Voci della Sanità 28 Luglio 2021 16:05

Tirocini professionalizzanti, Fp Cgil Medici Lombardia: «Inaccettabile mettere allo sbaraglio i futuri MMG»

Il sindacato boccia il documento di Polis Lombardia e chiede un confronto urgente

«Come FP Cgil Medici Regionale chiediamo a Polis Lombardia di rivedere il documento approvato lo scorso 15 luglio sul tirocinio professionalizzante relativamente al corso triennale di formazione specifica in medicina generale».

«Siamo consapevoli – si legge nella nota del sindacato – della necessità di adottare misure eccezionali per tamponare la gravissima carenza di medici di medicina generale (mmg), causata da annose scelte miopi, tra cui l’insufficiente numero di borse di studio programmate dal governo, ma è con responsabilità che osserviamo come il documento di Polis aggiunga altre criticità. Cuore della formazione specifica di un medico di base è il tirocinio pratico di affiancamento. Fondamentale per capire concretamente il ruolo, la professione. Abolirlo ora – spiega il sndacato – con un periodo obbligatorio di gestione in proprio di un ambulatorio stravolge il senso stesso del corso. E lo stravolge, per di più, con affermazioni minatorie, quali il divieto di assumere altri incarichi professionali (legittimi e meno onerosi anche in termini temporali, come le sostituzioni brevi di medici di medicina generale o in continuità assistenziale), e fino a mettere addirittura in questione la stessa partecipazione al corso!».

«Chi si è iscritto al corso di formazione vuole imparare a fare il medico di medicina generale praticando nell’ambulatorio del mmg tutor e non essere costretto a lavorare da solo per 1-3 anni, peraltro sottopagato rispetto a un collega titolare. Obbligare una/un corsista a convenzionarsi – prosegue il sindacato – prima di aver concluso il triennio formativo non solo è in deroga all’Accordo collettivo nazionale (e cambia le regole di ingaggio con chi è già iscritto al corso, imponendo oneri e costi non preventivati) ma significa non tenere conto che, in particolare tra i neolaureati, non tutti sono oggettivamente in grado di assumersi una tale responsabilità. A differenza di quanto accade ai medici delle scuole di specializzazione, supportati in ogni referto dalla controfirma di un collega strutturato, su cui ricade l’intera responsabilità medico-legale, qui ai tirocinanti si accollano prematuri oneri prescrittivi».

«Va poi verificata – continua – sul piano della legittimità, l’ipotesi di alzare a 1000 persone il massimale di assistibili. Se mezza giornata in ambulatorio è il tempo minimo per assistere adeguatamente mille pazienti, nell’altra mezza si devono poter incastrare la frequenza obbligatoria al corso nei reparti ospedalieri, le visite domiciliari e ogni altra incombenza. Evidenti, a nostro avviso, in condizioni simili, i rischi medico-legali in cui le/i tirocinanti potrebbero incorrere. Per non dire dei possibili rischi per le cittadine e i cittadini pazienti».

«Inoltre c’è un problema di prospettiva della medicina territoriale. Le carenze di medici di medicina generale in tante aree non potranno essere colmate che a tempo determinato da questi tirocini professionalizzanti, stanti due obblighi susseguenti: quello del corsista a gestire un ambulatorio nell’ambito di frequenza del corso e quello del medico di base ad esercitare dove ha la residenza. Altre sono le strade da prendere. La Fp Cgil Medici chiede da decenni, ad esempio, di elevare al rango universitario con diploma di specializzazione il corso di formazione per mmg».

«Nel frattempo – conclude – si stabilizzino finalmente le molte centinaia di medici che da sempre reggono, da precarie e precari, il settore della continuità assistenziale. Molti di loro le hanno dedicato l’intera vita lavorativa, acquisendo titoli in esperienza che potrebbero essere equiparati a quelli del corso di formazione. Queste professionalità sono una risorsa che è poco saggio ignorare, potendo indubbiamente portare una vitale carica di ossigeno alla asfittica condizione delle cure primarie, sopperendo in buona parte alle attuali carenze, in attesa che nuove leve crescano».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Carenza medici di famiglia, la Lombardia preme sul Governo per avere più borse di studio per MMG
Monti (presidente Commissione Sanità): «Dialogo aperto con il Ministro Messa. In Consiglio regionale approvata la delibera per aumentare il numero dei pazienti di medici in formazione»
di Federica Bosco
Mmg minacciati per le esenzioni dal vaccino, cosa si rischia e cosa si può fare
Sono sempre più i medici di famiglia che ricevono via PEC dai propri assistiti richieste di prescrivere esami specifici finalizzati a evitare il vaccino, pena ripercussioni legali. Ma come comportarsi in questi casi? Ne parliamo con il segretario Fimmg Silvestro Scotti
Medici e scuole di specializzazione, Binetti: «Una sinergia tra tre numeri per evitare cervelli in fuga»
La senatrice dell'Udc spiega quale dovrebbe essere, dal suo punto di vista, uno dei perni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per quanto riguarda l’ambito della salute
L’annuncio di Speranza: «Con PNRR 900 borse di formazione MMG in più. Asciugare più possibile imbuto formativo»
Il titolare della Salute è stato ospite dell'evento “Pnrr e sanità: un'opportunità di sviluppo o un'occasione persa?” promosso da Fratelli d'Italia. La campagna vaccinale procede con numeri alti: «Oggi supereremo 59 milioni di dosi somministrate e abbiamo una media quotidiana di oltre 530mila dosi al giorno. Gli over 80 sono ormai oltre al 90% protetti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco