Politica 15 maggio 2018

DEF, Caparini (Conferenza Regioni): «Lea non adeguati a Paese civile. Regioni a rischio prestazioni minime»

Secondo Caparini: «Questo è un anno cruciale». In sanità in Europa «14 paesi investono di più, siamo fanalino di coda nel Paesi G7 ma siamo secondi come richiesta ai cittadini»

Immagine articolo

I Lea, i livelli essenziali di assistenza del Servizio sanitario nazionale «non sono più adeguati a quelli di un Paese civile: dal 2018 al 2019 si passa dal 6,6% a 6,4% del Pil, cioè sotto la soglia del 6,5% definita dall’Ocse come minima per garantire la tutela delle prestazioni». Lo denuncia Davide Caparini, rappresentante della Conferenza delle Regioni, nel corso dell’audizione sul Def nelle commissioni speciali riunite di Camera e Senato.

Nel documento depositato dalle Regioni, sono analizzati gli effetti del contenimento della spesa sanitaria: la previsione del rapporto fra spesa sanitaria e Pil presenta un profilo crescente solo a partire dal 2022 attestandosi al 7,7% nel 2060.

È necessario, sottolineano le Regioni «aggiornare i contenuti del vecchio patto Salute 2014-2016, le priorità sanitarie e il quadro finanziario per il futuro: stabilizzare la crescita del Fondo sanitario nazionale in rapporto al Pil e definire un nuovo programma pluriennale di investimenti per l’edilizia sanitaria».

«Uno Stato democratico di fronte a questo dato si deve interrogare. Si può ancora intervenire sul welfare? Si possono ancora fare dei tagli? – ha sottolineato Caparini – Chiediamo di aggiornare i contenuti del vecchio patto della salute 2014-2016, dobbiamo invertire questo trend degli ultimi 6 anni e definire anche un nuovo programma pluriennale di edilizia sanitaria. Bisogna investire – ha insistito – in capacità, competenze infrastrutture».

Secondo Caparini, «questo è un anno cruciale». In sanità in Europa «14 paesi investono di più, siamo fanalino di coda nel Paesi G7 ma siamo secondi come richiesta ai cittadini». Cioè, accusa l’assessore lombardo, «lo Stato investe meno e i cittadini pagano molto di più rispetto agli altri paesi G7». Guardando poi al contributo finanziario richiesto agli enti locali Regioni, Caparini ha lamentato i troppi tagli subiti. Le Regioni, ha spiegato, hanno «già raggiunto il pareggio di bilancio ed ora ci state chiedendo un ulteriore taglio di quasi 2,5 miliardi, ma noi vogliamo rilanciare gli investimenti, questo è il punto fondamentale per rilanciare l’economia. È necessaria una nuova stagione».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...