Politica 2 Marzo 2020

Coronavirus, ecco cosa prevede il decreto del presidente del Consiglio

In Emilia Romagna, Lombardia e Veneto riprendono i concorsi in sanità, compresi gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo. Sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e limitato l’accesso dei visitatori alle aree di degenza negli ospedali e nelle RSA. Inoltre, in tutta Italia e fino al 15 marzo, riammissione a scuola dopo assenze dovute a malattia infettiva solo con certificato medico

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha adottato un decreto che recepisce e proroga alcune delle misure già adottate per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e ne introduce ulteriori, volte a disciplinare in modo unitario il quadro degli interventi e a garantire uniformità su tutto il territorio nazionale all’attuazione dei programmi di profilassi.

IL TESTO DEL DECRETO

In Emilia Romagna, Lombardia e Veneto riprendono i concorsi in sanità, compresi gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo. Nelle tre regioni, le più colpite dall’epidemia, sono poi sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico ed è prevista la limitazione dell’accesso dei visitatori alle aree di degenza negli ospedali e nelle residenze sanitarie assistenziali per non autosufficienti. Inoltre, in tutta Italia, vige fino al 15 marzo, l’obbligo della presentazione del certificato medico per la riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia infettiva.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE

Tra le altre misure previste:

Nei comuni della zona rossa (Bertonico; Casalpusterlengo; Castelgerundo; Castiglione D’Adda; Codogno; Fombio; Maleo; San Fiorano; Somaglia; Terranova dei Passerini; Vo’), sono confermati il divieto di accesso e di allontanamento e la sospensione di eventi, attività didattiche, commerciali e degli uffici pubblici (fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità, quali quelli sanitari) e vige l’obbligo di accedere ai servizi pubblici essenziali (quali gli ospedali) indossando dispositivi di protezione individuale o adottando particolari misure di cautela individuate dall’azienda sanitaria competente.

Nelle regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto e nelle province di Pesaro e Urbino e di Savona sono sospesi, fino all’8 marzo, gli eventi sportivi (a meno che non si svolgano a porte chiuse), le attività didattiche (ad esclusione dei corsi per i medici in formazione specialistica e per i tirocinanti delle professioni sanitarie), gli eventi in luogo pubblico e privato, le procedure concorsuali (ad esclusione dei concorsi per il personale sanitario, compresi gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo). Ristoranti, bar, pub e negozi rimangono aperti ma devono adottare misure volte ad evitare assembramenti e garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro. In Lombardia e nella provincia di Piacenza sospese anche le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere e centri termali.

Per le province di Bergamo, Lodi, Piacenza e Cremona si stabilisce la chiusura nelle giornate di sabato e domenica delle medie e grandi strutture di vendita e degli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, ad esclusione delle farmacie, delle parafarmacie e dei punti vendita di generi alimentari.

Infine, rimane l’obbligo, per chiunque abbia fatto ingresso in Italia, a partire dal 15 febbraio, dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione mondiale della sanità, o sia transitato o abbia sostato nei comuni della “zona rossa”, di comunicare tale circostanza al proprio medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta o ai servizi di sanità pubblica competenti.

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 299.506 (1.350 in più rispetto a ieri). 83.428 i […]
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
Coronavirus, Sipps: «Rafforzare medicina territoriale, 30mln di tamponi in autunno»
I pediatri chiedono il potenziamento della medicina territoriale e suggeriscono tre azioni strategiche contro nuovi contagi e morti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto