Voci della Sanità 28 Luglio 2020 09:51

Simedet, l’immunologo Giuseppe Luzi nuovo responsabile Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine

Luzi è autore di oltre 200 lavori su riviste internazionali e italiane, libri e saggi nel settore delle patologie del sistema immunitario e dei deficit immunitari congeniti e acquisiti (AIDS e sindromi correlate), con ricerche in particolare nell’ambito della regolazione della risposta immunitaria e della sintesi degli anticorpi

Nuova prestigiosa adesione per la SIMEDET, la Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica. Il nuovo responsabile dell’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine, la rivista della SIMEDET, è il professor Giuseppe Luzi, specialista in Allergologia–Immunologia clinica, Malattie infettive, Oncologia e Medicina di laboratorio.

Luzi è professore associato confermato in Medicina interna presso la Sapienza – Università di Roma. Fellowship (1983–1984) presso la UAB (University of Alabama in Birmingham — USA), autore di oltre 200 lavori su riviste internazionali e italiane, libri e saggi nel settore delle patologie del sistema immunitario e dei deficit immunitari congeniti e acquisiti (AIDS e sindromi correlate), con ricerche in particolare nell’ambito della regolazione della risposta immunitaria e della sintesi degli anticorpi.

«Grazie all’arrivo del professor Luzi – si legge in una nota della Simedet – l’organo ufficiale della SIMEDET si arricchisce di un altro fondamentale tassello che permetterà di sviluppare un percorso che punta a costruire una solida posizione della rivista all’interno del panorama della letteratura medico-scientifica internazionale oltre a diventare un agorà tra tutti i professionisti sanitari dove discutere idee innovative, tra esperti internazionali».

La SIMEDET, che ha visto tra i suoi iscritti anche personalità di grande rilievo come l’immunologo Fernando Aiuti, continua nel suo lavoro per la promozione e diffusione della visione ed organizzazione per modelli multidisciplinari ed interprofessionali in Sanità, da sempre tra le priorità del Presidente Fernando Capuano.

Articoli correlati
Simedet pubblica aggiornamento 2022 alla Guida Pratica al Covid-19 per le professioni sanitarie
Tra i messaggi di sostegno quelli del Ministro della Salute Roberto Speranza e del Direttore scientifico di Consulcesi Guido Rasi
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
Formazione, digitalizzazione e continuità ospedale-territorio: a Tor Vergata le ricette per la sanità del futuro
Nell’evento preparatorio del prossimo Forum Risk Managment dal titolo “PNRR e gestione del rischio in sanità” i principali attori della sanità a confronto
di Francesco Torre
Malattie trasmissibili, i diversi ruoli dell’Igienista dentale  
L’argomento è stato oggetto di un convegno organizzato da UNID (Unione Nazionale Igienisti Dentali) a Roma. Ribadito il prezioso contributo della figura professionale nel promuovere salute partendo dalla prevenzione delle patologie del cavo orale
Congresso Simedet, formazione continua e Pnrr per contrastare minacce come pandemia e guerra in Ucraina
Capuano (Pres. Simedet): «Esperienza pandemica, ma anche ciò che riguarda la biosicurezza e i nuovi pericoli reali, biologici e chimici, dimostrano importanza di una formazione di qualità e costante». Monti (Vicepres. Simedet): «Creare strutture permanenti per contrastare rischi come pandemie o guerre»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...