Voci della Sanità 22 Giugno 2020

Semplificazione, più scuole di specializzazioni per Chimici e esame di Stato per i Fisici: le proposte della FNCF durante gli Stati Generali dell’Economia

«Riteniamo che si possano migliorare insieme alcuni aspetti a vantaggio dei professionisti e della collettività tutta, nell’interesse specifico di garantire la salute nei luoghi di vita e di lavoro» sottolinea la Presidente della Federazione Nausicaa Orlandi

Gli Stati Generali dell’economia, convocati dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per fare il punto sul piano Rilancio che dovrà portare l’Italia fuori dalla crisi economico e sanitaria Covid-19, si sono conclusi con la Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie. Dieci le categorie presenti al tavolo di confronto, tra cui anche la Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici (FNCF) rappresentata dal Presidente Nausicaa Orlandi per dar voce alle istanze dei professionisti Chimici e Fisici italiani.

«Con lo spirito di collaborazione che ci ha sempre contraddistinto, ci permettiamo di formulare alcune indicazioni previa una breve rappresentazione del ruolo dei Chimici e dei Fisici nel mondo della Salute», così ha iniziato il suo discorso il Presidente Orlandi. «Durante questa emergenza sanitaria, è risultato fondamentale il ruolo svolto dai professionisti chimici e fisici presenti anche in ambito apicale nel Ministero della Salute, nell’Istituto Superiore della Sanità e nell’INAIL: formulazione di linee guida, individuazione e corretta gestione delle procedure di sanificazione, sicurezza sul lavoro e protocolli, elaborazione di studi e ricerche di diffusione e controllo del Coronavirus a livello ambientale. È bene quindi ricordare che diversi chimici e fisici e dirigenti sanitari operano nel sistema sanitario nazionale, pubblico e privato, nelle strutture ospedaliere, nei dipartimenti di prevenzione ed in altri settori della pubblica amministrazione. Fatte queste premesse, nell’ambito del Progetto per il Rilancio del Paese, riteniamo che si possano migliorare insieme alcuni aspetti a vantaggio dei professionisti e della collettività tutta, nell’interesse specifico di garantire la salute nei luoghi di vita e di lavoro, il sostegno economico dei lavoratori e dei professionisti, e il supporto fattivo tramite il principio di sussidiarietà alla pubblica amministrazione».

In questa prospettiva, la FNCF ha messo a disposizione del Governo una serie di proposte che contribuiscono allo sviluppo del Paese riassumibili nei seguenti punti: 

  • Garantire l’applicazione del principio di sussidiarietà al fine di semplificare e rendere più efficienti tutte quelle attività e norme della Pubblica Amministrazione che riguardano l’ambito sanitario di competenza, la tutela ambientale, la sicurezza sul lavoro, la sicurezza alimentare, la gestione impianti smaltimento rifiuti e la gestione appalti pubblici. 

 

  • Porre rimedio alla carenza di scuole di specializzazione di Chimici attivandone anche delle nuove più specifiche, poiché tale carenza comporta grosse difficoltà di accesso ai concorsi banditi in ambito sanitario e più in generale della pubblica amministrazione. Allo stesso modo, ripristinare le posizioni e i ruoli di Chimici e Fisici all’interno delle strutture sanitarie con l’obiettivo di incrementare le assunzioni e dare sbocchi lavorativi ai giovani.
  • Completare la riforma del sistema ordinistico ed istituire l’esame di stato per i Fisici, in modo da permettere loro l’accesso all’iscrizione all’Albo e dunque al mercato del lavoro per i giovani neolaureati e per coloro che ancora oggi non rientrano nella finestra transitoria. 
  • Contare sul supporto e sulle competenze tecniche di Chimici e Fisici per attuare politiche economiche industriali sostenibili, innovative e di ampio respiro per il Paese. 
  • Attuare misure concrete e straordinarie che permettano il sostegno economico dei professionisti ordinistici, il rilancio dell’economia e l’avvio di nuove attività libero professionali da parte dei giovani.  

 

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e Fisici pertanto resta a disposizione del Governo per sostenere, attraverso uno specifico supporto tecnico-scientifico, l’attuazione delle misure proposte e di quelle che il Governo vorrà adottare con particolare riguardo al settore della salute, della prevenzione, della sicurezza sul lavoro, sicurezza alimentare e tutela dell’ambiente.

Articoli correlati
Covid-19, Orlandi (FNFC): «Chimici pronti a eseguire i test antigenici rapidi nei propri studi»
Nausicaa Orlandi, Presidente FNFC e membro del Comitato Tecnico Scientifico, offre la disponibilità dei professionisti dell’Ordine per aiutare le attività di testing. «In questo modo, si potrebbe venire incontro alle esigenze della popolazione tutta» spiega. Poi chiede ulteriori misure di sostegno ai Chimici e Fisici che lavorano in settori “temporaneamente fermi”
Professioni Sanitarie, la FNFC partecipa alla commissione sulle istruttorie per le professioni non organizzate in ordini o collegi
«Ringraziamo i Ministeri per l’istituzione di questo gruppo di lavoro consultivo e permanente», commenta Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
Chimici e Fisici incontrano il Ministro Speranza: focus su scuole di specializzazione, esame di stato e valorizzazione ruolo sanitario
Tra le proposte portate dalla Presidente della FNCF Nausicaa Orlandi e dal Segretario Daniela Maurizi le disposizione transitorie per la riforma del sistema ordinistico, l'attivazione di scuole di specializzazione, la definizione del trattamento economico per specializzandi di area non medica, la partecipazione ai tavoli di lavoro del Testo Unico sulla Sicurezza e potenziamento del ruolo nelle ARPA
Migliorare la gestione delle risorse, alleggerire la burocrazia e più meritocrazia: le proposte della FNO TSRM PSTRP agli Stati Generali
Per il maxi Ordine delle Professioni sanitarie era presente il Presidente Alessandro Beux. Al primo punto la necessitò di «dare piena attuazione a quanto negli anni è stato scritto in autorevoli atti d’indirizzo: Patto per la Salute, Patto per la sanità digitale, Piano nazionale della prevenzione, Piano nazionale della cronicità»
Stati Generali, Gazzi (CNOAS): «Servono investimenti di prospettiva, disagio sociale non si cancella in qualche mese»
Il presidente degli Assistenti sociali agli Stati Generali ha portato un documento con le proposte del CNOAS
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli