Voci della Sanità 22 Giugno 2020 09:57

Stati Generali, Gazzi (CNOAS): «Servono investimenti di prospettiva, disagio sociale non si cancella in qualche mese»

Il presidente degli Assistenti sociali agli Stati Generali ha portato un documento con le proposte del CNOAS

«Davanti al Governo, dal presidente Conte, a ministri, vice ministri e sottosegretari abbiamo portato i bisogni e le speranze dei “figli di un dio minore” ai quali cerchiamo di dare risposte con il nostro lavoro quotidiano. La nostra presenza agli Stati Generali, dopo quella del 2 Giugno all’Altare della Patria, è il riconoscimento di un impegno e di una professione sempre in prima linea e fondamentale per la tenuta del Paese, ancor più in momenti drammatici come quelli che abbiamo vissuto – e purtroppo viviamo ancora – a causa del Covid-19». Così il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi, dopo la partecipazione agli Stati Generali di Villa Pamphili.
«Ci sono persone che stanno ancora aspettando la riapertura dei servizi territoriali e l’unica possibilità è organizzare uffici e persone in modo da dare continuità a “cure” che non sono sanitarie, ma senza le quali c’è chi vive al di sotto di qualsiasi livello di dignità – continua -. Da 20 anni aspettiamo non soltanto i livelli essenziali delle prestazioni, ma le garanzie di diritti sociali negati a bambini e famiglie in difficoltà, persone con disabilità, anziani soli…Senza l’integrazione socio sanitaria tutto ciò non è possibile e nulla potrà essere fatto se si continuerà lavorare nell’emergenza e nella precarietà. I decreti in approvazione segnano dei passi avanti, ma l’investimento  deve essere di prospettiva perché le carenze strutturali si sono aggravate e perché non si può credere nel welfare a tempo determinato. E il disagio sociale non si cancella in qualche mese, ma si cura con costanza».

«Ci hanno ascoltati in tanti: la ministra Azzolina, i ministri Gualtieri, Patuanelli, Speranza che torniamo a ringraziare per averci coinvolti fin dal suo arrivo alla Salute, – il viceministro Sileri e la sottosegretaria Zampa. Abbiamo portato un nostro documento che non è un libro dei sogni – conclude –   ma una traccia minima senza la quale non si potrà davvero dire di voler cambiare strada».

Articoli correlati
Assistenti sociali, Gazzi (CNOAS): «Incontro col ministro Schillaci. Al lavoro su DM77, anziani, disabilità»
Il presidente degli Assistenti sociali assicura: "Pronti a collaborare con il nuovo ministro della Salute"
Servizi sociali, Gazzi (CNOAS): «Inaccettabile che ci siano Comuni che spendono un euro per il sociale»
Il presidente degli Assistenti sociali, Gianmario Gazzi, commenta il Rapporto Cnel
Diritti, opportunità, tutela degli esclusi: gli Assistenti sociali scrivono alla politica in vista delle elezioni
Il CNOAS invia un documento ai partiti in vista del 25 settembre: «A fianco delle persone fragili, chiunque vinca»
Welfare, Gazzi (CNOAS): «Bene Orlando su assunzioni Assistenti sociali»
Il presidente dell’Ordine ribadisce: «Mantenere gli impegni presi con la parte più vulnerabile del Paese»
“Il sociale e la crisi del Covid-19”, agli European Social Services Awards premiato studio degli assistenti sociali italiani
La ricerca si è basata su un sondaggio a cui hanno risposto 20mila assistenti sociali, un gruppo di 30 esperti e sei comunità virtuali.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni