OMCeO, Enti e Territori 4 luglio 2017

Veneto, stato di agitazione della Medicina Generale

Le Organizzazioni Sindacali FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), SNAMI (Sindacato Nazionale Medici Italiana), SMI (Sindacato dei Medici Italiani) ed Intesa Sindacale, riunitesi a Padova nei giorni scorsi, proclamano lo stato di agitazione della Medicina Generale della Regione Veneto. I sindacati lamentano la mancata applicazione da parte della Regione Veneto del Piano Sanitario Regionale […]

Le Organizzazioni Sindacali FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), SNAMI (Sindacato Nazionale Medici Italiana), SMI (Sindacato dei Medici Italiani) ed Intesa Sindacale, riunitesi a Padova nei giorni scorsi, proclamano lo stato di agitazione della Medicina Generale della Regione Veneto. I sindacati lamentano la mancata applicazione da parte della Regione Veneto del Piano Sanitario Regionale ostacolandone di fatto l’attuazione per un’assistenza diffusa ed omogenea sul territorio da attuarsi attraverso le Medicine di Gruppo Integrate. Inoltre, tra i motivi che hanno portato le sigle a proclamare lo stato di agitazione anche la non volontà di sviluppare la residenzialità territoriale attraverso gli Ospedali di Comunità, l’Hospice e le Case di Riposo, affidate dal Piano Sanitario Regionale alla Medicina Generale, e la constatazione di una politica tendente alla divisione ed all’opposizione tra il Medico di Medicina Generale e le altre figure professionali sanitarie che di fatto ne impedisce l’integrazione ipotizzando non meglio chiariti progetti di dipendenza dei Medici di Medicina Generale.

 

 

 

 

Articoli correlati
Sanità privata, Cgil Cisl e Uil interrompono trattativa rinnovo contratto
Tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto della Sanità Privata interrotto e avvio dello stato di agitazione. Ad annunciarlo sono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, comunicandolo in una lettera alle controparti Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) e Aris (Associazione religiosa istituti socio-sanitari), motivando così la decisione: «A seguito della vostra indisponibilità a […]
AULSS 6 Euganea, no di CIMO a direzioni «improntate a catene di montaggio»
«Affidare a un tecnico di questioni amministrative la gestione dei distretti sanitari anziché a chi ha forti competenze mediche è un errore e un danno gravissimo per il futuro della sanità pubblica, perché spalanca le porte alla gestione burocratica e industrializzata dei pazienti e delle cure». CIMO ribadisce così la sua denuncia contro la decisione […]
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Rappresentatività sindacale, nell’Area sanità aumento deleghe di Cimo, FVM e Uil Fpl
In testa confermato Anaao-Assomed, con il 24,41% della rappresentatività. Per il Comparto, i confederali guadagnano il podio, con Fp Cgil sul gradino più alto
Il 15 gennaio OSS in sciopero. Minghetti (Human Caring): «Siamo stanchi di essere sfruttati e inascoltati»
Scoperchiando il vaso di Pandora, il vice-coordinatore nazionale del sindacato denuncia il malcontento della categoria: «Per Ministero e Regioni siamo fantasmi, e nessuno controlla la nostra formazione. Circolano attestati falsi, ci sono ovunque corsi non adeguati e frodi. È il caos. Siamo considerati ‘inferiori’, ma ci vengono assegnate mansioni che non ci competono. E adesso le aziende sanitarie ci impediscono di scioperare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...