Voci della Sanità 10 Giugno 2019 14:56

Tromboembolismo venoso, ad Assisi Simedet e Usl Umbria 1 a confronto sul trattamento della patologia

Al centro del covegno i nuovi farmaci e il calcolo del rischio per garantire ai pazienti il miglior trattamento possibile durante la fase di emergenza. Sono stati esaminati anche l’utilizzo corretto dei farmaci anticoagulanti e la gestione adeguata dei pazienti in trattamento

Le ultime linee guida nella gestione del paziente affetto da tromboembolismo venoso in Medicina Interna e d’Urgenza sono state al centro di un incontro formativo organizzato dalla Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica e dal Centro Formazione della Usl Umbria 1, l’8 giugno ad Assisi, durante il quale sono stati esaminati anche l’utilizzo corretto dei farmaci anticoagulanti e la gestione adeguata dei pazienti in trattamento.

In particolare, anche a seguito dell’introduzione di numerosi farmaci anticoagulanti per il trattamento del tromboembolismo venoso (TEV) nonché delle nuove conoscenze in ambito di diagnosi e terapia, si è evidenziata la necessità di un adeguamento delle conoscenze relative alle caratteristiche farmacologiche delle molecole e delle necessità sanitarie dei pazienti.

In questi ultimi anni, infatti, si è osservato un aumento delle complessità relative alle diverse tipologie di pazienti, derivanti dall’aumento dell’età, dalla coesistenza di numerose comorbosità, dalla presenza di trattamenti farmacologici multipli. Si tratta di fattori che rendono i pazienti estremamente complessi, e le decisioni cliniche e terapeutiche devono necessariamente prendere in considerazione i numerosi aspetti e non solo la patologia.

LEGGI ANCHE: TROMBOEMOBOLISMO VENOSO (TEV), E’ ITALIANO LO STUDIO “TEVere score” CHE AIUTERA? I MEDICI D’URGENZA NELLA SCELTA DELLA PROFILASSI

All’incontro sono intervenuti esperti di rilievo come il dottor Adriano Murrone, direttore di Cardiologia Città di Castello, il dottor Paolo Diego L’Angiocola, attualmente a Gorizia dopo un periodo formativo a Londra, il Presidente di SIMEDET Fernando Capuano e il direttore della centrale operativa 118 Umbria dottor Francesco Borgognoni. Il dottor Manuel Monti, responsabile facente funzione della Medicina all’ospedale di Assisi e vicepresidente nazionale SIMEDET, ha presentato nella sua relazione una ricerca che ha permesso la creazione di un calcolo del rischio ad hoc riguardo la tromboprofilassi: il TEVere score. Si tratta del primo score validato per i pazienti ricoverati in medicina d’urgenza ed in Pronto Soccorso che ha permesso, sin dal suo primo utilizzo, la riduzione dei pazienti risultati “falsi negativi” che non venivano trattati perché scambiati, per gli altri score, in pazienti che non necessitavano di tromboprofilassi.

«È ormai evidente che un moderno approccio riguardo la patologia troboembolitica – ha dichiarato il dottor Monti – necessita di una visione multidisciplinare che permetta di valutare la patologia nella sua completezza. Per questo motivo l’incontro di sabato è stato molto interessante avendo messo insieme i responsabili delle medicine interne della Usl Umbria 1 assieme ai medici d’urgenza e a tutti gli altri specialisti che partecipano alla gestione della malattia tromboembolitica. Inoltre, ha fornito l’occasione per presentare uno studio italiano che per la prima volta stratifica il rischio tromboembolitico nei pazienti ricoverati in medicina d’urgenza. Con l’introduzione di questo nuovo score, il TEVere score, anche i pazienti ricoverati nei reparti di medicina d’urgenza possono avere finalmente un’idonea stratificazione del rischio ed iniziare in tempi precoci la profilassi trombotica».

«La Simedet é presente qui per esaltare il ruolo dell’approccio multidisciplinare e multiprofessionale che nel Tromboembolismo venoso ha ridotto le complicanze e i decessi. Il lavoro in team del laboratorista, dell’internista, imaging e assistenza, hanno migliorato l’outcome», sottolinea il presidente della Simedet Fernando Capuano.

Articoli correlati
“La sanità digitale come strumento di prevenzione del rischio clinico”: esperti a confronto al Santo Spirito
Nel convegno promosso dall'Asl Roma 1 si parlerà di e-health e di tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) necessarie per far funzionare il sistema sanitario in sicurezza e qualità, riducendo i rischi collegati ai processi sempre più complessi ed interprofessionali.
“La riforma della sanità post-pandemia”, al centro del convegno Cisl-Simedet anche il nuovo Piano sanitario umbro
«La sanità digitale con la piattaforma nazionale e regionale ci consentirà di conoscere meglio le domande di salute dei pazienti cronici e ridurrà gli accessi inappropriati ai Pronto soccorso» ha spiegato il presidente della Simedet Fernando Capuano
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Innovazione, riforma SSN e PNRR, Cisl Medici Umbria e Simedet ne parlano a Perugia
All'incontro, organizzato dallo CISL Medici Umbria, interverranno fra gli altri l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto 
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola