Politica 28 Marzo 2024 07:56

Ddl semplificazioni, vaccini, scelta del medico e telemedicina: la “farmacia dei servizi” diventa realtà

Tra le novità contenuto nel Ddl al “capitolo salute” il riconoscimento della condizione di sordocecità a tutti coloro che manifestano durature compromissioni totali o parziali combinate della vista e dell’udito, congenite o acquisite, a prescindere dall’età di insorgenza

Ddl semplificazioni, vaccini, scelta del medico e telemedicina: la “farmacia dei servizi” diventa realtà

Vaccini, scelta del medico e del pediatra di famiglia, consegna dei farmaci per l’assistenza domiciliare e telemedicina: grazie a al Ddl Semplificazioni varato dal Consiglio dei ministri la “farmacia dei servizi”, già istituita nel lontano 2009, diventerà pienamente operativa. Ma questa non è l’unica novità contenuta nel Ddl al “capitolo salute”: la condizione di sordocecità sarà riconosciuta a tutti coloro che manifestano durature compromissioni totali o parziali combinate della vista e dell’udito, congenite o acquisite, a prescindere dall’età di insorgenza. Il Ddl Semplificazioni, presentato nella sua versione finale dal ministro per la Pa Paolo Zangrillo, è suddiviso in 34 articoli. Le misure prese in tema di Sanità mirano a rafforzare ed ampliare le cure di prossimità previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza.

La dispensazione di dispositivi medici

Tutti i cittadini, andando in farmacia potranno accedere anche ad alcune prestazioni del Servizio sanitario nazionale e, laddove una farmacia non disponesse degli spazi necessari potrà offrire questi nuovi servizi anche in locali separati, allestendoli con un insegna che indichi la denominazione di “farmacia dei servizi”. Più nello specifico, le nuove prestazioni che le farmacie dei servizi potranno offrire riguardano la dispensazione di dispositivi medici necessari al trattamento dei pazienti in assistenza domiciliare, residenziale e semiresidenziale.

Vaccini e analisi di prima istanza

Ancora, analisi di prima istanza – come test per la glicemia, l’emoglobina, l’urina e altro – non più limitate all’autocontrollo, in linea con quanto già offerto durante il periodo di emergenza pandemica. I farmacisti, dopo aver seguito un’apposita formazione, potranno somministrare, direttamente all’interno delle proprie farmacie, tutti i vaccini individuati dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale a tutti i cittadini che abbiamo compiuto i 12 anni. Tutti questi servizi dovranno essere offerti “in aree, locali o strutture anche esterne, dotate di apprestamenti idonei sotto il profilo igienico-sanitario e atti a garantire la riservatezza”. Aree che dovranno ricevere l’autorizzazione da parte della Asl territorialmente competente e che ai cittadini dovranno essere chiaramente indicate: alla tradizionale croce verde che identifica la farmacia andrà affiancata l’insegna “Farmacia dei servizi”.

Un contributo all’appropriatezza descrittiva

Per contribuire alla lotta all’antibiotico-resistenza, nelle farmacie dei servizi potranno essere effettuati test diagnostici specifici, a supporto del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta, dando un contributo all’appropriatezza prescrittiva. In farmacia arriva anche la telemedicina, che il professionista potrà usare “nei limiti delle proprie competenze professionali”. Inoltre, chiunque debba effettuare la scelta o il cambio del medico di famiglia o del pediatra, tra quelli convenzionati con Servizio sanitario regionale, potrà richiedere questo servizio direttamente al suo farmacista di fiducia.

Farmacie in rete

Le farmacie, due o più anche di proprietà di soggetti differenti, potranno stipulare un contratto di rete per esercitare in comune tutti questi servizi sanitari. Le misure in tema di “Salute” contenute nel Ddl Semplificazioni si concludono con la modifica della normativa vigente in materia di diritti delle persone sordocieche: viene riconosciuta “la condizione di sordocecità a tutti coloro che manifestano durature compromissioni totali o parziali combinate della vista e dell’udito, congenite o acquisite, a prescindere dall’età di insorgenza”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...