Voci della Sanità 16 Aprile 2019 15:59

“Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”: il 17 aprile a Roma la consegna dei premi

Si svolgerà mercoledì 17 aprile 2019 dalle 10:00 alle 12:00 a Roma (Sala Auditorium WeGil, Largo Ascianghi 5) l’evento finale della prima edizione del concorso “Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”, indetto da CoReCom Lazio e ANCI Lazio, in collaborazione con Fiaba onlus, per promuovere le migliori iniziative di comunicazione che i Comuni laziali hanno realizzato per pubblicizzare […]

Si svolgerà mercoledì 17 aprile 2019 dalle 10:00 alle 12:00 a Roma (Sala Auditorium WeGil, Largo Ascianghi 5) l’evento finale della prima edizione del concorso “Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”, indetto da CoReCom Lazio e ANCI Lazio, in collaborazione con Fiaba onlus, per promuovere le migliori iniziative di comunicazione che i Comuni laziali hanno realizzato per pubblicizzare le pratiche adottate in tema di abbattimento delle barriere architettoniche e sensoriali, a favore di tutte le persone a ridotta mobilità e nel rispetto della diversità umana.

L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività programmate da CoReCom Lazio e ANCI Lazio a seguito della stipula nel luglio 2016 di un protocollo d’intesa per realizzare le possibili sinergie istituzionali tra l’organismo di vigilanza regionale e l’associazione dei Comuni del Lazio, per lo svolgimento di attività al servizio dei Comuni laziali.

«Una conferma – dichiara il presidente del CoReCom Lazio, Michele Petrucci, nel presentare l’evento – del valore aggiunto della collaborazione interistituzionale per il perseguimento di comuni obiettivi a favore dei cittadini del Lazio, già sperimentata con l’apertura di sportelli informativi sul territorio. Finalità del concorso – prosegue Petrucci – è di valorizzare, al fine di stimolare altri Comuni, gli esempi virtuosi di buone pratiche non solo di realizzazione ma anche di comunicazione, poiché quest’ultima costituisce un presupposto affinché il cittadino ne possa trarre reale beneficio».

Ringraziando Fiaba Onlus per la collaborazione tecnica, Petrucci aggiunge che l’iniziativa testimonia l’impegno di responsabilità sociale del Comitato nel promuovere sul territorio la «buona comunicazione istituzionale» per «sensibilizzare la pubblica opinione sulle tematiche concernenti l’abbattimento delle barriere culturali e fisiche che impediscono qualità di vita e pari opportunità, favorendo così la diffusione di una cultura sulle pari opportunità come presupposto per incentivare la nascita di nuovi spazi e di servizi accessibili e fruibili da tutti».

Auspica, grazie al concorso, un’adeguata attenzione al superamento delle barriere architettoniche il segretario generale di ANCI Lazio, Enrico Diacetti, il quale lo ritiene «un’occasione per tenere alto l’interesse verso le categorie più deboli, affinché i Sindaci diano loro il giusto risalto, anche se l’iniziativa non può essere considerata esaustiva ma almeno incoraggia lo Stato, le Regioni, le Provincie a dare sempre più fondi per risolvere le problematiche di accessibilità dei più svantaggiati».

Secondo il presidente di Fiaba onlus, Giuseppe Trieste, «il concorso è un valido strumento di diffusione delle buone pratiche dell’abbattimento delle barriere architettoniche nei Comuni del Lazio. La comunicazione di buone prassi deve stimolare le realtà comunali ad intraprendere iniziative volte al miglioramento della qualità della vita all’interno delle città, consentendo a tutte le persone, ognuna con le proprie esigenze, di viverle con facilità e in autonomia. Innalzare lo standard qualitativo per le persone a ridotta mobilità (PRM) – continua Trieste – significa aumentare il comfort per tutti i soggetti residenti senza specifici bisogni e anche per tutti coloro che vi transitano (turisti, pendolari). È necessario un approccio che miri non solo all’eliminazione delle barriere fisiche e sensoriali, ma tenda a una progettazione improntata al rispetto della diversità umana secondo i principi dell’Universal Design».

Articoli correlati
Lovegiver: ecco chi è e cosa fa
Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva
Barriere architettoniche, Chiarini (Confad): «Detrazione al 110% valga per tutti i fabbricati dove vive una persona con disabilità»
Per il presidente del Coordinamento Nazionale famiglie con disabilità Alessandro Chiarini bisogna prevedere «l’estensione del bonus di detrazione dal 75 % al 110% per tutti i lavori volti all’eliminazione delle barriere architettoniche nei fabbricati in cui viva una persona con disabilità non deambulante»
Dl Sostegni, Matrisciano (Comm. Lavoro): «Dal decreto 100 milioni a Fondo inclusione disabili. Ora legge sui caregiver»
La presidente della commissione Lavoro di palazzo Madama, Susy Matrisciano, chiede «percorsi di inclusione sociale e di inserimento lavorativo e progetti mirati, anche nella Pubblica amministrazione»
Covid-19, Lorefice (M5S): «Positivo via libera governo a odg per vaccinare con priorità disabili e caregiver»
«Ringrazio il governo per aver compreso l’urgenza di intervenire su questa problematica che preoccupa moltissime famiglie e auspico che l’impegno si converta immediatamente in intervento concreto» spiega la Presidente della Commissione Affari Sociali
Disabilità, Falabella (FISH): «Ora vaccini a disabili e caregiver. Con l’emergenza famiglie abbandonate»
La Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap ha incontrato il neo Ministro alla Disabilità Erika Stefani. Sul piano vaccinale la proposta di dare priorità ai disabili attraverso la legge 104 che delinea lo stato di gravità. Il Presidente Falabella: «Occorre passare da un sistema di protezione a un sistema di riconoscimento dei diritti e di inclusione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi