Voci della Sanità 10 Giugno 2019 14:56

Tromboembolismo venoso, ad Assisi Simedet e Usl Umbria 1 a confronto sul trattamento della patologia

Al centro del covegno i nuovi farmaci e il calcolo del rischio per garantire ai pazienti il miglior trattamento possibile durante la fase di emergenza. Sono stati esaminati anche l’utilizzo corretto dei farmaci anticoagulanti e la gestione adeguata dei pazienti in trattamento

Le ultime linee guida nella gestione del paziente affetto da tromboembolismo venoso in Medicina Interna e d’Urgenza sono state al centro di un incontro formativo organizzato dalla Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica e dal Centro Formazione della Usl Umbria 1, l’8 giugno ad Assisi, durante il quale sono stati esaminati anche l’utilizzo corretto dei farmaci anticoagulanti e la gestione adeguata dei pazienti in trattamento.

In particolare, anche a seguito dell’introduzione di numerosi farmaci anticoagulanti per il trattamento del tromboembolismo venoso (TEV) nonché delle nuove conoscenze in ambito di diagnosi e terapia, si è evidenziata la necessità di un adeguamento delle conoscenze relative alle caratteristiche farmacologiche delle molecole e delle necessità sanitarie dei pazienti.

In questi ultimi anni, infatti, si è osservato un aumento delle complessità relative alle diverse tipologie di pazienti, derivanti dall’aumento dell’età, dalla coesistenza di numerose comorbosità, dalla presenza di trattamenti farmacologici multipli. Si tratta di fattori che rendono i pazienti estremamente complessi, e le decisioni cliniche e terapeutiche devono necessariamente prendere in considerazione i numerosi aspetti e non solo la patologia.

LEGGI ANCHE: TROMBOEMOBOLISMO VENOSO (TEV), E’ ITALIANO LO STUDIO “TEVere score” CHE AIUTERA? I MEDICI D’URGENZA NELLA SCELTA DELLA PROFILASSI

All’incontro sono intervenuti esperti di rilievo come il dottor Adriano Murrone, direttore di Cardiologia Città di Castello, il dottor Paolo Diego L’Angiocola, attualmente a Gorizia dopo un periodo formativo a Londra, il Presidente di SIMEDET Fernando Capuano e il direttore della centrale operativa 118 Umbria dottor Francesco Borgognoni. Il dottor Manuel Monti, responsabile facente funzione della Medicina all’ospedale di Assisi e vicepresidente nazionale SIMEDET, ha presentato nella sua relazione una ricerca che ha permesso la creazione di un calcolo del rischio ad hoc riguardo la tromboprofilassi: il TEVere score. Si tratta del primo score validato per i pazienti ricoverati in medicina d’urgenza ed in Pronto Soccorso che ha permesso, sin dal suo primo utilizzo, la riduzione dei pazienti risultati “falsi negativi” che non venivano trattati perché scambiati, per gli altri score, in pazienti che non necessitavano di tromboprofilassi.

«È ormai evidente che un moderno approccio riguardo la patologia troboembolitica – ha dichiarato il dottor Monti – necessita di una visione multidisciplinare che permetta di valutare la patologia nella sua completezza. Per questo motivo l’incontro di sabato è stato molto interessante avendo messo insieme i responsabili delle medicine interne della Usl Umbria 1 assieme ai medici d’urgenza e a tutti gli altri specialisti che partecipano alla gestione della malattia tromboembolitica. Inoltre, ha fornito l’occasione per presentare uno studio italiano che per la prima volta stratifica il rischio tromboembolitico nei pazienti ricoverati in medicina d’urgenza. Con l’introduzione di questo nuovo score, il TEVere score, anche i pazienti ricoverati nei reparti di medicina d’urgenza possono avere finalmente un’idonea stratificazione del rischio ed iniziare in tempi precoci la profilassi trombotica».

«La Simedet é presente qui per esaltare il ruolo dell’approccio multidisciplinare e multiprofessionale che nel Tromboembolismo venoso ha ridotto le complicanze e i decessi. Il lavoro in team del laboratorista, dell’internista, imaging e assistenza, hanno migliorato l’outcome», sottolinea il presidente della Simedet Fernando Capuano.

Articoli correlati
La Simedet lancia la “Guida pratica al Covid 19 delle professioni sanitarie”. Prefazione del Ministro Speranza
«Un lavoro enorme che ha coinvolto decine di professionisti di ogni parte d'Italia e che ci permette di avere una risposta basata sulle attuali conoscenze ma pratica e utile per tutti gli operatori» spiega una nota della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Congresso Simedet, ad Assisi il 18 e 19 giugno per parlare di “spirito critico” e terapie innovative
Il II Congresso Nazionale della Simedet avrà il Patrocinio Istituzionale della Conferenza permanente Stato Regioni e delle province autonome, della Regione Umbria, della Città di Assisi e degli Ordini delle Professioni Sanitarie
La sanità del futuro sarà basata su “Multidisciplinarietà e Buone pratiche”. L’iniziativa di Simedet e Careggi
Videoconferenza Nazionale FAD ECM promossa dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi in collaborazione con la Simedet il 19 maggio
Burnout tra il personale sanitario, Marchetti (Simedet): «Attivare strumenti per rispondere a richieste di aiuto»
«Le tecniche di psicologia dell’emergenza di defusing e debriefing, sono applicabili a distanza e permettono di supportare gli operatori sanitari idealmente in qualsiasi momento» sottolinea Roberto Marchetti, psicologo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio
Covid-19, l’importanza delle buone pratiche in Sanità nella partnership tra Simedet e Forum Risk Management
Il webinar si terrà il prossimo 27 maggio dalle ore 14.30 alle 18.30. Il Presidente della Simedet Capuano: «L'obiettivo del corso è quello di fornire un valido contributo esperienziale di tutte le Professioni Sanitarie e del loro capitale umano della nostra Sanità Pubblica e privata accreditata che da mesi fronteggia una vera e propria emergenza sanitaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...