Politica 8 Luglio 2020

Ddl Aggressioni, ok da Commissione sanità del Senato: fino a 5mila euro di multa e 16 anni di carcere

Approvazione definitiva ad un passo. Tra le novità, un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie e una giornata nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica

Ddl Aggressioni, ok da Commissione sanità del Senato: fino a 5mila euro di multa e 16 anni di carcere

Sanzioni da 500 a 5mila euro e reclusione da 4 a 10 anni (per lesioni gravi) e da 8 a 16 anni (per lesioni gravissime) in caso di aggressione nei confronti degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nonché a chiunque svolga attività ausiliarie di cura, assistenza sanitaria o soccorso, funzionali allo svolgimento di queste professioni, nell’esercizio o a causa di tali attività. Non ci sono modifiche nel Disegno di legge n. 867-B approvato dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Il testo, approvato a Palazzo Madama il 25 settembre del 2019 e modificato dalla Camera dei Deputati il 21 maggio scorso, ora dovrà andare in aula per l’approvazione definitiva.

LE ALTRE NOVITA’

Tra le altre novità, protocolli operativi con le forze di polizia per garantire interventi tempestivi e l’istituzione di un “Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie” presso il Ministero della Salute. Questo osservatorio dovrà monitorare gli episodi di violenza (commessi agli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie durante l’esercizio delle loro funzioni) e gli “eventi sentinella” che potrebbero dar luogo a fatti commessi con violenza o minaccia. Ogni 31 di marzo, il Ministro della Salute dovrà trasmettere al Parlamento una relazione sull’attività svolta dall’Osservatorio.

LEGGI ANCHE: BORSE DI SPECIALIZZAZIONE, MEDICI DELUSI DAL DL RILANCIO. LE REAZIONI DELLA CATEGORIA E LE PROPOSTE DI LEGA E M5S

UNA GIORNATA NAZIONALE PER SENSIBILIZZARE L’OPINIONE PUBBLICA

Viene inoltre istituita la “Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari”, con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica verso una cultura di condanna verso ogni forma di violenza. La data verrà definita con decreto del Ministro della Salute di concerto con i Ministri dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca.

SILERI: «ECCO LA NORMA PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLE PROFESSIONI SANITARIE E SOCIO-SANITARIE».

«Ecco la norma per garantire la sicurezza delle professioni sanitarie e socio-sanitarie. È stata approvata stamattina all’unanimità, in commissione Igiene e Sanità al Senato, il disegno di legge che istituisce l’osservatorio con cui verranno monitorate le condizioni di sicurezza e l’attuazione delle misure di prevenzione e protezione a garanzia di medici, infermieri ed operatori socio-sanitari. Verranno inoltre monitorati gli episodi di violenza, gli eventi sentinella, che spesso anticipano le violenze. Non solo: il ddl identifica, negli articoli del provvedimento, la definizione di lesioni personali a danno del professionista sanitario in esercizio delle sue funzioni, sia in strutture pubbliche che private; definisce le circostanze aggravanti e attenuanti, e si occupa anche di promuovere una corretta comunicazione e informazione per fermare sul nascere gli episodi di aggressioni e violenze. Li abbiamo applauditi, osannati, elogiati durante l’emergenza Covid, ma questo è un primo passo concreto nel riconoscere loro ciò che subiscono da anni, prima ancora che arrivasse il virus». Così il Viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza
La situazione in Italia resta grave e la pressione sugli ospedali non si alleggerisce. Medici e infermieri lavorano senza sosta, al limite delle forze. Ma devono difendersi anche dal fuoco amico
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto
Anche il Cdm dice sì allo stato di emergenza fino a gennaio 2021. Prorogato il Dpcm Settembre fino al 15 ottobre, mascherine all'aperto da subito
Contenziosi, aggressioni e assicurazioni: l’importanza della tutela legale in sanità
Mellacina (Cisl Medici Lazio): «I contenziosi sono in aumento, fondamentale tutela legale»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Covid, Sileri: «Piano nazionale per 300mila tamponi al giorno. Rivedere obbligo mascherina»
Il viceministro alla Salute ha rilasciato due interviste in cui fa un quadro generale della situazione attuale e di cosa ci aspetta con l’apertura delle scuole e l’ondata di influenza stagionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli