Voci della Sanità 25 Ottobre 2022 19:48

Sicurezza nei luoghi di lavoro, Di Nucci (CdA TdP Roma): «Appello ai colleghi, serve un documento per rivendicare esercizio esclusivo professione»

Due gli eventi in programma in occasione della settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro: a Tor Vergata seminario del presidente della CdA di Roma e Provincia dei Tecnici della sicurezza sul lavoro e presso la sede dell’Ordine di Roma un seminario con i giovani vincitori del premio Giuseppe Mosca

Anche quest’anno la Commissione d’Albo dei Tecnici della Prevenzione e della Sicurezza nei luoghi di lavoro di Roma e provincia celebra la settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, che si svolge ogni anno in ottobre essendo la 43esima settimana dell’anno.

Due gli eventi in programma: mercoledì 26 ottobre, presso l’università degli Studi Tor Vergata di Roma, il presidente della commissione d’Albo Vincenzo Di Nucci terrà un seminario sul ruolo e sulla funzione del Tecnico della Prevenzione in coincidenza dell’avvio dell’anno accademico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro.

Venerdì 28 ottobre, dalle 15.30 alle 18.30, presso la sede dell’Ordine TSRM PSTRP di Roma e provincia in via Casilina 1670, i giovani colleghi vincitori del premio di laurea Giuseppe Mosca terranno un seminario in cui illustreranno i loro lavori di ricerca. Per quest’anno è istituita la 2°edizione del premio, rivolta ai laureati dell’Anno accademico 2020-2021 e che hanno discusso la tesi nel periodo novembre 2021 – giugno 2022, presso i Corsi di Laurea ubicati nell’ambito della provincia di Roma. Sul sito dell’Ordine di Roma è pubblicato il bando e le modalità per inviare la propria candidatura

«Questo fenomeno delle stragi sui luoghi di lavoro non si ferma, purtroppo dopo la pandemia i numeri sono tornati a salire – commenta il presidente della Commissione d’Albo di Roma Vincenzo Di Nucci -. Noi pensiamo che il fenomeno è anche causa del fatto che il mondo dei consulenti dei datori di lavoro è per oltre il 90% fatto di professionisti che non sono Tecnici della Prevenzione».

Secondo Di Nucci «le leggi oggi consentono un esercizio abusivo legalizzato della professione. Per questo mi appello alla Commissione d’Albo nazionale dei TdP e ai colleghi di tutta Italia affinchè ci facciamo promotori di una Assemblea costituente nel quale approvare un documento di posizione a livello nazionale per iniziare un percorso che arrivi a definire un esercizio esclusivo dei professionisti che svolgono questa attività.

«Oggi tutti possono fare i consulenti con una preparazione modesta rispetto alla preparazione che fornisce il nostro corso di laurea – conclude Di Nucci -. Non devono più esserci concorsi come l’ultimo per l’Ispettorato Nazionale del Lavoro dove hanno partecipato persone con qualsiasi laurea. È anche per questo che oggi manca una cultura della sicurezza del lavoro in Italia».

 

Articoli correlati
Sicurezza sul lavoro, gli Ordini TSRM e PSTRP lombardi: «Attivare banca dati SINP e valorizzare TPALL»
Le proposte dei Tecnici della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro
Sicurezza sul lavoro, lettera FNCF al governo: «Esperti chimici e fisici siano presenti nelle aziende e negli enti preposti al controllo»
«Le morti bianche non vedono flessione e nei vari settori del mondo manifatturiero e dei servizi si registrano continui incidenti sul lavoro con esiti fatali e preoccupano gli infortuni e le malattie professionali che colpiscono silenziosamente i lavoratori di comparti diversi». Così si legge nell’incipit di una lettera inviata dalla Federazione degli Ordini dei Chimici […]
Infortuni sul lavoro e malattie professionali, Lucibello (INAIL): «Aggressioni ai medici al centro del Piano di Ricerca 2019-21»
«Patologie osteoarticolari, danni vista e udito, intossicazioni e stress da lavoro». È Giuseppe Lucibello, direttore generale INAIL, a descrivere le principali malattie professionali. Tra il 2017 e il 2018 cresciute del 3,5%: «Per un effetto dell’allungamento della vita lavorativa – ha aggiunto Lucibello – queste patologie cominciano ad abbracciare anche la forbice tra i 50 e i 65 anni. Necessario attivare misure di Active Aging»
di Isabella Faggiano
Le sostanze più pericolose per la salute sui luoghi di lavoro
Quando parliamo di rischio ci riferiamo alla probabilità da parte di un individuo di subire un danno. Tutti i luoghi di lavoro sottopongono i dipendenti al potenziale rischio d’incidenti di qualsiasi genere, anche in relazione al luogo di lavoro e alle sostanze utilizzate durante le diverse attività. Considerando una minima percentuale dovuta al caso, umanamente […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...