Politica 28 Febbraio 2014

Nuove competenze infermieristiche, una svolta piena di incognite

Si rischia una sovrapposizione di competenze. Palermo (Anaao Assomed): “Si all’accordo, ma con limiti precisi”.

Immagine articolo

Giro di vite per le nuove competenze infermieristiche, grazie alla Federazione Nazionale degli OMCeO che prende in mano le redini del gioco. Il presidente FnOMCeO, il senatore Amedeo Bianco, ha infatti convocato tutti i sindacati dell’Ordine per imprimere un’accelerata all’iter legislativo della bozza di accordo, approvata dalla Conferenza Stato-Regioni, che definisce le competenze del personale medico e infermieristico.

Nella fattispecie,  il documento contiene indicazioni specifiche sulle mansioni, tradizionalmente appannaggio del personale medico, che da oggi in poi potranno essere svolte anche dagli infermieri. I parametri da cui prende le mosse ed insieme gli obiettivi a cui mira sono il miglioramento della presa in carico del paziente, la continuità assistenziale tra struttura e territorio, la gestione dei bisogni assistenziali, sanitari e socio-sanitari delle persone, delle famiglie e della comunità assistita.

Secondo Carlo Palermo, coordinatore dei segretari regionali Anaao Assomed, la scelta della Stato-Regioni per l’evoluzione della professione infermieristica è discutibile dal punto di vista giuridico. “Nessuno vuole negare la crescita ai colleghi – spiega Palermo – purché questa avvenga in un percorso chiaro e definito, che ribadisca l’autonomia del medico su diagnosi e terapie come sancito dalla Corte Costituzionale”. L’ambito che desta maggiore preoccupazione è proprio quello della responsabilità. Una sovrapposizione di competenze, infatti, comporterebbe un accavallamento delle mansioni de facto, senza però trovare riscontro sotto il profilo giuridico, dal momento che responsabile, di fronte alla legge, rimane comunque chi guida il reparto, e quindi un medico.

E intanto, un sondaggio Ipasvi rivela come la categoria infermieristica sia stressata “dal mancato riconoscimento professionale  oltre che dal carico di lavoro e dalla situazione di precarietà, mentre uno dei fattori che crea meno problemi è proprio il rapporto e l’interazione con gli assistiti”.  In questo scenario è nata l’associazione Infermieri 2.0, che risponde all’esigenza di monitorare i nuovi bisogni della professione e trovare per essa le soluzioni migliori, più specifiche ed innovative, alle condizioni più vantaggiose. La  crescente attenzione da parte del legislatore per lo sviluppo della professione di infermiere e le implementazioni  sulla formazione – che dovrà essere più mirata e specializzata – si accompagnano necessariamente ad una esigenza  di riconoscimento, morale ma anche economico, dei maggiori oneri e del più elevato profilo professionale ormai richiesti per esercitare.

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Commissione Codice Etico al lavoro su multiprofessione, competenza, privacy ed equità. Presto nuova consultazione
Il gruppo di lavoro coordinato dall’avvocato Laila Perciballi si è confrontato anche con le tematiche derivate dalla pandemia, come l’accesso delle persone alle cure in condizioni di risorse sanitarie limitate: «Problema di grande complessità, che richiede di considerare e di contemperare principi diversi. Fondamentale centralità della persona»
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
Tecnici di laboratorio, Cabrini (ANTEL): «Con le innovazioni tecnologiche sempre più competenze. Lavoriamo per prevenzione del rischio»
Al 14° Forum Risk Management di Firenze sessione dedicata ai tecnici di laboratorio. L’Associazione nazionale tecnici di laboratorio biomedico punta sulla formazione: «Puntiamo alla collaborazione con le società scientifiche come Simedet e SIPMeL»
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Vincenzo Boccia al Campus Bio-Medico di Roma: «Rafforzare rapporti tra università e imprese per raccogliere le sfide della complessità»
Il Presidente di Confindustria in visita all'ateneo romano: «Ho visto passione, competenza, responsabilità. Gente che lavora e che ha in testa un progetto, vicina ai pazienti con orgoglio e senso di identità». Il Rettore Raffaele Calabrò: «Alleanza strategica tra università e imprese per offrire sempre più una formazione orientata alla persona, tecnica ma anche umana»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...