN, ora mantenere unità»
«Con la legge di Bilancio 2021 il Governo riconosce anche economicamente la specificità di medici e infermieri. È uno sforzo mai visto per offrire la migliore risposta possibile alle giuste attese delle centinaia di migliaia di donne e uomini, professionisti ed operatori del SSN, che da mesi sono impegnati per tutelare la nostra salute anche […]
Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»
Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l'imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»
Boldrini (Pd): «Occorre revisione del Titolo V per maggior controllo dello Stato sulle regioni»
La sanità deve inevitabilmente ripartire dal territorio. È quello che comunque il Dl Rilancio sta cercando di mettere in pratica con l’assunzione di infermieri e medici. Per affrontare il Covid è necessario avere una mappatura delle esigenze del territorio, della presa in carico dei pazienti fin dall’esordio della malattia, che è essenziale. Ma senza dimenticare […]
di Paola Boldrini, Capogruppo Pd Commissione Sanità
Collina (Comm. Sanità): «Usare soldi del MES per accelerare convergenza dei Sistemi sanitari regionali»
Il sistema sanitario è stato messo davanti ad una prova molto impegnativa, inedita. Fino a qualche mese fa, la gestione della sanità era misurata essenzialmente sulla risposta in termini di prevenzione, diagnosi e cura, di patologie conosciute e che aveva portato alla programmazione di investimenti secondo un dimensionamento delle strutture e della spesa che seguiva […]
di Sen. Stefano Collina, Presidente 12ª Commissione Igiene e Sanità
Intramoenia e sviluppo di carriera per professioni sanitarie, Boldrini (Pd): «È il momento giusto»
Coinvolti in primis gli infermieri ma anche ostetriche e professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione, della prevenzione. «La proposta va in sinergia quella sull’infermiere di comunità che è tornata di grande attualità con l’emergenza Covid» spiega la capogruppo Pd in Commissione Sanità. «Non ci deve essere più conflittualità tra le professioni ma una collaborazione messa in pratica da tanti anni negli altri Paesi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...