Politica 11 Giugno 2024 22:22

“Eliminare la parola ‘portatori di handicap’ da tutte le leggi italiane e non lasciare indietro nessuno”

L’intervento del Ministro per le Disabilità alla 17ma Conferenza degli Stati Parte della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità

di Alessandra Locatelli, Ministro per le Disabilità
“Eliminare la parola ‘portatori di handicap’ da tutte le leggi italiane e non lasciare indietro nessuno”

Sig. Presidente e cari delegati,

Viviamo un momento storico non facile dal punto di vista sociale, civile, economico e politico, in tutto il mondo, in ciascuno dei nostri Paesi.

Tuttavia, sono convinta che questo sia anche il momento giusto per dare il massimo, per testimoniare con il nostro lavoro, al fianco delle persone e delle famiglie, che non possiamo lasciare indietro nessuno!

Per questa ragione l’Italia ha approvato un’importante riforma sulla disabilità che introduce il “Progetto Vita”.

Il “Progetto Vita” parte dai desideri della persona con disabilità, come previsto dalla CRPD, ed è uno strumento personalizzato e condiviso che supera la frammentazione tra interventi sanitari, assistenziali e sociali e semplifica anche le modalità di erogazione dei servizi.

Per accompagnare questo cambiamento di approccio abbiamo eliminato la parola “portatori di handicap” da tutte le leggi italiane, sostituendolo con Persona, Persona con disabilità, rispettando la dignità di tutti.

Sono convinta che serve uno sguardo nuovo da parte delle istituzioni, del mondo privato ma anche dei singoli cittadini, per superare la discriminazione e il mero welfare, per valorizzare le persone, per cogliere i talenti e le competenze di ognuno, per valutare le potenzialità e non i limiti!

Sarà questo il filo conduttore del primo G7 della storia che si riunirà a livello politico in Italia per parlare di inclusione e disabilità. A partire dal 14 ottobre, ad Assisi, lanceremo un messaggio di pace, condivisione, concretezza e partecipazione, e la piazza sarà aperta a tutti.

Sono convinta che solo insieme, tutti noi, con le nostre azioni e le nostre proposte, con il mondo del terzo settore e delle associazioni, saremo in grado di essere forti e ancora più forti per forzare il cambiamento.

Sono convinta che i nostri Paesi devono avere una sola voce: per un’accessibilità universale, per il diritto di tutti alla piena partecipazione alla vita civile, sociale e politica nei nostri Paesi e per la promozione di un Progetto di Vita personalizzato e partecipativo per ogni persona con disabilità.

E questo è tutto ciò di cui sono convinta. Possa la mia convinzione essere la vostra, e possa il nostro pensiero essere la nostra forza.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...