Voci della Sanità 21 Gennaio 2019 18:45

TransEnterix, Senhance il volano per la crescita nel 2018

Senhance, il sistema di laparoscopia digitale nato e fabbricato in Italia, si è rivelato il dispositivo di punta nell’anno 2018 di TransEnterix, società statunitense, attiva nel campo dei dispositivi medici di ultima generazione. «Il 2018 – commenta Todd M. Pope, presidente e CEO di TransEnterix – è stato un anno significativo per TransEnterix. Abbiamo visto un incremento significativo nella commercializzazione di Senhance e progredito […]

Senhance, il sistema di laparoscopia digitale nato e fabbricato in Italia, si è rivelato il dispositivo di punta nell’anno 2018 di TransEnterix, società statunitense, attiva nel campo dei dispositivi medici di ultima generazione.

«Il 2018 – commenta Todd M. Pope, presidente e CEO di TransEnterix – è stato un anno significativo per TransEnterix. Abbiamo visto un incremento significativo nella commercializzazione di Senhance e progredito ulteriormente nell’espansione dell’adozione dello stesso da un numero sempre maggiore di chirurghi e ospedali su territorio nazionale e internazionale. Consideriamo il 2019 come un’opportunità per sfruttare gli enormi progressi compiuti nel 2018 e portare i benefici di Senhance a un numero crescente di pazienti, medici e strutture ospedaliere».

Nel corso del 2018 sono 15 i sistemi per la laparoscopia digitale made in Italy che TranEnterix ha venduto in tutto il mondo. Il fatturato totale del 2018 dovrebbe ammontare a circa 24,0 milioni di dollari, con un incremento del 238% rispetto all’anno precedente.

Tra gli eventi rilevanti del 2018 si annovera anche l’acquisizione, avvenuta lo scorso ottobre, di tutti gli asset di MST Medical Surgery Technologies Ltd, società israeliana del settore medicale e leader nel campo della tecnologia chirurgica, che ha sviluppato una piattaforma di analisi delle immagini basata su software per la visualizzazione avanzata, il riconoscimento delle scene, l’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico e l’analisi dei dati. L’acquisizione permette a Transenterix di potenziare ulteriormente Senhance, aumentando il controllo nell’ambiente operatorio e riducendo la variabilità chirurgica.

Il 2018 è stato un anno importante anche per la crescita del portafoglio strumenti. L’azienda ha ricevuto il marchio CE per il sistema Senhance Ultrasonic, recentemente approvato anche dalla FDA. A ottobre, l’azienda ha ricevuto l’autorizzazione FDA 510(k) per il set ampliato di strumenti, compresi gli strumenti da 3 mm di diametro. L’uso combinato del sistema di laparoscopia digitale e il portfolio 3 mm consentirà lo svolgimento di interventi micro-laparoscopici ultra mini-invasivi, i chirurghi saranno così in grado di operare attraverso piccole incisioni considerate praticamente prive di cicatrici per i pazienti, con tutti i benefici che da questo ne conseguirà. Transenterix ha ricevuto il marchio CE per gli strumenti articolati di 5 mm di diametro nel corso del quarto trimestre 2018 e ha presentato domanda di autorizzazione FDA 510(k).

Con il 2018 si è concluso il primo biennio di attività svolte dal Senhance Customer Experience Center di Milano, showroom e centro di formazione per la clientela internazionale. Bilancio più che positivo per le attività di formazione svolte nell’unico centro che la società statunitense ha aperto in Europa. Oltre 200 i chirurghi provenienti da tutto il mondo che sono stati formati nel polo italiano all’uso di Senhance e dei suoi strumenti.

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, A MILANO LA FORMAZIONE È MONDIALE GRAZIE AL SENHANCE CUSTOMER EXPERIENCE CENTER

Articoli correlati
La chirurgia robotica per protesi compie 10 anni
Piergiuseppe Perazzini, primo chirurgo ad aver portato la tecnica in Italia: «Era il 27 gennaio 2011 e il primo intervento venne fatto al ginocchio. In dieci anni abbiamo prodotto numeri, perfezionato tecnologie e permesso di raggiungere traguardi importanti. Il futuro? Adottare questa tecnica per tutte le articolazioni umane»
di Federica Bosco
Chirurgia robotica, all’Hesperia di Modena asportato un tumore alla vescica in collegamento con gli Usa
Il professor Ferrari, direttore del dipartimento di Urologia, elogia il robot Da Vinci ma avverte gli studenti: «Non dimenticate il fattore umano»
di Federica Bosco
Scuola di chirurgia robotica, al via il primo corso dell’Università Statale all’Ospedale San Paolo di Milano
Il professor Paolo Pietro Bianchi direttore della Chirurgia 1: «Precisione e sicurezza con un sistema a doppia consolle, molto simile a quello delle scuole guida. Il chirurgo senior è in grado di bloccare o attivare gli strumenti che il chirurgo più giovane sta utilizzando in ogni momento dell’intervento»
di Federica Bosco
Roma, all’Umberto I arriva il robot Da Vinci. Gaudio (Rettore Sapienza): «Permette l’applicazione delle tecnologie più avanzate»
Presentato oggi al Policlinico Umberto I di Roma il robot Da Vinci, strumento avanzato nell'ambito della chirurgia mininvasiva, già attivo da qualche mese con 120 interventi di chirurgia urologica già eseguiti, finanziato dalla Fondazione Roma
di Lucia Oggianu
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...