Politica 21 Novembre 2019 13:45

Agli infermieri piace il nuovo Patto per la Salute. Mangiacavalli (FNOPI): «Innovativo, apre al territorio»

La presidente della Federazione Nazionale degli Infermieri (FNOPI) Barbara Mangiacavalli apre anche sulla Manovra in discussione in Parlamento: «Confidiamo nel fatto che quanto promesso dal Ministro della Salute si realizzi»

Agli infermieri piace il nuovo Patto per la Salute. Mangiacavalli (FNOPI): «Innovativo, apre al territorio»

Semaforo verde da parte della categoria degli infermieri al nuovo Patto per la Salute. «Per ora l’Associazione nazionale degli infermieri lo sostiene fortemente» conferma la presidente FNOPI, Barbara Mangiacavalli a margine del convegno “La tutela della salute materno – infantile” organizzato a Roma presso il Senato della Repubblica. «Un Patto che troviamo innovativo, che apre soprattutto al territorio».

L’iter di approvazione del nuovo Patto della Salute 2019/2021 è attualmente in corso. Proprio nella giornata di mercoledì 20 novembre si è riunito il tavolo tecnico del Ministero della Salute per continuare il lavoro di sintesi tra le richieste delle Regioni e le possibilità del Ministero. Un lavoro che dovrebbe trovarsi nelle sue fasi finali, come anche suggerito dalle parole del Ministro della Salute Roberto Speranza rispondendo al question time della Camera.

LEGGI: LEGGE DI BILANCIO, PARERE FAVOREVOLE DALLA COMMISSIONE SANITÀ. MA SU GIOCO D’AZZARDO CHIEDE DI «SOPPRIMERE RIMANDO A DECRETO MEF»

Secondo la FNOPI il testo presenta un passo in avanti rispetto agli indirizzi del passato. «Ricordo che il Patto attualmente in corso, quello 2016/2018, – spiega la Mangiacavalli – mentre ha lavorato molto in azioni concrete, rispetto a tutto quello che è la rete ospedaliera, è rimasto abbastanza incompiuto per quanto riguarda tutto lo sviluppo della rete territoriale. Questa attuale bozza rinforza e da vigore allo sviluppo anche di modelli innovativi su tutta la parte territoriale».

Gli infermieri ripongono speranze anche riguardo la Manovra 2020. «Confidiamo nel fatto che quanto promesso dal Ministro della Salute si realizzi. La sanità – continua la presidente FNOPI – non merita più di essere il bancomat del Paese. Anzi, merita che venga mantenuto e accresciuto il Fondo sanitario nazionale per affrontare le nuove sfide e i nuovi bisogni di salute che si stanno facendo avanti nel nostro Paese e che hanno bisogno anche di risposte. Non solo dal punto di vista della ricerca farmacologica che è fondamentale e della ricerca tecnologica altrettanto fondamentale, c’è la necessità di risposte innovative sui modelli e sulle competenze professionali».

Articoli correlati
La FNOVI contro l’abbandono degli animali da compagnia: «Non sono oggetti di consumo, serve educazione e consapevolezza»
Il presidente dei medici veterinari, Gaetano Penocchio, spiega: «Abbiamo scelto di metterci nelle loro zampe per far comprendere la sofferenza che viene inflitta con l’abbandono». Sulla carenza di veterinari chiede che «ad ogni dirigente veterinario in uscita, dovrà corrisponderne almeno uno in entrata»
di Francesco Torre
Come assistere una persona portatrice di catetere vescicale a domicilio
Il cateterismo vescicale consiste nell’introduzione di un tubicino in vescica che permette il deflusso delle urine all’esterno
di Dott. Enrico Pinton
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...