Politica 13 settembre 2018

Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato

Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari

Immagine articolo

Diritti dei medici al centro del dibattito politico e istituzionale. Il prossimo 18 settembre, a partire dalle 9.30, avrà luogo nella sede del Senato, alla Sala Capitolare del Convento di S. Maria sopra Minerva, un incontro organizzato dalla nostra testata giornalistica Sanità Informazione che si concentrerà sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore medico e sanitario nel suo insieme.

Interverranno a questa giornata il Senatore Antonio De Poli, Questore anziano del Senato; l’Onorevole Lorenzo Fioramonti, Sottosegretario all’Istruzione; il Senatore Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità del Senato; il Senatore Antonio Saccone, membro della Commissione Bilancio del Senato; la Senatrice Sonia Fregolent, componente della Commissione Sanità del Senato; l’Onorevole Federico Gelli, Dirigente azienda sanitaria Toscana centro e l’Avvocato Marco Tortorella, Patrocinante in Cassazione ed esperto del contenzioso. Modererà l’incontro il Direttore editoriale di Sanità Informazione, Cesare Buquicchio.

Tra i tanti temi che saranno affrontati, il dibattito si concentrerà in particolare sulla violazione delle direttive Ue in tema di retribuzione degli specializzandi (75/362/CEE, 75/363/CEE e 82/76/CEE), una violazione che ha già costretto le casse dello Stato a corrispondere finora ai medici ricorrenti diverse centinaia di milioni di euro a titolo di risarcimento e che le espone, proprio alla luce di recenti novità giuridiche, ad un esborso totale calcolato in oltre 16 miliardi di euro, a fronte di una platea di oltre 110mila medici che si sono specializzati tra il 1978 ed il 2006 senza ricevere il corretto trattamento economico.

In Senato, dunque, in occasione di una giornata interamente dedicata alle novità giurisprudenziali e normative sul tema, verranno presentate le possibili soluzioni per mettere fine a questo contenzioso dalla durata ormai ultra-ventennale. Il convegno è organizzato da Sanità Informazione, testata giornalistica specializzata da sempre nel documentare tutti gli aspetti della vita professionale degli operatori sanitari e nel denunciare le violazioni dei loro diritti.

L’incontro affronterà anche altre tematiche di interesse della categoria come, tra le altre, la responsabilità professionale dei medici alla luce della Legge 24/2017 e l’evoluzione della formazione continua in medicina dei camici bianchi. Prenderanno parte al convegno autorevoli giuristi ed esponenti del mondo sanitario, tra i quali: il professor Guido Alpa, Ordinario di Diritto civile presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma “Sapienza”, il professor Bernardo Giorgio Mattarella, Ordinario di Diritto amministrativo presso il Dipartimento di Giurisprudenza della Luiss “Guido Carli” e la professoressa Paola Frati Ordinario di Medicina legale presso l’Università di Roma “Sapienza”.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Ex specializzandi, a Roma il primo convegno nazionale dedicato al diritto al risarcimento e alla prescrizione
Il 18 settembre alle ore 9.30, presso il Senato della Repubblica – Sala Capitolare del Chiostro di Santa Maria sopra Minerva a Roma – si terrà il primo convegno nazionale dedicato alla formazione medica specialistica organizzato da Sanità Informazione.  La conferenza stampa di presentazione all’evento verterà sul “Diritto al risarcimento e prescrizione: limiti ed opportunità nel diritto comunitario […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...