Voci della Sanità 25 Novembre 2019 13:51

Viminale (Amsi e Co-mai), il Prefetto Michele Di Bari incontra Foad Aodi e presentato il manifesto congiunto “Buona Immigrazione”

Aodi: “Ringraziamento e apprezzamento dai nostri movimenti e comunità al Ministro Lamorgese e al Prefetto Michele Di bari per la disponibilità e la politica dell’ascolto”

Si è svolto il 22.11 su disponibilità del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese l’incontro tra il direttore del Dipartimento delle Libertà Civili e Immigrazione del Viminale Prefetto Michele Di Bari e il prof. Foad Aodi, Presidente dell’Amsi (Associazione medici di Origine straniera in Italia), delle Co-mai (Comunità del mondo arabo in Italia ) e membro del Gdl Fnomceo e Consigliere Omceo di Roma con delega rapporti con i Comuni e Affari Esteri, accompagnato dal Coordinatore Organizzativo del movimento internazionale Uniti per Unire Claudio Rossi sociologo esperto in immigrazione e integrazione.

Il confronto molto costruttivo tra il Prefetto Di Bari, i suoi collaboratori e il Presidente Foad Aodi ha evidenziato una larga condivisione di vedute sulle varie tematiche dell’immigrazione, delle politiche d’integrazione e del dialogo interreligioso, al cui proposito il Prefetto Di Bari ha espresso apprezzamenti per il lavoro svolto dalle nostre associazioni e comunità, dimostrando grande disponibilità a proseguire nel confronto costruttivo per l’interesse comune.

Aodi, infine, nel ringraziare il Ministro Luciana Lamorgese, il Prefetto Michele Di Bari e i responsabili del Dipartimento per aver ascoltato le nostre proposte con grande sensibilità e competenza, ha consegnato loro il Manifesto “Buona Immigrazione” proposto da Amsi, Co-mai, Emergenza Sorrisi e il movimento Uniti per Unire, insieme alle comunità, associazioni, diaspore, università e centri culturali aderenti:

“Buona Immigrazione” 

·   Urge una nuova legge per l’immigrazione sui diritti e doveri che coinvolga uniformemente i Paesi Europei per una vera cooperazione internazionale e solidarietà;

·   Promuovere politiche dei due binari: integrazione e sicurezza, per lo sviluppo del dialogo interculturale e interreligioso e per contrastare qualsiasi forma di discriminazione;

·   Promuovere accordi bilaterali tra Italia e Paesi più coinvolti per una immigrazione programmata e qualificata e non soltanto orientati ai rimpatri;

·   Istituzione di nuovi centri di accoglienza gestiti con le regole europee nei territori di transito, per ridurre l’immigrazione irregolare e contrastare la tratta degli esseri umani;

·   Istituzione dell’albo nazionale dei mediatori culturali organizzato per specializzazioni;

·   Cittadinanza temperata per i figli degli immigrati e politiche di integrazione per la seconda generazione nella scuola, nelle Università e nel lavoro;

·   Promuovere la buona informazione per favorire la convivenza e il dialogo tra i popoli e l’unità tra le diversità, combattendo la ” guerra tra poveri”;

·   Istituzione di un albo per gli Imam italiani secondo requisiti minimi, con mappatura delle moschee e preghiera o “kutba” anche in lingua italiana;

·   Promuovere la cooperazione economica tra Italia e Paesi di origine abbattendo il muro della burocrazia e valorizzando le eccellenze italiane;

·   Promuovere studi, ricerche, analisi universali sul fenomeno dell’immigrazione attraverso conferenze e seminari tra i maggiori esperti del settore dall’Italia e dall’estero;

·   Potenziamento degli sportelli di ascolto nei vari Comuni, dei corsi di lingua italiana, dell’informazione e orientamento rivolto agli immigrati, imprenditori, professionisti e cittadini di origine straniera;

·   Combattere il fenomeno dell’abbandono scolastico;

·   Combattere il fenomeno dello sfruttamento lavorativo sia minorile che adulto e tutelare i diritti e doveri nel mercato del lavoro;

·   Combattere lo sfruttamento sessuale minorile e della prostituzione;

·   Combattere la guerra alle religioni compreso l’estremismo e il razzismo religioso;

·   Combattere la radicalizzazione ed il terrorismo in ogni sua forma;

·   Promuovere la buona integrazione e l’immigrazione qualificata in Italia con ricerche, statistiche e valorizzazione delle buone pratiche in collaborazione diretta con le comunità immigrate nei territori italiani;

·   Promuovere gemellaggi e patti d’amicizia tra i Comuni, le città italiane e i Comuni e le città dei nostri Paesi di origine;

·   Promuovere lo scambio socio-sanitario, scolastico e universitario tra Italia e i Paesi d’origine;

·   Creare maggiori e migliori condizioni lavorative ed economiche per i giovani italiani e di seconda generazione per combattere la fuga dei cervelli dal sud al nord e dall’Italia all’estero;

·  Creare migliori servizi sanitari e sociali nei posti disagiati e realizzare efficaci campagne di educazione sanitaria e scolastica.

 

Articoli correlati
Carenza sanitari, Foad Aodi (Amsi): «Il 90% delle domande e disponibilità di medici e infermieri ucraini sono senza risposte»
Amsi e UXU: «Non abbiamo mai ricevuto una risposta o disponibilità di confronto da parte del Ministro della Salute Speranza»
Al via il progetto Sud America di Uniti per Unire, Aodi: «Dal Cile buone pratiche e suggerimenti per risolvere patologica carenza di sanitari»
«Il Cile è uno stato di diritto sociale e democratico. È multinazionale, interculturale ed ecologico. Si costituisce come Repubblica solidale, la sua democrazia è paritaria e riconosce come valori intrinseci e inalienabili la dignità, la libertà, l’uguaglianza sostanziale degli esseri umani e il loro rapporto indissolubile con la natura. La tutela e la garanzia dei […]
Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»
Il presidente Amsi Foad Aodi illustra il Manifesto “Buona sanità internazionale” in tre punti e presenta le richieste alle Istituzioni
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Il Movimento “Uniti per Unire” festeggia 10 anni ed elegge nuovo direttivo
Foad Aodi confermato Presidente, vicepresidenti Federica Battafarano, Jessica Veronica Faroni e Federica Federici. Segretario Generale Alessandro Barone e Tesoriere Francesco Bonelli
Amsi: eletto Direttivo e organigramma internazionale con conferme e new entry
L'Ufficio di presidenza Amsi conta ben 150 professionisti della sanità di origine straniera e il Comitato Scientifico più di 100 esperti italiani e di origine straniera a favore di Un'Unione Mondiale nella Sanità (UMS)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...