Politica 31 Maggio 2024 10:16

#AlzheimerChiamaEuropa, al via la Campagna per riportare la demenza al centro dell’agenda politica europea

Entro il 2025 nell’Unione Europea vivranno oltre nove milioni di persone con demenza, che diventeranno 14 milioni nel 2050. La Federazione Alzheimer Italia e il suo partner Alzheimer Europe ricordano le priorità  per la gestione a 360 gradi di tutti i pazienti europei

#AlzheimerChiamaEuropa, al via la Campagna per riportare la demenza al centro dell’agenda politica europea

“Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la demenza è la terza causa di mortalità in Europa e la settima a livello globale, con un costo sociale stimato in Europa di 392 miliardi di euro nel 2019. Entro il 2025 nell’Unione Europea vivranno oltre nove milioni di persone con demenza, che diventeranno 14 milioni nel 2050. Nonostante questi numeri, molti degli impegni politici presi a livello internazionale ed europeo, inclusi quelli del Piano d’azione globale sulla risposta della sanità pubblica alla demenza 2017-2025, non sono stati rispettati, e negli ultimi anni la demenza ha perso priorità”. A lanciare l’appello è la Federazione Alzheimer Italia, attraverso la Campagna Alzheimer chiama Europa. “Le Elezioni Europee del 6-9 giugno 2024 – spiega la Federazione – possono essere l’occasione per riportare la demenza al centro dell’agenda politica dell’Europa: per questo abbiamo aderito all’appello di Alzheimer Europe e lanciato in Italia #AlzheimerChiamaEuropa, una campagna rivolta sia ai cittadini sia ai candidati al Parlamento Europeo, per chiedere con forza che la demenza sia gestita come un’emergenza sociale”.

Le priorità di pazienti e caregiver

La Federazione Alzheimer Italia e il suo partner Alzheimer Europe ricordano le priorità  per la gestione a 360 gradi di tutti i pazienti europei, dall’assistenza sanitaria alla qualità di vita, con la promozione di interventi volti ad abbattere lo stigma che pesa come un macigno contro di loro, dalla ricerca sulla malattia alla diagnosi e presa in carico precoci. “Le elezioni europee sono un’occasione fondamentale per far sentire la voce di tutte le persone con demenza e dei loro familiari e caregiver – afferma Katia Pinto, presidente della Federazione – la prossima legislatura deve rappresentare un cambio di passo. Con Alzheimer chiama Europa lanciamo con forza un appello al Parlamento europeo nel quinquennio 2024-2029: l’Unione Europea inizi a considerare la demenza una priorità, così anche i governi nazionali, compreso quello italiano, dovranno fare lo stesso”.

Il Manifesto di Helsinki

I cittadini possono sostenere la campagna fino al 7 giugno firmando l’appello che chiede ai leader UE di fare della demenza una priorità nel prossimo mandato, attuando il Manifesto di Helsinki,  firmato lo scorso 16 ottobre a Helsinki, durante l’Assemblea Generale Annuale, da tutti i membri di Alzheimer Europe, inclusa Federazione Alzheimer Italia. Il Manifesto stabilisce azioni chiare e urgenti, che dovrebbero essere intraprese nei prossimi cinque anni dalle istituzioni UE e dai governi nazionali. Tra queste l’aumento dei finanziamenti per la ricerca, l’introduzione di un Piano d’Azione Europeo per la Demenza per coordinare gli sforzi e i programmi sanitari, sociali e di ricerca, lo sviluppo di strategie nazionali pienamente finanziate; investimenti e azioni per favorire la diagnosi tempestiva. I singoli candidati sono invitati a firmare l’ “European Dementia Pledge”: un impegno in caso di elezione a dare priorità alla demenza nei settori della salute, della ricerca, della politica sulla disabilità e dei caregiver informali e ad aderire al gruppo parlamentare dell’Alleanza europea per l’Alzheimer.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...