OMCeO, Enti e Territori 21 dicembre 2017

Value Academy: formazione e “program budgeting” per un SSN condiviso ed efficace

  La Fondazione Charta promuove un progetto formativo rivolto ai decisori politico-amministrativi della sanità italiana per uniformare al rialzo l’offerta di salute su tutto il territorio nazionale. Fornire gli strumenti di Governance necessari a mettere le diverse realtà locali a confronto per permettergli di agire in un’ottica di program budgeting, ovvero in base ai piani e […]

 

La Fondazione Charta promuove un progetto formativo rivolto ai decisori politico-amministrativi della sanità italiana per uniformare al rialzo l’offerta di salute su tutto il territorio nazionale. Fornire gli strumenti di Governance necessari a mettere le diverse realtà locali a confronto per permettergli di agire in un’ottica di program budgeting, ovvero in base ai piani e sistemi di cura uniformando al rialzo l’offerta sanitaria su tutto il territorio nazionale.

Questo è lo scopo del progetto “Value Academy” promosso da Fondazione Charta (Center for Health Associated Research and Technology Assessment) – realtà attiva in campo sanitario, socio-sanitario e socio-economico – e presentato oggi a Roma, con il contributo non condizionato di Boehringer Ingelheim Italia, nel corso di un evento rivolto a direttori generali, sanitari, amministrativi e dirigenti degli Assessorati Regionali.

In un sistema sanitario sempre più complesso dove le competenze richieste sono molteplici, la possibilità di informarsi e formarsi correttamente è ormai prioritaria oltre che strategica. Il concetto di misurabilità delle prestazioni, valutazione del valore, aggiornamento delle normative, accesso alle best practice sanitarie e il confronto con tutti i soggetti del sistema (clinici, pazienti, media, social influencer, rappresentanti istituzionali) è quanto mai importante. Su questa linea, la “Value Academy” propone un pacchetto formativo su alcuni temi fondamentali come i PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali), la Governance Farmaceutica, gli acquisti in sanità, il nuovo Codice degli Appalti, fino alle valutazioni di farmaco-economia.

«In termini di Governance farmaceutica risulta fondamentale condividere best practice sulla lotta agli sprechi; in altre parole tutti quegli strumenti che possano portare al contenimento della spesa e a liberare risorse da utilizzare meglio in sanità a beneficio dei pazienti – spiega Paolo Francesco Maria Saccà, Senior Consultant AGENAS -. Purtroppo, ci sono ancora ventuno “Italie” diverse dal punto di vista sanitario. Il nostro obiettivo deve essere anche quello di fermare la migrazione sanitaria tra le Regioni, fenomeno che si riscontra soprattutto in ambito oncologico, ortopedico e nella gestione delle patologie cardiache, riuscendo a fornire gli stessi livelli di performance su tutto il territorio.

Un progetto formativo che ha riunito oggi a Roma alcuni dei principali decisori politico-amministrativi della sanità italiana in un momento di discussione sui maggiori strumenti utili a prendere decisioni sempre più consapevoli, in linea con il contenimento e l’ottimizzazione della spesa.

«Lavorare sul valore è ormai imprescindibile in sanità. Una ricetta per massimizzare il binomio innovazione/sostenibilità arriva dalla cosiddetta Value Based Healthcare, sinonimo di efficienza nella allocazione delle risorse rispetto al massimo beneficio ottenibile per i pazienti in relazione alle specifiche malattie – afferma Andrea Silenzi di VIHTALI, Università Cattolica del Sacro Cuore -. La vera sfida oggi è mantenere l’universalità del Servizio Sanitario Nazionale».

«Negli USA, patria della Value Based Healthcare, il concetto di valore è applicato a livello delle singole organizzazioni sanitarie, non essendo presente un Sistema Sanitario vero e proprio come il nostro SSN – spiega ancora Silenzi -. In Italia, la sfida è implementare il valore come catalizzatore della trasformazione dei servizi socio-sanitari. Per far ciò, però, è necessaria una programmazione che permetta di avere libertà organizzativa locale nel rispetto di un quadro di riferimento comune e chiaro a livello nazionale».

L’importante sarebbe, quindi, arrivare ad una reale misurazione dei risultati di salute sui cittadini. La ricetta europea della Value Based Healthcare passa per questa sfida programmatoria molto complessa, che ha l’obiettivo di mantenere un SSN pubblico con un focus su paziente e patologia.

«In Boehringer Ingelheim abbiamo intrapreso un percorso di evoluzione fondato su un approccio “Value Based”, proprio con l’ambizione di promuovere e supportare lo sviluppo di un sistema sanitario migliore e sostenibile – spiega Claudio De Carli, Head of Public Affairs di Boehringer Ingelheim Italia -.

 

Articoli correlati
Prima assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali, sei richieste per una sanità universalistica e uguale per tutti
I rappresentanti di oltre un milione e mezzo di professionisti hanno presentato un Manifesto con gli impegni che chiedono a Governo e Regioni: intensificare la collaborazione con le professioni sanitarie e sociali, valutare rischi e benefici dell'autonomia differenziata, superare le differenze tra i sistemi sanitari regionali, rispettare l'uguaglianza, la solidarietà, l'universalismo e l'equità alla base del SSN | GLI INTERVENTI
di Buquicchio, Cavalcanti, Cedrone
Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»
Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa
Sanità Regioni, la proposta di Sileri: «Serve commissariamento ‘chirurgico’ solo su aspetti che vanno male». Luca Coletto: «In Patto Salute nuove modalità»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato sottolinea: «Non ha senso commissariare l'intero settore Sanità di una Regione quando ci sono strutture che vanno male e altre che invece funzionano benissimo. Serve un accordo su qualità e meritocrazia». E anche il Sottosegretario alla Salute parla di «verifica straordinaria, che individui le disfunzioni persistenti sulle quali intervenire e soltanto dopo saremo in grado di stabilire l'intensità del commissariamento di cui la regione necessita»
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»
L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...