Politica 1 marzo 2018

Paolo Anibaldi (PD): «Puntiamo su deospedalizzazione, case della salute e telemedicina»

Il candidato alla Camera dei Deputati nel collegio di Rieti è stato il primo chirurgo ad operare in carrozzina. «In quanto Direttore sanitario della Asl di Rieti ho acquisito competenze nell’organizzazione dei servizi. Anche per questo il PD mi ha candidato»

Paolo Anibaldi è il primo chirurgo d’Italia ad aver operato in carrozzina. Alla professione medica ha sempre affiancato l’impegno in politica, che lo ha portato ad essere candidato alla Camera dei Deputati nel collegio di Rieti con il Partito Democratico. È stato infatti sindaco di Castel Sant’Angelo, un paese di 1300 abitanti nella provincia reatina, tristemente conosciuto perché cratere del sisma del 2016. Appena saputo della candidatura, si è dimesso da Direttore sanitario della Asl di Rieti, incarico che ricopriva da soli nove mesi. Sanità e disabilità sono i punti forti dei suoi buoni propositi, tra cui non mancano lo sport, il turismo e la promozione dell’agroalimentare.

«Mi piacciono le sfide» scrive il dottor Anibaldi sul suo sito: «Ho accettato la sfida di candidarmi perché stare a guardare quando si ha la possibilità di fare non è un modo di vedere che mi appartiene: sarebbe in contraddizione con la mia storia personale».

Dottor Anibaldi, qual è il contributo, da chirurgo, che pensa di poter portare in politica?

«È vero che 26 anni della mia vita ho svolto l’attività di chirurgo oncologo e senologo, però è anche vero che negli ultimi nove mesi ho svolto le funzioni di direttore sanitario aziendale nella Asl di Rieti e mi sono occupato prevalentemente di riorganizzazione dei servizi sanitari. È anche per le conoscenze e competenze acquisite in questi mesi che il Partito Democratico mi ha chiesto di candidarmi: ad esempio, mi sono occupato dell’organizzazione dei servizi del territorio e, purtroppo, anche di riattivare i servizi nell’area del cratere sismico».

Quali sono, secondo lei, le priorità da affrontare in ambito sanitario?

«Le cose da fare in sanità sono molte. Io credo che dobbiamo puntare molto sulla deospedalizzazione e sulla creazione di case della salute, portando sul territorio tutti i servizi che sono esportabili e avvicinando in questo modo i servizi ai cittadini. Se lasciamo negli ospedali tutto il trattamento dei malati acuti, comprese chiaramente l’emergenza e l’urgenza, si decongestionano le eccellenze e i centri di alta cura. Poi per quanto riguarda le aree interne credo sia fondamentale passare definitivamente all’attuazione della telemedicina che è chiaramente un modo per ridurre i costi ma anche, e soprattutto, i disagi per i cittadini».

Per concludere, nonostante la sua disabilità opera in piedi. Ci spiega com’è avvenuto questo passaggio? 

«Sì, opero da molti anni in piedi, precisamente dal 1997. La mia storia è abbastanza particolare: un artigiano mi ha costruito una sedia particolare perché io potessi stare in piedi. L’incontro fu casuale, in un ambulatorio, e lui vedendomi in carrozzina si pose la domanda se fosse o meno opportuno che io operassi in piedi. A me venne quasi da ridere perché pensavo volesse scherzare. Però poi dopo dieci giorni ho avuto una sedia e da lì è cominciata tutta un’altra storia».

 

Articoli correlati
Parlamento, i ‘camici bianchi’ protagonisti della XVIII Legislatura
Ruolo decisivo per la Capogruppo M5S e medico Giulia Grillo. Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute ancora in carica, sceglie (per ora) il Gruppo Misto: «Ma mi occuperò ancora di Sanità». Il pediatra Paolo Siani: «Vorrei dare il mio contributo in Commissione Affari Sociali e sanità». Le prime battute di tutti gli altri...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Regionali: il Lazio a Zingaretti, in Lombardia vince Fontana
L'ex sindaco di Varese doppia Giorgio Gori con il 53%. Più staccato Dario Violi (M5S) con il 19,7%. Più combattuta la corsa per la Pisana: il presidente uscente è al 34,4%, dietro di lui Parisi (30,2%) e Lombardi (26,9%)
Elezioni 2018, i risultati dei ‘camici bianchi’ collegio per collegio
Passa a Modena il ministro uscente della Salute Lorenzin (Civ). Eletti anche il medico Siani (Pd) e il farmacista Mandelli (Forza Italia). Non passa la presidente uscente della commissione Sanità De Biasi (Pd). In Parlamento i Cinque Stelle Sileri, Trizzino e Di Marzio
Elezioni 2018, vince il M5S. Centrodestra prima coalizione, tracollo PD
In corso lo spoglio dei voti. In vantaggio il partito di Luigi di Maio con oltre il 30%. Netta affermazione della Lega, stabilmente sopra Forza Italia. Dem sotto al 20%. Code ai seggi e buona affluenza.
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Vaccini, Giulia Grillo (M5S): «Obbligo giusta misura in caso di aumento contagi o crollo coperture»
La Deputata uscente, ricandidata alla Camera, entra nel dettaglio del programma sanitario del Movimento: «Maggiori risorse al comparto, sblocco del turn over e “sistema tedesco” contro l’imbuto formativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...