Voci della Sanità 30 Dicembre 2021 13:05

«Sospendete i brevetti per vaccinare il mondo e fatelo in fretta!»

«Ancora numeri in crescita da paura, di morti, di contagi, di ricoveri, di tasso di positività, di sofferenze inaudite qui e nel resto d’Europa: che altro deve accadere per dimostrare che occorre fare in fretta, correre più veloci del Covid e delle sue infinite varianti? C’è un unico modo: sospendere subito i brevetti dei vaccini […]

«Ancora numeri in crescita da paura, di morti, di contagi, di ricoveri, di tasso di positività, di sofferenze inaudite qui e nel resto d’Europa: che altro deve accadere per dimostrare che occorre fare in fretta, correre più veloci del Covid e delle sue infinite varianti? C’è un unico modo: sospendere subito i brevetti dei vaccini e liberalizzarne la produzione a livello planetario e vaccinare il mondo, quel mondo che non arriva neanche al 2% di vaccinazioni come la Nigeria e l’Etiopia! E’ un coro universale, assordante, ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, ma noi non ci fermeremo!». È questo il messaggio di Vittorio Agnoletto, medico e coordinatore della Campagna Europea Right2cure No Profit on Pandemic.

«Le cifre galoppano e sono sotto gli occhi di tutti – ha sottolineato Vittorio Agnoletto- ma a che serve parlare di Tsunami, come fa Macron, se poi non si agisce nell’unico modo possibile? Non serve continuare a fare “la conta”, intrappolati nella impossibilità di conciliare la necessità della cura e della prevenzione con la stabilità del sistema economico gravemente compromessa. Lo ripetiamo ancora una volta: occorre applicare subito quanto previsto dallo stesso atto fondativo dell’Organizzazione Mondiale del Commercio – WTO, che prevede la possibilità di sospendere temporaneamente le regole sui brevetti previsti dagli accordi TRIPs del 1994 in caso di gravi emergenze mondiali».

Che cosa si aspetta? 5.420.000 di morti “certificati” e 285 milioni di casi sono una ragion sufficiente affinché i potenti della terra e Big Pharma decidano la sospensione; anche perché, come si è visto, non si risolve certo il problema con qualche centinaio di milioni di dosi di vaccino “regalate”, o meglio promesse e arrivate solo in parte!”

Nella battaglia mondiale per la sospensione dei brevetti dei vaccini e dei kit anti Covid c’è stato uno stop malaugurato con il rinvio sine die, il 30 novembre scorso, della   riunione interministeriale e del Consiglio Generale del WTO, che andrebbe invece immediatamente riconvocato perché tale urgente decisione potrebbe benissimo essere assunta anche online.

«Il silenzio della Commissione UE e del Governo italiano – conclude – di fronte alle reiterate richieste di centinaia di Paesi, organizzazioni, personalità, fra le quali anche Papa Francesco, lascia stupefatti. Occorre fare presto, prima che il sistema economico mondiale collassi: l’avvertimento di alcuni economisti, tra i quali il prof. Tito Boeri e Antonio Spilimbergo del Fondo Monetario Internazionale è chiarissimo: una nuova variante costerà 4.500 miliardi di dollari a livello mondiale e a 1.000 miliardi di dollari per i Paesi cosiddetti ricchi: per vaccinare il mondo basterebbero, per eccesso, 100 miliardi di dollari: attendere ancora sarebbe una colpevole e grave responsabilità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre