Voci della Sanità 17 Luglio 2019

Sicurezza cure, grazie al Premio SHAM pubblico e privato per la prima volta sullo stesso piano

Anche l’Associazione Italiana Ospedalità Privata (AIOP) patrocinerà la IV edizione del ‘Premio SHAM per prevenzione dei rischi’. «Si tratta di un’iniziativa unica – si legge in una nota – che ha come scopo promuovere, conoscere e premiare economicamente i progetti sanitari che rendono le cure più sicure. Caso unico in Italia è, anche, l’incontro e […]

Anche l’Associazione Italiana Ospedalità Privata (AIOP) patrocinerà la IV edizione del ‘Premio SHAM per prevenzione dei rischi’. «Si tratta di un’iniziativa unica – si legge in una nota – che ha come scopo promuovere, conoscere e premiare economicamente i progetti sanitari che rendono le cure più sicure. Caso unico in Italia è, anche, l’incontro e il confronto di progetti pubblici e privati dedicati alla prevenzione e al miglioramento di qualità e gestione del rischio».

«Queste – inizia Roberto Ravinale, Direttore esecutivo di SHAM in Italia – sono state, fin dall’inizio, le finalità del Premio: diffondere la cultura della prevenzione, far conoscere e replicare a livello nazionale le migliori pratiche locali; restituire a livello mediatico un’immagine veritiera dell’ecosistema sanitario italiano che, quotidianamente, investe in sicurezza e prevenzione».

«Sono valori che sposiamo in pieno, rispetto ai quali siamo felici di contribuire sensibilizzando i nostri associati a partecipare al Premio Sham 2019 –  spiega Filippo Leonardi, Direttore della Sede nazionale AIOP -. Dal punto di vista della sicurezza del paziente, pubblico e privato devono divenire intercambiabili. I pazienti sono gli stessi; ma sulla qualità delle cure bisogna fare a gara per dare il meglio, sia dal punto di vista tecnologico che organizzativo. Come Associazione siamo fortemente impegnati nel favorire e promuovere il confronto e il miglioramento nella cultura e nella pratica della gestione del rischio».

Negli ultimi tre anni il Premio ha ricevuto, raccontato e promosso oltre 100 progetti da tutta Italia. Nel 2019 e per la prima volta, il Premio accoglierà progetti provenienti dall’intero ecosistema della sanità italiana: strutture pubbliche – con il patrocinio di FEDERSANITÀ-ANCI -; private no profit – con il patrocinio di ARIS -; e private con il patrocinio di AIOP.

«La sicurezza è un ottimo comune denominatore per la sanità italiana – conclude Ravinale di SHAM -. Pubblico, Privato e Privato no Profit devono potersi incontrare e spesso, al fine di sviluppare una gestione del rischio omogenea e uniforme. Contribuire a diffondere questa cultura della sicurezza condivisa e le buone pratiche che l’accompagnano è uno degli obiettivi fondativi di SHAM: una Mutua che, da oltre 90 anni, non si limita ad assicurare il rischio ma promuove percorsi di miglioramento all’interno delle strutture sanitarie con conoscenze specializzate e iniziative aperte a tutti gli attori sanitari, indipendentemente dall’essere essi nostri associati o meno».

Il premio SHAM è una di queste iniziative e, anche quest’anno, una speciale commissione di Risk Manager sceglierà tre progetti vincitori assegnando i premi di 6mila euro che verranno reinvestiti in prevenzione. La premiazione avverrà durante Forum Risk Management Sanità a Firenze tra il 26 e il 29 novembre 2019.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco