Voci della Sanità 19 Novembre 2020 19:39

Tumori, alla Camera approvata risoluzione per Piano Oncologico Nazionale. FAVO: «Ora garantire screening»

La XII Commissione della Camera ha approvato all’unanimità la Risoluzione “Iniziative per la tutela e la cura dei pazienti con patologie oncologiche” presentata dal’On. Carnevali. Il Presidente FAVO Francesco De Lorenzo: «Serve strategia politica di ammodernamento e rilancio dell’oncologia italiana»

Il grido di allarme lanciato dalla Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia – FAVO lo scorso luglio in occasione dell’audizione promossa dalla Commissione Affari Sociali della Camera sulla situazione dei pazienti affetti da patologie oncologiche durante l’emergenza epidemiologica da COVID-19 è stato raccolta con grande senso di responsabilità istituzionale dalla Commissione che , ha approvato all’unanimità la Risoluzione presentata dall’On. Elena Carnevali un mese fa in occasione della XV Giornata Nazionale del Malato Oncologico. 

«La Risoluzione, “Iniziative per la tutela e la cura dei pazienti con patologie oncologiche” discussa e votata in tempi brevissimi, è stata approvata da tutti i partiti di maggioranza e opposizione. Tempistica e convergenze trasversali che confermano, ove fosse necessario, l’importanza del tema e l’urgenza di interventi immediati e concreti che impongono impegni governativi e legislativi anche in termini di sostenibilità economica del sistema» si legge in una nota della FAVO. 

Il Comitato Esecutivo di FAVO esprime apprezzamento e riconoscenza all’On. Carnevali e a tutti i membri della XII Commissione che, avendo compreso l’urgenza di rispondere ai bisogni degli oltre tre milioni e mezzo di malati oncologici italiani, resi ancora più pressanti dall’emergenza sanitaria in corso, hanno approvato all’unanimità questo atto parlamentare con il quale hanno segnato una svolta per assicurare nell’immediato futuro il rilancio dell’assistenza oncologica nel nostro Paese attraverso il necessario processo di innovazione tecnologica e organizzativa e l’indispensabile finanziamento per nuove infrastrutture, consentendo all’oncologia italiana di ritornare ai più alti livelli in Europa e nel mondo. 

«È necessario affrontare con urgenza – dichiara Francesco De Lorenzo Presidente FAVO – non solo misure urgenti di tamponamento rispetto alle difficoltà di accesso ai trattamenti terapeutici e di screening ritardati o sospesi a causa dell’epidemia in corso ma anche di strategia politica di ammodernamento e rilancio dell’oncologia italiana in linea con la prossima approvazione del piano oncologico europeo e delle tredici raccomandazioni della Mission on Cancer».  

«L’approvazione della Risoluzione – afferma Elisabetta Iannelli Segretario Generale FAVO – è un atto di grandissima rilevanza e che indica la via per un’assistenza al malato oncologico che possa essere al passo (veloce) dei tempi, un segnale rilevante che aiuta a ritrovare fiducia in questo SSN travolto dall’emergenza epidemica da Coronavirus e che rischia di non riuscire a garantire il diritto costituzionale alla salute per i malati di patologie gravi NON Covid». 

La Risoluzione impegna il Governo ad approvare un nuovo Piano Oncologico Nazionale (l’attuale è scaduto nel 2016) in linea con le direttive europee, a riprendere gli screening oncologici, ad emanare provvedimenti che rendano possibile una riorganizzazione sistemica della presa in carico dei malati in Italia garantendo l’accesso agli esami diagnostici ed alle terapie antitumorali superando le inaccettabili disparità territoriali, a sviluppare la sanità digitale e l’utilizzo dei più innovativi strumenti di diagnosi, anche genetica, e cura dei tumori. Tali necessità e urgenze sono rese ancora più evidenti in questo difficile periodo di pandemia, in cui i ritardi e gli ostacoli che gravano sull’assistenza oncologica in tutto il territorio nazionale rischiano di provocare gravissime conseguenze in termini di diagnosi tardive e di aumento della mortalità per cancro come effetto mediato ed indiretto del Covid. 

La Risoluzione impegna il Governo a prendere provvedimenti in ambiti strategici per la riorganizzazione strutturale dell’oncologia in Italia. Tra questi:  

la piena attuazione del Piano oncologico nazionale;

la promozione delle reti oncologiche regionali e il loro coordinamento a livello nazionale; 

il potenziamento dell’accesso all’assistenza domiciliare/territoriale in ogni regione l’istituzione di un tavolo tecnico interistituzionale per l’adozione di linee di indirizzo per la telemedicina e per gli altri servizi della sanità digitale; 

il rinnovamento e la modernizzazione della dotazione strumentale e tecnologica per gli screening diagnostici, per le attività chirurgiche e per la radioterapia. 

Articoli correlati
Iannelli (FAVO): «Reddito di ultima istanza Covid riconosciuto ai lavoratori autonomi e liberi professionisti invalidi»
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
Tumori, Iannelli (FAVO): «Urgente l’approvazione del Piano oncologico». E al ministero della Salute parte il tavolo ad hoc
Il XIII Rapporto della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia sulla condizione assistenziale dei malati oncologici segnala un generale passo indietro rispetto agli anni passati
Tumori, crollo di screening, visite e interventi nel 2020. FAVO: «Subito Piano oncologico nazionale da inserire in PNRR»
Secondo i dati AGENAS emerge nel 2020 la diminuzione di circa il 30% dei volumi dei tre screening e una diminuzione consistente degli interventi. De Lorenzo: «Covid-19 uno tsunami per i malati di cancro, occorre progettualità complessiva da inserire nel Recovery Plan»
Tumori, Lega presenta mozione alla Camera: «Sostenere Piano oncologico europeo e Piano Samira. Usare fondi del Next Generation»
Il testo è a prima firma della deputata Vanessa Cattoi: «Su temi come questi, ci aspettiamo tempi rapidi e massima condivisione in Parlamento. Non dimentichiamoci che, accanto alla pandemia, oggi in Italia convivono con il cancro 3,6 milioni di persone»
Dl Sostegni, FAVO, AIL e UNIAMO: «Soddisfazione per tutela dei lavoratori fragili»
Le associazioni plaudono alle misure contenute nell'ultimo decreto che, tra le altre cose, chiarisce espressamente che i periodi di assenza dal servizio dei lavoratori fragili, giustificati dalla necessità di prevenire il rischio di contagio da Covid-19, non sono computabili nel periodo di comporto,
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva