Politica 14 Ottobre 2020 15:53

NADEF, ok dalla Commissione Affari Sociali che però chiede più risorse per liste d’attesa e borse di specializzazione

Nella relazione elaborata da Elena Carnevali si sottolinea l’aumento della spesa sanitaria, che nel 2020 raggiunge il 7,7% del Pil. Tra le richieste, misure di sostegno economico per le strutture residenziali e semiresidenziali e aiuti alla domiciliarità dei pazienti cronici, fragili e non autosufficienti

NADEF, ok dalla Commissione Affari Sociali che però chiede più risorse per liste d’attesa e borse di specializzazione

Potenziare le cure palliative, ridurre le liste di attesa, promuovere la prevenzione e aumentare i contratti di formazione specialistica. È quello che chiede la Commissione Affari Sociali nelle osservazioni alla NADEF, la Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza 2020, su cui comunque la Commissione presieduta da Marialucia Lorefice ha dato parere favorevole.

La relazione, messa a punto dalla deputata Elena Carnevali del Pd, recepisce il quadro macroeconomico e di finanza pubblica elaborato dal Ministero dell’Economia, una situazione che inevitabilmente risente per gli anni 2020-2023 della grave emergenza sanitaria causata dall’epidemia da Covid-19.

Il calo del Pil, che per l’anno in corso ammonterà al 9%, non inciderà sulla spesa sanitaria, che anzi, per rafforzare l’SSN nella sfida al Covid, sarà aumentata: prevista in misura pari a 120,8 miliardi per il 2020, crescerà fino ad arrivare a 122,5 miliardi nel 2023, con un’incidenza sul Pil che dovrebbe invece diminuire (dal 7,7% del 2020 al 6,6% del 2023) grazie all’aumento del Prodotto interno lordo nei prossimi anni. Nel 2021 è atteso in misura pari al 6%, valore che nel 2022 e nel 2023 si attesterà, rispettivamente, al 3,8% e al 2,5%.

Tra i principali provvedimenti di finanza pubblica adottati dal Governo nei mesi precedenti in materia sanitaria, vengono richiamati lo stanziamento di risorse aggiuntive per circa 5,4 miliardi nel 2020, 1,2 miliardi nel 2021, 1,9 miliardi nel 2022 e 1,4 miliardi nel 2023: «L’incremento del livello di finanziamento dello Stato al fabbisogno del Servizio sanitario nazionale – si legge nella relazione – è stato finalizzato, tra l’altro, al rafforzamento delle reti di assistenza territoriale, all’assunzione di medici e personale sanitario, all’incremento del numero di borse di studio degli specializzandi e all’adozione di strumenti per l’abbattimento delle liste d’attesa».

In ambito sociale si segnala l’incremento di 1,8 miliardi nel 2020 e di 0,4 miliardi dal 2021, rispetto al quale rilevano, in particolare, l’istituzione del reddito di emergenza (0,9 miliardi nel 2020) e l’adeguamento in materia di trattamenti di invalidità civile.

LE OSSERVAZIONI DELLA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI

Nonostante il parere favorevole, la Commissione Affari Sociali non ha rinunciato a elaborare integrazioni alla NADEF, soprattutto riguardo agli obiettivi.

Innanzitutto, la Commissione chiede di inserire, oltre agli obiettivi già richiamati nel documento in oggetto, gli ulteriori obiettivi della riduzione della lista d’attesa e della promozione della prevenzione, nonché della realizzazione di un’integrazione tra le politiche sanitarie, sociosanitarie e sociali «volta a favorire un’effettiva integrazione dei servizi offerti e un maggior sostegno alla domiciliarità dei pazienti cronici, fragili e non autosufficienti, anche attraverso il ricorso a strumenti innovativi quale il budget di salute».

Poi chiede di prevedere nella NADEF misure di sostegno economico per le strutture residenziali e semiresidenziali, accreditate e contrattualizzate con il Servizio sanitario nazionale, per persone anziane, fragili o con disabilità, a garanzia degli standard di sicurezza nonché della tutela dei lavoratori che operano presso tali strutture.

Sul fronte dell’imbuto formativo dei medici chiede «misure volte a incrementare e stabilizzare i contratti di formazione specialistica e in medicina generale».

Anche in questa relazione c’è la richiesta di potenziare la rete delle cure palliative, assicurando piena attuazione alla legge n. 38 del 2010 e garantendo prestazioni omogenee in tutto il territorio nazionale.

Infine, nell’ambito della ricerca in campo sanitario, si chiede la creazione di un piano strategico di investimenti, che consenta di dotarsi di strutture idonee ad operare in modo rapido e flessibile, utilizzando anche le collaborazioni con le università, con particolare riferimento alla ricerca nel campo delle malattie rare e oncologiche.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Valerii (Censis): «Servono 58mila medici e 72mila infermieri per rafforzare la sanità del futuro»
I cantieri per la sanità del futuro: presentato il progetto Censis in collaborazione con Janssen Italia
Recovery Plan, le osservazioni della Commissione Affari Sociali su MMG, contratti di specializzazione e Case di comunità
Parere favorevole dalla Commissione presieduta da Marialucia Lorefice al Piano nazionale di Ripresa e Resilienza. Implementazione della farmacia dei servizi e riforma del 118 tra le richieste dei deputati
Vaccini, revisione del ‘Dopo di noi’, lavoro e Osservatorio: così la ministra Stefani rilancerà le politiche sulla disabilità
In audizione in Commissione Affari Sociali, Stefani ha sottolineato: «Favoriremo un approccio alle disabilità centrato sul progetto individuale della persona». Tanti progetti importanti anche nel Recovery Plan: «Obiettivo è rafforzare le infrastrutture sociali per migliorare la qualità della vita e aumentare l’autonomia». Poi l’annuncio: «A breve le prime Disability Card»
Liste d’attesa, Bologna (PP): «Con approvazione odg c’è impegno per ridurle. Fondamentale incentivare telemedicina»
«Utilizzare anche gli ambulatori mobili per programmi di screening e prevenzione» sottolinea la deputata Fabiola Bologna che ha presentato un Odg sul tema
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...