Voci della Sanità 22 Giugno 2020

Stati Generali, Gazzi (CNOAS): «Servono investimenti di prospettiva, disagio sociale non si cancella in qualche mese»

Il presidente degli Assistenti sociali agli Stati Generali ha portato un documento con le proposte del CNOAS

«Davanti al Governo, dal presidente Conte, a ministri, vice ministri e sottosegretari abbiamo portato i bisogni e le speranze dei “figli di un dio minore” ai quali cerchiamo di dare risposte con il nostro lavoro quotidiano. La nostra presenza agli Stati Generali, dopo quella del 2 Giugno all’Altare della Patria, è il riconoscimento di un impegno e di una professione sempre in prima linea e fondamentale per la tenuta del Paese, ancor più in momenti drammatici come quelli che abbiamo vissuto – e purtroppo viviamo ancora – a causa del Covid-19». Così il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi, dopo la partecipazione agli Stati Generali di Villa Pamphili.
«Ci sono persone che stanno ancora aspettando la riapertura dei servizi territoriali e l’unica possibilità è organizzare uffici e persone in modo da dare continuità a “cure” che non sono sanitarie, ma senza le quali c’è chi vive al di sotto di qualsiasi livello di dignità – continua -. Da 20 anni aspettiamo non soltanto i livelli essenziali delle prestazioni, ma le garanzie di diritti sociali negati a bambini e famiglie in difficoltà, persone con disabilità, anziani soli…Senza l’integrazione socio sanitaria tutto ciò non è possibile e nulla potrà essere fatto se si continuerà lavorare nell’emergenza e nella precarietà. I decreti in approvazione segnano dei passi avanti, ma l’investimento  deve essere di prospettiva perché le carenze strutturali si sono aggravate e perché non si può credere nel welfare a tempo determinato. E il disagio sociale non si cancella in qualche mese, ma si cura con costanza».

«Ci hanno ascoltati in tanti: la ministra Azzolina, i ministri Gualtieri, Patuanelli, Speranza che torniamo a ringraziare per averci coinvolti fin dal suo arrivo alla Salute, – il viceministro Sileri e la sottosegretaria Zampa. Abbiamo portato un nostro documento che non è un libro dei sogni – conclude –   ma una traccia minima senza la quale non si potrà davvero dire di voler cambiare strada».

Articoli correlati
Manovra, Gazzi (CNOAS): «Negli emendamenti la consapevolezza dei bisogni degli ultimi»
Gli assistenti sociali: «Bene rafforzamento dei servizi territoriali, Usca e riduzione del precariato. Ora i fatti»
Manovra, Gazzi (CNOAS): «Legge di Bilancio priva di visione. Territorio e assistenza domiciliare dove sono?»»
Gli assistenti sociali bocciano la Legge di Bilancio: «Nessuna indicazione sulle emergenze aggravate dalla pandemia, bonus senza visione»
Covid-19, storie dal primo lockdown: gli Assistenti Sociali le raccontano in una raccolta
Quei giorni tra ospedali, Rsa, minori, anziani soli, persone disabili, emarginati… 
Assistenti Sociali, 20 anni dalla Legge 328. Gazzi (CNOAS): «Non serviva pandemia per capire importanza assistenza domiciliare ed educativa»
Gli Assistenti sociali a 20 anni dalla legge: integrazione socio-sanitaria non più rimandabile. Saremo i grilli parlanti per chi decide oggi e deciderà domani 
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli