OMCeO, Enti e Territori 27 novembre 2018

Siena, Nursing Up: «Alle Scotte infermieri costretti a fare letti, trasportare pazienti e portare prelievi in laboratorio»

Va avanti la dura presa di posizione del Nursing Up contro il demansionamento infermieristico: il sindacato di categoria denuncia in una lettera la grave situazione in cui operano i professionisti sanitari alle Scotte di Siena, dove, nel reparto di OBI/Medicina d’Urgenza, «sono costretti a lavare i letti di degenza per consentire il trasferimento dei pazienti […]

Va avanti la dura presa di posizione del Nursing Up contro il demansionamento infermieristico: il sindacato di categoria denuncia in una lettera la grave situazione in cui operano i professionisti sanitari alle Scotte di Siena, dove, nel reparto di OBI/Medicina d’Urgenza, «sono costretti a lavare i letti di degenza per consentire il trasferimento dei pazienti dal Pronto Soccorso all’OBI, trasportare i ricoverati allettati alle unità di Diagnostica e portare prelievi al laboratorio, a discapito dell’attività infermieristica e di conseguenza dell’assistenza al cittadino», comunica in una nota.

«Tali compiti rientrano nel profilo dell’Operatore socio sanitario, e non in quello del personale infermieristico – spiega la referente Nursing Up Toscana Senia Pocci – come abbiamo ampiamente esplicitato nella nostra missiva del 1 ottobre scorso. Ma, non avendo ricevuto nessuna risposta da parte della dirigenza aziendale a due mesi dalla nostra segnalazione, comunichiamo che ricorreremo alle sedi legali opportune per richiedere il riconoscimento del danno professionale ex art. 1226 (artt. 1218 e 2043 del Codice Civile)».

Nursing Up è da lungo tempo impegnato a contrastare il demansionamento alle Scotte. Infatti «durante l’estate – prosegue – abbiamo incontrato il Dg per risolvere il problema dell’assenza degli Oss durante il turno notturno ricevendo la garanzia che almeno per l’OBI/Medicina d’Urgenza il problema sarebbe stato risolto ‘in tempi brevissimi’, per usare le sue stesse parole». Durante l’incontro il sindacato ha ribadito che l’inserimento del personale di supporto deve avvenire senza riduzione del personale infermieristico, non essendo tali figure intercambiabili l’una con l’altra.

Ma non è andata così perché «nel frattempo – aggiunge la rappresentante Nursing Up – ci sono giunte numerose segnalazioni di infermieri inseriti nel turno Oss anche durante il turno diurno. Una situazione inaccettabile che si aggrava sempre di più e che il sindacato degli infermieri intende fermare. La misura è colma – attacca – a nessuna altra professionalità di laureati è richiesto un tale sacrificio per sopperire a carenze sia di infermieri sia Oss è ormai divenuto strutturale».

Nursing Up ha quindi inviato una seconda nota all’Azienda e agli OPI di competenza «affinché provvedano a non dequalificare più gli infermieri, mettendone a rischio in tal modo l’attività e con essa la qualità dell’assistenza ai cittadini. Andremo avanti in questa lotta e invitiamo tutti i colleghi a segnalarci le situazioni in cui ci viene richiesto di svolgere attività che non rientrino nel nostro profilo professionale».

LEGGI ANCHE: NURSING UP AL MINISTRO GRILLO: «INFERMIERI CHIEDONO VALORIZZAZIONE E ASSUNZIONI»

Articoli correlati
Nursing Up cambia logo e offre nuovi servizi: «Siamo vicini agli infermieri anche fuori dal lavoro»
Restyling del logo e nuovi servizi a disposizione degli infermieri raccontati in un video online: queste le novità 2019 del sindacato di categoria Nursing Up, che intende affiancare alle sue battaglie storiche strumenti innovativi e di supporto ai professionisti della salute, e anche una rinnovata veste grafica. “Per i vent’anni di vita abbiamo deciso di […]
Manifesto Fine Vita, infermieri in prima fila. Mangiacavalli (Fnopi): «Vogliamo firmare e partecipare a decisioni»
«Dignità, ascolto e rispetto, valori alla base del sapere e dell'agire infermieristico. Diamo avvio a rete per accesso alle cure palliative e terapia del dolore». Così la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli
Fine vita, ecco il Manifesto Interreligioso: garantisce cure, dignità e supporto religioso nelle strutture sanitarie
Il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita firmato oggi a Roma è costituito da nove punti ed è stato esposto da Angelo Tanese (Direttore generale Asl Roma 1) Pier Francesco Meneghini (Presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore) e Maria Angela Falà (Presidente del Tavolo interreligioso di Roma). Presente anche Giulia Grillo
Stupra donna in coma, FNOPI: “Non è stato un infermiere ma un practical nurse”
Non è stato un infermiere ad aver stuprato e ingravidato una donna in coma in una struttura sanitaria di Phoenix, in Arizona. “Si tratta di un practical nurse, un operatore generico, non certo un infermiere iscritto a un albo professionale, con anni di università alle spalle e un severo codice deontologico da rispettare”. È questa […]
Operazione “Mondo Sepolto”, la FNOPI: «Nessun infermiere coinvolto, il buon nome della professione va tutelato»
La Federazione interviene sui recenti fatti di cronaca accaduti a Bologna: «Ancora una volta la professione è stata coinvolta erroneamente in notizie inerenti fatti inaccettabili, che violano, prima ancora delle leggi, il codice etico.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...