Voci della Sanità 25 Novembre 2019 13:51

Viminale (Amsi e Co-mai), il Prefetto Michele Di Bari incontra Foad Aodi e presentato il manifesto congiunto “Buona Immigrazione”

Aodi: “Ringraziamento e apprezzamento dai nostri movimenti e comunità al Ministro Lamorgese e al Prefetto Michele Di bari per la disponibilità e la politica dell’ascolto”

Si è svolto il 22.11 su disponibilità del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese l’incontro tra il direttore del Dipartimento delle Libertà Civili e Immigrazione del Viminale Prefetto Michele Di Bari e il prof. Foad Aodi, Presidente dell’Amsi (Associazione medici di Origine straniera in Italia), delle Co-mai (Comunità del mondo arabo in Italia ) e membro del Gdl Fnomceo e Consigliere Omceo di Roma con delega rapporti con i Comuni e Affari Esteri, accompagnato dal Coordinatore Organizzativo del movimento internazionale Uniti per Unire Claudio Rossi sociologo esperto in immigrazione e integrazione.

Il confronto molto costruttivo tra il Prefetto Di Bari, i suoi collaboratori e il Presidente Foad Aodi ha evidenziato una larga condivisione di vedute sulle varie tematiche dell’immigrazione, delle politiche d’integrazione e del dialogo interreligioso, al cui proposito il Prefetto Di Bari ha espresso apprezzamenti per il lavoro svolto dalle nostre associazioni e comunità, dimostrando grande disponibilità a proseguire nel confronto costruttivo per l’interesse comune.

Aodi, infine, nel ringraziare il Ministro Luciana Lamorgese, il Prefetto Michele Di Bari e i responsabili del Dipartimento per aver ascoltato le nostre proposte con grande sensibilità e competenza, ha consegnato loro il Manifesto “Buona Immigrazione” proposto da Amsi, Co-mai, Emergenza Sorrisi e il movimento Uniti per Unire, insieme alle comunità, associazioni, diaspore, università e centri culturali aderenti:

“Buona Immigrazione” 

·   Urge una nuova legge per l’immigrazione sui diritti e doveri che coinvolga uniformemente i Paesi Europei per una vera cooperazione internazionale e solidarietà;

·   Promuovere politiche dei due binari: integrazione e sicurezza, per lo sviluppo del dialogo interculturale e interreligioso e per contrastare qualsiasi forma di discriminazione;

·   Promuovere accordi bilaterali tra Italia e Paesi più coinvolti per una immigrazione programmata e qualificata e non soltanto orientati ai rimpatri;

·   Istituzione di nuovi centri di accoglienza gestiti con le regole europee nei territori di transito, per ridurre l’immigrazione irregolare e contrastare la tratta degli esseri umani;

·   Istituzione dell’albo nazionale dei mediatori culturali organizzato per specializzazioni;

·   Cittadinanza temperata per i figli degli immigrati e politiche di integrazione per la seconda generazione nella scuola, nelle Università e nel lavoro;

·   Promuovere la buona informazione per favorire la convivenza e il dialogo tra i popoli e l’unità tra le diversità, combattendo la ” guerra tra poveri”;

·   Istituzione di un albo per gli Imam italiani secondo requisiti minimi, con mappatura delle moschee e preghiera o “kutba” anche in lingua italiana;

·   Promuovere la cooperazione economica tra Italia e Paesi di origine abbattendo il muro della burocrazia e valorizzando le eccellenze italiane;

·   Promuovere studi, ricerche, analisi universali sul fenomeno dell’immigrazione attraverso conferenze e seminari tra i maggiori esperti del settore dall’Italia e dall’estero;

·   Potenziamento degli sportelli di ascolto nei vari Comuni, dei corsi di lingua italiana, dell’informazione e orientamento rivolto agli immigrati, imprenditori, professionisti e cittadini di origine straniera;

·   Combattere il fenomeno dell’abbandono scolastico;

·   Combattere il fenomeno dello sfruttamento lavorativo sia minorile che adulto e tutelare i diritti e doveri nel mercato del lavoro;

·   Combattere lo sfruttamento sessuale minorile e della prostituzione;

·   Combattere la guerra alle religioni compreso l’estremismo e il razzismo religioso;

·   Combattere la radicalizzazione ed il terrorismo in ogni sua forma;

·   Promuovere la buona integrazione e l’immigrazione qualificata in Italia con ricerche, statistiche e valorizzazione delle buone pratiche in collaborazione diretta con le comunità immigrate nei territori italiani;

·   Promuovere gemellaggi e patti d’amicizia tra i Comuni, le città italiane e i Comuni e le città dei nostri Paesi di origine;

·   Promuovere lo scambio socio-sanitario, scolastico e universitario tra Italia e i Paesi d’origine;

·   Creare maggiori e migliori condizioni lavorative ed economiche per i giovani italiani e di seconda generazione per combattere la fuga dei cervelli dal sud al nord e dall’Italia all’estero;

·  Creare migliori servizi sanitari e sociali nei posti disagiati e realizzare efficaci campagne di educazione sanitaria e scolastica.

 

Articoli correlati
Carenza sanitari, Foad Aodi (Amsi): «Il 90% delle domande e disponibilità di medici e infermieri ucraini sono senza risposte»
Amsi e UXU: «Non abbiamo mai ricevuto una risposta o disponibilità di confronto da parte del Ministro della Salute Speranza»
Al via il progetto Sud America di Uniti per Unire, Aodi: «Dal Cile buone pratiche e suggerimenti per risolvere patologica carenza di sanitari»
«Il Cile è uno stato di diritto sociale e democratico. È multinazionale, interculturale ed ecologico. Si costituisce come Repubblica solidale, la sua democrazia è paritaria e riconosce come valori intrinseci e inalienabili la dignità, la libertà, l’uguaglianza sostanziale degli esseri umani e il loro rapporto indissolubile con la natura. La tutela e la garanzia dei […]
Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»
Il presidente Amsi Foad Aodi illustra il Manifesto “Buona sanità internazionale” in tre punti e presenta le richieste alle Istituzioni
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Il Movimento “Uniti per Unire” festeggia 10 anni ed elegge nuovo direttivo
Foad Aodi confermato Presidente, vicepresidenti Federica Battafarano, Jessica Veronica Faroni e Federica Federici. Segretario Generale Alessandro Barone e Tesoriere Francesco Bonelli
Amsi: eletto Direttivo e organigramma internazionale con conferme e new entry
L'Ufficio di presidenza Amsi conta ben 150 professionisti della sanità di origine straniera e il Comitato Scientifico più di 100 esperti italiani e di origine straniera a favore di Un'Unione Mondiale nella Sanità (UMS)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Tutti pazzi per il farmaco che fa dimagrire. Aifa: possibili carenze per diabetici e obesi

Promosso dalla scienza come «svolta» contro l'obesità, ma acquistato e osannato da numerosi vip sui social come strategia per dimagrire, ora il farmaco semaglutide rischia di divent...
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino anti-Covid-19 può avere effetti collaterali anche se è passato molto tempo?

È una domanda «ritornata in voga» nei giorni scorsi, quando il celebre attore italiano, Jerry Calà, è stato costretto a lasciare il set per un malore che poi si &egrav...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono le caratteristiche della variante Bythos arrivata in Italia?

Spunta una nuova «sorella» di Omicron, che è stata già rintracciata in alcuni casi in Italia. Si tratta della variante XBF, soprannominata comunemente con il nome di Bythos c...