Politica 21 Novembre 2019

Agli infermieri piace il nuovo Patto per la Salute. Mangiacavalli (FNOPI): «Innovativo, apre al territorio»

La presidente della Federazione Nazionale degli Infermieri (FNOPI) Barbara Mangiacavalli apre anche sulla Manovra in discussione in Parlamento: «Confidiamo nel fatto che quanto promesso dal Ministro della Salute si realizzi»

Immagine articolo

Semaforo verde da parte della categoria degli infermieri al nuovo Patto per la Salute. «Per ora l’Associazione nazionale degli infermieri lo sostiene fortemente» conferma la presidente FNOPI, Barbara Mangiacavalli a margine del convegno “La tutela della salute materno – infantile” organizzato a Roma presso il Senato della Repubblica. «Un Patto che troviamo innovativo, che apre soprattutto al territorio».

L’iter di approvazione del nuovo Patto della Salute 2019/2021 è attualmente in corso. Proprio nella giornata di mercoledì 20 novembre si è riunito il tavolo tecnico del Ministero della Salute per continuare il lavoro di sintesi tra le richieste delle Regioni e le possibilità del Ministero. Un lavoro che dovrebbe trovarsi nelle sue fasi finali, come anche suggerito dalle parole del Ministro della Salute Roberto Speranza rispondendo al question time della Camera.

LEGGI: LEGGE DI BILANCIO, PARERE FAVOREVOLE DALLA COMMISSIONE SANITÀ. MA SU GIOCO D’AZZARDO CHIEDE DI «SOPPRIMERE RIMANDO A DECRETO MEF»

Secondo la FNOPI il testo presenta un passo in avanti rispetto agli indirizzi del passato. «Ricordo che il Patto attualmente in corso, quello 2016/2018, – spiega la Mangiacavalli – mentre ha lavorato molto in azioni concrete, rispetto a tutto quello che è la rete ospedaliera, è rimasto abbastanza incompiuto per quanto riguarda tutto lo sviluppo della rete territoriale. Questa attuale bozza rinforza e da vigore allo sviluppo anche di modelli innovativi su tutta la parte territoriale».

Gli infermieri ripongono speranze anche riguardo la Manovra 2020. «Confidiamo nel fatto che quanto promesso dal Ministro della Salute si realizzi. La sanità – continua la presidente FNOPI – non merita più di essere il bancomat del Paese. Anzi, merita che venga mantenuto e accresciuto il Fondo sanitario nazionale per affrontare le nuove sfide e i nuovi bisogni di salute che si stanno facendo avanti nel nostro Paese e che hanno bisogno anche di risposte. Non solo dal punto di vista della ricerca farmacologica che è fondamentale e della ricerca tecnologica altrettanto fondamentale, c’è la necessità di risposte innovative sui modelli e sulle competenze professionali».

Articoli correlati
Consiglio Nazionale infermieri, Speranza: «Sottoscrivo la vostra mozione: il SSN ha bisogno di un’inversione di tendenza»
Il ministro della Salute Speranza è intervenuto al Consiglio Nazionale della Fnopi. La mozione votata all’unanimità dai 102 presidenti: «Ecco le azioni per difendere il ‘diritto al futuro’ della professione»
Infermieri, il Campus Bio-Medico celebra l’anno internazionale con un video
Oggi in Italia mancano 30 mila infermieri e il fenomeno delle “cure perse” rischia di accentuarsi di anno in anno, incrementando fortemente il rischio di mortalità in ospedale. Si tratta degli interventi infermieristici necessari al paziente ma che – secondo la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche – vengono omessi, in primo luogo a causa della […]
Coronavirus, Nursing Up: «Stato d’emergenza atto doveroso. Chiediamo conferma della presenza di professionisti infermieri nelle unità di crisi regionali»
«Lo Stato d’emergenza è un atto doveroso considerando le informazioni di cui disponiamo in questo momento e il rischio che si impennino gli accessi ai Pronto soccorso determinando una situazione caotica e il cortocircuito del sistema. C’è da chiedersi come sia possibile che all’origine di un’epidemia di questo tipo il governo cinese non si sia […]
Infermiere di famiglia, 10% di ospedalizzazione in meno dove c’è sperimentazione. FNOPI: «Urgente approvare Ddl. Ma servono correttivi»
In Commissione Sanità audizione di Nicola Draoli, Consigliere della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche: «Stimiamo ne servano almeno 20mila. Evitare conflitti con altre professioni». Poi spiega: «Nel Ddl sembra quasi che l’infermiere di famiglia sia quell’infermiere che già adesso sta facendo assistenza domiciliare. Invece si tratta di una figura nuova»
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano