OMCeO, Enti e Territori 21 agosto 2017

Uova con fipronil, due nuovi casi: 90 mila sequestrate dai Nas tra Viterbo e Ancona

Dopo i casi in Campania e nelle Marche, altri due campioni positivi al fipronil sono stati scoperti dai carabinieri dei Nas in provincia di Viterbo e Ancona e hanno portato al sequestro di 60mila uova destinate al consumo, 32mila per alimentazione zootecnica, 3 capannoni per allevamento con 27mila galline ovaiole ed un centro di imballaggio […]

Dopo i casi in Campania e nelle Marche, altri due campioni positivi al fipronil sono stati scoperti dai carabinieri dei Nas in provincia di Viterbo e Ancona e hanno portato al sequestro di 60mila uova destinate al consumo, 32mila per alimentazione zootecnica, 3 capannoni per allevamento con 27mila galline ovaiole ed un centro di imballaggio uova.

Il fipronil è un insetticida prodotto in Belgio vietato negli allevamenti; inizialmente, i controlli da parte di Nas, Asl e Regioni hanno riguardato i prodotti importati dall’estero per poi estendersi all’intera filiera nazionale della produzione di uova. Potrebbe partire anche una denuncia per i proprietari degli allevamenti: attentato alla salute e immissione in commercio di alimento adulterato, ecco i reati ipotizzati. Nuove ispezioni sono in corso in tutt’Italia e continueranno nei prossimi giorni.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...