Politica 26 settembre 2017

Federsanità Anci, si dimette il Presidente Del Favero: «Giunto il momento di lasciare il passo a qualcun altro»

Era da tempo che ci pensavo in quanto sono anche il Direttore generale dell’Istituto Superiore di Sanità e in quell’ambito gli impegni stanno aumentando in maniera crescente» ha commentato il Presidente uscente

Angelo Lino Del Favero si è dimesso dall’incarico di Presidente di Federsanità Anci. «Era da tempo che ci pensavo in quanto sono anche il Direttore generale dell’Istituto Superiore di Sanità e in quell’ambito gli impegni stanno aumentando in maniera crescente» ha spiegato il Presidente in un’intervista a Quotidiano Sanità.

«Penso sia giunto il momento, dopo 8 anni, di lasciare il passo a qualcun altro – prosegue – che possa ovviamente dare il proprio contributo. Io lo ho dato con grande soddisfazione, ho preso una Federsanità che era piccola e minuta, ne abbiamo fatto una struttura grande ed importante. Ne sono pienamente soddisfatto e faccio tanti auguri a chi verrà dopo di me».

A decidere chi sarà il successore «saranno gli associati» dichiara Del Favero a Quotidiano Sanità sottolineando quanto sono stati e saranno fondamentali i rapporti  istituzionali costruiti durante gli anni della sua presidenza «siamo riusciti a superare la grande trasformazione che c’è stata nel mondo delle aziende sanitarie ridotte drasticamente nel tempo – conclude -. Cambiando, di fatto, il modello organizzativo, noi abbiamo fatto non pochi sforzi ad adeguarci a questo nuovo processo».

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, Frittelli: 76,6% delle strutture ha programma di prevenzione specifico
Il 76,67% delle strutture sanitarie ha elaborato un programma di prevenzione specifico per le aggressioni, mentre il 50% ha avviato accordi con Forze dell’ordine pubblico o altri soggetti (Polizia, Comune Polizia Municipale/Provinciale, Prefettura ecc.) in grado di fornire un supporto per identificare le strategie atte ad eliminare o attenuare la violenza nei servizi sanitari. Sono […]
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
D’Ubaldo (Federsanità): «Cresce l’aspettativa di vita ma in pericolo la sostenibilità del SSN»
Gli indicatori di mortalità pubblicati dall’Istat indicano la riduzione della mortalità e l’aumento dell’aspettativa di vita. Ma una popolazione più anziana richiede uno sforzo maggiore del sistema sanitario. Il Segretario Generale di Federsanità ANCI: «Senza investimenti, a rischio il welfare per le nuove generazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...