Voci della Sanità 30 Marzo 2022 10:44

Ucraina, Cittadini (Aiop): «Assistenza a profughi e disponibilità ad assumere medici»

«Aiop si è già attivata per assicurare il supporto necessario a chi sta fuggendo dalla guerra, garantendo prestazioni sanitarie come vaccini, tamponi, visite mediche e assistenza specialistica e complessa» spiega la presidente Aiop Barbara Cittadini

«La disponibilità espressa a Bruxelles dal ministro della Salute, Roberto Speranza, ad ospitare e assistere i rifugiati ucraini è pienamente condivisa da Aiop, che si è già attivata per assicurare il supporto necessario a chi sta fuggendo dalla guerra, garantendo prestazioni sanitarie come vaccini, tamponi, visite mediche e assistenza specialistica e complessa». È quanto dichiara Barbara Cittadini, presidente di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, in merito alla riunione dei ministri della Salute Ue.

«Grazie alle misure introdotte con il decreto legge ‘Ucraina’ per contrastare gli effetti economici e umanitari del conflitto in atto – aggiunge – oltre a salvaguardare la sanità, intesa come uno degli assetti strategici del Paese, attraverso l’adozione di nuovi poteri speciali, si prevede un finanziamento aggiuntivo straordinario alle Regioni proprio per favorire l’assistenza sanitaria ai profughi. Il decreto, inoltre, riconosce le qualifiche professionali dei sanitari ucraini e per questo le strutture associate ad Aiop, che sono presenti in modo capillare sull’intero territorio italiano, sono pronte ad assumere i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari che provengono dall’Ucraina».

La Cittadini ricorda che Aiop ha già «avviato numerose iniziative, come ad esempio il sostegno all’attività della Croce Rossa e il trasporto di farmaci e presidi medici nei territori di confine agli scenari di guerra. Come componente di diritto privato del Servizio Sanitario Nazionale continuiamo a impegnarci con grande determinazione, per offrire un contributo valido e qualificato anche in questa drammatica crisi umanitaria. Siamo orgogliosi del nostro SSN, che, con il Dpcm firmato dal premier Mario Draghi permetterà ai profughi ucraini di ricevere la necessaria assistenza» conclude.

Articoli correlati
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN con risorse e progettualità carenti, ripartire da lezione pandemia»
La presidente nazionale Aiop, Associazione italiana ospedalità privata, è intervenuta nel corso del seminario di Salutequità, a Roma, dove è stata presentata la “Gap analysis per l'equità nel nuovo sistema di garanzia dei Lea”
Sanità, Cittadini (Aiop): «Prendiamo atto impegno Speranza su nuovo modello che superi tetti di spesa»
Secondo la presidente Aiop «il tetto di spesa introdotto con la Spending review del 2012 oltre a penalizzare il ruolo e il valore delle strutture sanitarie di diritto privato, ha depotenziato la programmazione delle Regioni e impoverito l’offerta sanitaria del SSN»
Sanità, Cittadini (Aiop): «Sui Lea superare l’impasse sul Tariffario garantendo la tenuta del sistema»
Secondo la presidente Aiop occorre trovare «una soluzione che consenta di rendere operativi i nuovi Lea, adottando un tariffario che tenga in considerazione i reali costi di una prestazione»
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
Costo energia, tetto di spesa e contratti: i nodi della sanità privata. Cittadini (AIOP): «Pandemia non ha insegnato nulla»
La presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata chiede di rivedere il tetto che blocca al 2011 la spesa per il privato accreditato. E poi si dice preoccupata per la diminuzione della spesa sanitaria sul PIL: «Con il PNRR costruiamo le Case di comunità ma poi come le gestiremo con una spesa sanitaria inferiore a quella pre-pandemia?»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali