Politica 17 Novembre 2016 11:23

OPINIONE | Alessandro De Angelis (Huffington Post): «Sanità, le ragioni del mio No»

Il notista politico della testata on line: «Un pasticcio. La parola magica, per capire l’impatto della riforma su ambiti cruciali come sanità e tutela della salute è “ricentralizzazione”. Le Regioni restano dei grandi centri di spesa ma vengono svuotate di contenuti»

di Alessandro De Angelis

alessandro-de-angelisPer capire il “pasticcio”, ovvero l’impatto della riforma sulla Sanità, oggi in capo alle Regioni, occorre partire da Palazzo Madama. Perché il Senato, presentato nella riforma come il Senato delle autonomie, di potere sulle autonomie ne ha poco. Anche se sarà formato da consiglieri regionali e sindaci che, una volta varcata la soglia, beneficeranno dell’immunità parlamentare. Il che non è un dettaglio, considerato che le Regioni – principali “centri” di spesa pubblica – sono state in questi anni anche i principali “centri” di scandali e inchieste. Proprio l’attuale “carica dei 102” (tanti sono gli indagati nelle attuali Regioni) nominerà i nuovi senatori senza alcun criterio vincolante: le modalità di elezione dei nuovi Senatori saranno stabilite in un futuro incerto e affidate a leggi regionali. Tradotto: fino al 2023 ci saranno Senatori nominati dagli attuali consigli. I Senatori delle autonomie si occuperanno poco delle autonomie e del loro governo, nel senso di regole e potere sulla capacità di spesa. Ugo De Siervo, ex presidente della Corte Costituzionale, spiega: «Appare davvero strano che il nuovo Senato si debba occupare di politica comunitaria ma non di come si suddividono i poteri e i finanziamenti tra Stato e Regioni».

La parola magica, per capire l’impatto della riforma su ambiti cruciali come sanità e tutela della salute, è “ricentralizzazione” rispetto alla costituzione odierna. Oggi, lo Stato ha solo la competenza sulla “definizione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti sull’intero territorio nazionale” (2° comma, art. 117 Cost.), oltre alla fissazione dei principi fondamentali della materia sulla “tutela della salute” (3° comma, art. 117 Cost.), mentre tutto quanto attiene all’organizzazione sanitaria rientra nelle competenze regionali. La riforma cambia radicalmente questa impostazione. Elimina la competenza concorrente, ritenuta fonte di contenzioso tra Stato e Regioni, e centralizza in capo allo Stato tutte le materie di competenza concorrente, compresa la “tutela della salute”, settore nel quale il legislatore nazionale sarà sovrano. Un’impostazione frutto anche del mutato clima politico, passato in un decennio dalla moda federalista, ai tempi della Padania di Bossi, a quella centralista (anche Salvini ora tenta la via di una Lega nazionale).

Per parecchi costituzionalisti, questa centralizzazione avverrebbe in maniera eccessiva. Sostiene De Siervo: «Mentre finora le Regioni manterrebbero alcuni loro spazi legislativi ed organizzativi, ora le disposizioni generali e comuni potrebbero limitare pienamente i poteri delle regioni in materia e addirittura far rinascere una forte burocrazia statale. Poi, e qui siamo davvero al paradosso, questa ricentralizzazione non si applicherebbe alle regioni a Statuto speciale, che vengono spesso identificate come quelle più discutibili». Detta in modo grezzo, Emilia e Lombardia vengono trattate come grandi province e peggio che la Sicilia e la Sardegna, i cui sistemi sanitari sono notoriamente più carenti. Ricapitolando. I consiglieri regionali, elevati a rango di Senatori del Senato delle autonomie, non hanno poteri sulle autonomie. Al tempo stesso, queste restano dei grandi centri di spesa, con le loro burocrazie e i loro costosi contenitori, ma vengono svuotate di contenuti. Un po’ come le Province e un po’ come il Senato. Per togliere potere reale alle Regioni, l’alternativa sarebbe stata accorparle in macro-aree, ma presumibilmente il processo avrebbe alimentato resistenze dei ceti politici e dei loro apparati. Si è scelta un’altra via, che porta ad ingrossare il livello burocratico statale.

Questo intervento è tratto dalla testata Consulcesi News, n. 1, Anno 3° Ottobre 2016

 

Articoli correlati
Riforma IRCCS: così cambia la ricerca sanitaria. Ma ancora lontana la stabilizzazione dei precari
Alla Camera il primo via libera in commissione Affari sociali, ora la legge delega è attesa in Aula. Per il riconoscimento degli IRCCS sarà data priorità al criterio di localizzazione territoriale. Sarà garantita la comprovata competenza e professionalità anche manageriale dei componenti degli organismi governo degli IRCCS pubblici e degli organi scientifici degli IRCCS privati
di Francesco Torre
Indennità di accompagnamento più accessibile e supporto ai caregiver: la riforma dell’assistenza agli anziani
“Norme per la promozione della dignità delle persone anziane e per la presa in carico delle persone non autosufficienti”: è questo il titolo della proposta di legge presentata dalla Commissione interventi sociali e politiche per la non autosufficienza. È per ora una bozza che, come tale, potrà essere integrata e modificata. Le proposte di Senior Italia FederAnziani
La tutela dell’ambiente entra in Costituzione, Anelli (Fnomceo): «Rivoluzione che medici accolgono con favore»
La Camera ha approvato in via definitiva la proposta di legge costituzionale che modifica due articoli della Carta, il 9 ed il 41. Il testo è passato con 468 voti a favore, un contrario e sei astenuti
MMG, Monti (Lombardia) su Riforma Stato-Regioni: «Dipendenti o no, servono più strumenti e meno burocrazia»
Il presidente della Commissione sanità della Lombardia auspica un cambiamento importante. E sulla gestione regionale degli mmg dice: «Si spera, lo Stato gestisce il fabbisogno di medici nelle università e in 10 anni la Lombardia ha perso mille medici»
Covid-19 e lockdown, l’avvocato: «Serve un bilanciamento tra diritto alla salute e altri diritti fondamentali»
Intervista all’avvocato Elena Dragagna, collaboratrice del blog “Pillole di Ottimismo” curato dal virologo Guido Silvestri: «La Corte Costituzionale ha sottolineato esplicitamente che ci vuole un bilanciamento dei vari diritti. E anche la Corte Europea dei diritti dell’uomo ha sancito che la limitazione della libertà dev’essere l’extrema ratio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale