Voci della Sanità 16 Aprile 2019

“Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”: il 17 aprile a Roma la consegna dei premi

Si svolgerà mercoledì 17 aprile 2019 dalle 10:00 alle 12:00 a Roma (Sala Auditorium WeGil, Largo Ascianghi 5) l’evento finale della prima edizione del concorso “Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”, indetto da CoReCom Lazio e ANCI Lazio, in collaborazione con Fiaba onlus, per promuovere le migliori iniziative di comunicazione che i Comuni laziali hanno realizzato per pubblicizzare […]

Si svolgerà mercoledì 17 aprile 2019 dalle 10:00 alle 12:00 a Roma (Sala Auditorium WeGil, Largo Ascianghi 5) l’evento finale della prima edizione del concorso “Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”, indetto da CoReCom Lazio e ANCI Lazio, in collaborazione con Fiaba onlus, per promuovere le migliori iniziative di comunicazione che i Comuni laziali hanno realizzato per pubblicizzare le pratiche adottate in tema di abbattimento delle barriere architettoniche e sensoriali, a favore di tutte le persone a ridotta mobilità e nel rispetto della diversità umana.

L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività programmate da CoReCom Lazio e ANCI Lazio a seguito della stipula nel luglio 2016 di un protocollo d’intesa per realizzare le possibili sinergie istituzionali tra l’organismo di vigilanza regionale e l’associazione dei Comuni del Lazio, per lo svolgimento di attività al servizio dei Comuni laziali.

«Una conferma – dichiara il presidente del CoReCom Lazio, Michele Petrucci, nel presentare l’evento – del valore aggiunto della collaborazione interistituzionale per il perseguimento di comuni obiettivi a favore dei cittadini del Lazio, già sperimentata con l’apertura di sportelli informativi sul territorio. Finalità del concorso – prosegue Petrucci – è di valorizzare, al fine di stimolare altri Comuni, gli esempi virtuosi di buone pratiche non solo di realizzazione ma anche di comunicazione, poiché quest’ultima costituisce un presupposto affinché il cittadino ne possa trarre reale beneficio».

Ringraziando Fiaba Onlus per la collaborazione tecnica, Petrucci aggiunge che l’iniziativa testimonia l’impegno di responsabilità sociale del Comitato nel promuovere sul territorio la «buona comunicazione istituzionale» per «sensibilizzare la pubblica opinione sulle tematiche concernenti l’abbattimento delle barriere culturali e fisiche che impediscono qualità di vita e pari opportunità, favorendo così la diffusione di una cultura sulle pari opportunità come presupposto per incentivare la nascita di nuovi spazi e di servizi accessibili e fruibili da tutti».

Auspica, grazie al concorso, un’adeguata attenzione al superamento delle barriere architettoniche il segretario generale di ANCI Lazio, Enrico Diacetti, il quale lo ritiene «un’occasione per tenere alto l’interesse verso le categorie più deboli, affinché i Sindaci diano loro il giusto risalto, anche se l’iniziativa non può essere considerata esaustiva ma almeno incoraggia lo Stato, le Regioni, le Provincie a dare sempre più fondi per risolvere le problematiche di accessibilità dei più svantaggiati».

Secondo il presidente di Fiaba onlus, Giuseppe Trieste, «il concorso è un valido strumento di diffusione delle buone pratiche dell’abbattimento delle barriere architettoniche nei Comuni del Lazio. La comunicazione di buone prassi deve stimolare le realtà comunali ad intraprendere iniziative volte al miglioramento della qualità della vita all’interno delle città, consentendo a tutte le persone, ognuna con le proprie esigenze, di viverle con facilità e in autonomia. Innalzare lo standard qualitativo per le persone a ridotta mobilità (PRM) – continua Trieste – significa aumentare il comfort per tutti i soggetti residenti senza specifici bisogni e anche per tutti coloro che vi transitano (turisti, pendolari). È necessario un approccio che miri non solo all’eliminazione delle barriere fisiche e sensoriali, ma tenda a una progettazione improntata al rispetto della diversità umana secondo i principi dell’Universal Design».

Articoli correlati
“La città che vorrei”, domenica 6 ottobre torna il Fiaba Day per l’abbattimento delle barriere architettoniche
Alle ore 9.30 Palazzo Chigi aprirà le sue porte alle visite guidate per gruppi di persone con disabilità e loro accompagnatori. Durante la giornata si alterneranno, sul palco posizionato a Piazza Colonna, momenti di dibattito e di intrattenimento
ASL Roma 1, premiazione del concorso “Curare lo Spirito nei luoghi della Cura del Corpo”
Il 26 giugno, i vincitori del concorso di idee “Curare lo Spirito nei luoghi della Cura del Corpo” saranno premiati nella cornice rinascimentale del Complesso Monumentale del Santo Spirito in Sassia, a partire dalle ore 18. Realizzare uno spazio di meditazione, silenzio e preghiera aperto a tutte le fedi religiose all’interno degli Ospedali San Filippo […]
Al Policlinico di Catania c’è una UOC di odontoiatria dedicata ai pazienti disabili in cui non si curano solo i denti
Marco Terranova, l’odontoiatra che ha ideato il progetto insieme a Riccardo Spampinato: «Abbiamo iniziato portando in giro le nostre apparecchiature con la mia station wagon. Adesso abbiamo anche il cardiologo, il fisioterapista, lo psicologo e l’otorinolaringoiatra. Non so se in Italia ci siano altre strutture simili, ma se esistono sono contento»
Contratto medici, sentenza Corte costituzionale: «Oneri contrattazione collettiva sono a carico delle regioni»
La Consulta ha respinto il ricorso del Veneto per l'assistenza in favore dell’autonomia degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali
A Milano la mostra Onda sulla persecuzione di malati psichici e disabili. Rizzi (Regione Lombardia): «Ricordare per non commettere più questi errori»
La rassegna dal titolo “Schedati, perseguitati e sterminati” allestita al Palazzo di Giustizia di Milano fino al 16 febbraio. Merzagora (Onda): «L’allestimento nella sede del Tribunale di Milano ha poi un profondo significato etico e morale: restituire giustizia a chi è stato perseguitato ingiustamente»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.248 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.768 mentre i morti sono 2.704. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...