Politica 7 Gennaio 2019

Consiglio Superiore Sanità, bufera su presunta ‘schedatura’ membri. Grillo: «Nessun dossier, solo raccolta di informazioni». Ma Pd chiede dimissioni

Nel documento, poi pubblicato dallo stesso Ministro, ci sono i membri del CSS e le loro eventuali esperienze politiche. La difesa: «Assurdo accusare di epurazione e fascismo, di allarme per la democrazia un ministro che legittimamente si informa sul profilo pubblico di membri di una commissione». Fuoco di fila delle opposizioni: i democratici valutano la mozione di sfiducia. Il farmacologo Garattini: «Giusto scegliere componenti ma serviva un modo più elegante»

«Nessun allarme per la democrazia, ho agito e agirò sempre per i cittadini in trasparenza per valorizzare il merito nelle nomine e non le appartenenze politiche». Il Ministro della Salute Giulia Grillo si difende dalle accuse che arrivano da tutte le opposizioni dopo la notizia pubblicata sul quotidiano Repubblica secondo cui l’allontanamento dei 30 membri del Consiglio superiore di Sanità sarebbe stata preceduta da un’inchiesta ordinata dal ministro Giulia Grillo sui precedenti politici dei suoi componenti. «Un’istruttoria – sottolinea il quotidiano di Largo Fochetti – non sulle qualità professionali, difficilmente discutibili, ma sui trascorsi di partito dei nominati e dei loro parenti».

PD VALUTA SFIDUCIA

Da qui il fuoco di fila delle opposizioni, in primis il Pd, che sta valutando se presentare o meno una mozione di sfiducia individuale alla titolare della Salute. Tra i critici molti esponenti democratici, tra cui l’ex premier Paolo Gentiloni. E dal Pd è partita un’interrogazione firmata da 35 senatori democratici in cui si chiede alla Grillo se «gli esiti dell’indagine sul Consiglio Superiore della Sanità abbiano influenzato la scelta di rimuovere i suoi componenti due anni prima della naturale scadenza» e se «la richiesta indagare i precedenti politici dei componenti dell’organismo non è incompatibile con il ruolo del Ministro, in un settore così delicato e complesso come quello della Sanità pubblica».

GRILLO NON CI STA E PUBBLICA DOCUMENTO ORIGINALE

Alle accuse del Pd ribatte il Ministro con un lungo post su Facebook in cui mostra il documento originale: «Non è stato sollecitato da me prima di decidere la revoca delle nomine dei membri non di diritto del Css, ma costituisce un appunto del tutto informale che ho chiesto in chat ai miei colleghi parlamentari dopo aver sciolto la commissione». La richiesta infatti sarebbe arrivata direttamente alla Capogruppo Affari Sociali alla Camera del Movimento Cinque Stelle Celeste D’Arrando.

«Non ho mai avviato dossieraggi (e mai lo farò), figuriamoci via chat! – continua il Ministro – Il Movimento Cinque Stelle è per la trasparenza, per cui mi interessava semplicemente capire in vista di nuove nomine, qualche nota di rilievo pubblica di cui non ero a conoscenza. Ho dichiarato che alcuni ex componenti avrebbero potuto essere rinominati, mi interessava avere qualche informazione. Sottolineo che dal testo non vi sono demeriti: nessuno è così folle da pensare che aver operato un ex presidente del Consiglio possa costituire una nota negativa o che avere una moglie che ha collaborato con un esponente politico dell’opposizione possa costituire un vulnus». E poi ancora: «Accusare di epurazione e fascismo, di “allarme per la democrazia”, un ministro che legittimamente si informa sul profilo pubblico di membri di una commissione è semplicemente assurdo e fuori dalla realtà dei fatti che vi presento per quello che sono».

M5S DIFENDE MINISTRO

Fa quadrato attorno al Ministro il Movimento Cinque Stelle. «Ancora una volta l’obiettivo è screditare questo Governo, accusandolo di mettere bavagli alla scienza, ma quali sarebbero le basi di tali accuse? Un documento reso disponibile online dalla stessa Grillo e un atto, quello della revoca dei membri del Css, che non ha niente di eccezionale e che rientra nelle competenze del ministro. I nostri detrattori non riescono proprio ad avvertire il senso del ridicolo di ciò che dicono: segno, evidentemente, che la trasparenza e il cambiamento danno troppo fastidio», sottolineano i deputati del Movimento Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali che aggiungono: «A leggere certe dichiarazioni delle opposizioni sul nostro ministro Giulia Grillo sembrerebbe di essere a un passo dall’instaurazione di un sistema orwelliano. ‘Dossieraggi fascisti’? ‘Slittamento verso un regime totalitario’? Ma si rendono conto della gravità di queste affermazioni? Il ministro della Salute non ha fatto altro che chiedere qualche informazione di rilievo pubblico sui membri non di diritto del Consiglio superiore di sanità, dopo aver revocato le loro nomine. Questo perché, come già aveva avuto modo di dire il ministro, alcuni dei componenti potevano essere rinominati». Anche la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice parla di «normali richieste di informazioni».

PARERI AUTOREVOLI

A sostegno della scelta del Ministro si schiera, se pur con qualche distinguo, il farmacologo Silvio Garattini, anche lui tra i membri del Consiglio Superiore di Sanità mandati via: «La scelta di nuovi membri del Consiglio superiore di Sanità è una prerogativa del ministro. È giusto scegliere le persone con cui collaborare. Ci sono però modi più eleganti per dire a qualcuno che non serve più. Io sono stato molti anni e un cambiamento – ha concluso – non mi dispiace che ci sia».

«È da ingenui pensare che informazioni come quelle di questo dossier non siano state da sempre acquisite dal mondo della politica. È invece inaccettabile e intollerabile quando per acquisire queste informazioni vengono utilizzate strutture o cariche pubbliche» sostiene Francesco D’Agostino, presidente emerito del Comitato nazionale di bioetica.

Articoli correlati
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
Coronavirus, l’ex ministro Grillo: «Più morti in Italia e Spagna, austerity ha influito. Al Sud continuano arrivi, attenzione a riapertura»
Colloquio con l’ex ministro della Salute Giulia Grillo. Sui tamponi contesta l’OMS: «È stata incauta quando ha diramato linee guida restrittive. Corea, Giappone e Singapore non hanno seguito quelle indicazioni». Poi aggiunge: «Ospedali luogo di contagio, è mancata prevenzione strategica»
Ordini professionali, in Parlamento si cerca di rinviare il limite dei due mandati. Grillo (M5S): «Idea insulsa»
Il meccanismo previsto dalla legge Lorenzin impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti degli Ordini dei Medici di ricandidarsi alla stessa carica. Un emendamento al Milleproroghe ha tentato di annullare, ai fini del computo dei mandati, quelli svolti prima dell’entrata in vigore della legge. Il testo è poi stato ritirato, ma l’ex ministro della Salute Giulia Grillo avverte: «Ci riproveranno»
Disabilità, D’Arrando (M5S) lancia il ‘budget di salute’: «Così mettiamo la persona al centro di un progetto terapeutico personalizzato»
«L’obiettivo è un utilizzo virtuoso delle risorse economiche, sia pubbliche che private, affinchè la persona venga veramente sostenuta e reintegrata nella comunità», sottolinea la deputata M5S Celeste D’Arrando. Nella legge di Bilancio previsto un piano nazionale per la disabilità di 1,3 miliardi di euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)